La fondazione di George Soros dona 1 milione di euro a Milano

ritratto di george soros
George Soros (Foto: Win McNamee – Getty Images)
Share
ritratto di george soros
George Soros (Foto: Win McNamee/Getty Images)

In arrivo 1 milione di euro per la popolazione di Milano, fortemente provata dalla crisi scatenata dal coronavirus. Il mittente di tale cospicua donazione è la Open Society Foundations creata dal miliardario George Soros. A rivelarlo è direttamente il figlio Alexander in una lettera aperta pubblicata sulla piattaforma media Project Syndicate.

“… l’organizzazione fondata da mio padre, la Open Society Foundations, viene in aiuto dell’Italia in questo momento decisivo – scrive Alex – e impegna un milione di euro per la città di Milano, a sostegno del difficile lavoro di sostegno dei suoi abitanti più deboli e per aiutare a rilanciare l’economia, la salute e lo spirito positivo degli abitanti nei prossimi mesi”.

L’Europa è una famiglia divisa”, la critica di Soros all’Unione Europea

Ma perché Soros vuole offrire il suo aiuto proprio a Milano? La risposta la troviamo sempre tra le parole di Alexander Soros:

Milano, il cuore della regione, è qualcosa di più della colonna portante dell’economia italiana. La città, fino a tempi recenti pulsante di vita, è legata inestricabilmente al progetto europeo ed è un motore decisivo dell’intera economia europea”.  

Comunità Europea alla quale il figlio del miliardario non lesina critiche per il comportamento adottato in un particolarissimo periodo storico in cui la solidarietà dovrebbe essere il motore di ogni scelta. Per lui l’Europa non è stata in grado di agire prontamente, e molti Paesi si sono chiusi all’interno dei propri confini “dando l’impressione di preoccuparsi più che altro della propria convenienza economica”.

Soros dona anche per la sua terra d’origine

Ma il magnate non poteva dimenticare le proprie origini e, come riporta Forbes.com, ha confermato una donazione da 1 milione di euro anche per sostenere Budapest, la sua città natale. E il sindaco della città Karácsony Gergely lo ringrazia pubblicamente via Facebook  invitando tutti a vedere questo dono semplicemente come un bel gesto: “George Soros dona un milione di euro a Budapest per proteggersi dal coronavirus. Grazie!”.

Tutto questo avviene anche in una situazione delicatissima per la terra di Ungheria passata sotto i pieni poteri del Primo Ministro Viktor Orban. Un evento che la stessa Open Society Foundations critica fortemente in una nota ufficiale: “La pandemia COVID-19 è una sfida eccezionale per i governi di tutto il mondo che richiederanno misure rigorose da ogni governo al fine di salvaguardare la salute e la sicurezza pubblica. Questo disegno di legge, tuttavia, è una palese presa di potere da parte di un aspirante dittatore che deruba i cittadini ungheresi dai loro diritti democratici”.