Dopo il rialzo di Capodanno il bitcoin precipita del 13%

Criptovalute: bitcoin, la più nota criptovaluta
Share
Criptovalute: bitcoin, la più nota criptovaluta
(Photo by Dan Kitwood -Getty Images)

Articolo di Sarah Hansen su Forbes.com

I prezzi dei bitcoin sono crollati del 13% lunedì mattina dopo aver toccato il massimo record di 34.000 dollari domenica.

Aspetti principali

  • La più nota criptovaluta, il bitcoin, è scesa del 13% nelle prime ore di lunedì mattina passando da circa $ 33.000 a livelli intorno ai $ 28.700, ma sta costantemente recuperando alcune di quelle perdite.
  • La popolare criptovaluta è più che quadruplicata in valore nel 2020, con il suo prezzo che è passato da circa $ 7.000 per bitcoin all’inizio del 2020 a oltre $ 29.000 entro la fine di dicembre.
  • Il rialzo del bitcoin è continuato nel nuovo anno, con i prezzi che sono aumentati ulteriormente fino a un massimo record di oltre $ 34.000.
  • Alcuni esperti hanno attribuito questi enormi guadagni all’interesse degli investitori per una copertura a lungo termine contro l’inflazione (il valore di bitcoin non è controllato da nessuna banca centrale), soprattutto sulla scia della massiccia spesa di stimolo a livello globale durante la crisi del coronavirus.
  • Il leader mondiale delle criptovalute di PwC, Henri Arslanian, ha dichiarato lunedì alla CNBC che i grandi guadagni di bitcoin negli ultimi mesi possono essere attribuiti in parte anche a attori istituzionali più grandi che entrano nel mercato.

Citazione cruciale

“Il bitcoin è ancora una risorsa inevitabilmente volatile per sua natura”, ha detto alla Reuters Joseph Edwards di Enigma Securities . “Per la maggior parte, questa sembra un movimento puramente tecnico, segnalato e causato da un’euforia a breve termine”, ha aggiunto.

Contesto

Quando il bitcoin ha battuto i record nel 2020, i leader di Wall Street se ne sono accorti, ma sono rimasti scettici sul fatto che la criptovaluta potesse diventare un bene popolare per le principali istituzioni finanziarie, nonostante la fretta dei singoli investitori nell’accumularli. Il miliardario degli hedge fund Ray Dalio ha dichiarato a novembre che il bitcoin “non è molto buono” come mezzo di scambio o come riserva di ricchezza a causa della sua volatilità.