Vedrai acquisisce Premoneo: al via la creazione di un polo italiano dedicato all’intelligenza artificiale

Vedrai dà vita a fermai con motive
Michele Grazioli, ceo e presidente di Vedrai.
Share

Vedrai continua il suo inesorabile percorso di crescita e annuncia l’acquisizione di Premoneo (precedentemente Dynamitick), azienda italiana specializzata in soluzioni di pricing, forecasting e segmentazione.

Nel dettaglio, Vedrai, specializzata nello sviluppo di piattaforme basate su Intelligenza Artificiale rivolte alle pmi, ha rilevato il 51% di Premoneo che entrerà a tutti gli effetti nel gruppo guidato dal 26enne Michele Grazioli (uno degli under 30 identificati da Forbes Italia), mantenendo separati brand, prodotti e team. Rilevando così le quote di LVenture Group, Boost Heroes, Wylab e Open Seed e di altri business angel che avevano investito nelle prime fasi di vita della società milanese e puntando alla totale acquisizione della società entro il 2023, come hanno rivelato le due aziende.

LEGGI ANCHE: “BFC Media entra nel capitale di Vedrai, leader nei servizi di intelligenza artificiale per le imprese”

La scelta di acquisire Premoneo è “legata alla grande esperienza dell’azienda nelle soluzioni di dynamic pricing nel mondo viaggi e ticketing, con competenze che si allargano anche ai settori retail, banking, insurance, trasporti, logistica ed energy”, evidenzia in una nota ufficiale l’azienda di Michele Grazioli, che aggiunge: “L’acquisizione si inserisce nell’ambito della strategia del gruppo Vedrai che, nato nel 2020, punta a diventare un polo dell’AI competitivo non solo a livello italiano ma anche europeo. In particolare, le tecnologie di Vedrai sono pensate per supportare le aziende, specialmente le pmi, nel prendere decisioni efficaci”.

“Con Premoneo, Vedrai condivide la mission di supportare le aziende nel prendere decisioni: vogliamo rendere l’Intelligenza Artificiale sempre più a portata di PMI e spiegare come questi strumenti possano avere un riscontro tangibile non soltanto in termini economici ma anche facendo risparmiare tempo ed energie”, spiega Michele Grazioli, Presidente di Vedrai. “La gamma di prodotti offerta da Premoneo si integra perfettamente con quella già strutturata da Vedrai e insieme saremo in grado di estenderla anche oltre, per raggiungere sempre più settori”. Anche perché il mercato dell’Intelligenza Artificiale in Italia è ancora poco sviluppato, come sottolinea Grazioli. “Per questo è fondamentale che i principali players si strutturino e uniscano le forze, adottando una strategia che consenta di non disperdere investimenti ed energie e di ottenere il massimo dei benefici, per rendere il settore più competitivo e attrattivo anche all’estero”.

Soddisfatto Federico Quarato, ceo di Premoneo: “Insieme a Vedrai Spa continueremo il nostro percorso per trasformare le attività di pricing e forecasting nell’elemento di forza delle aziende. La mission di Vedrai è perfettamente allineata alle nostre ambizioni. Credo fortemente che questo accordo rappresenti la scelta migliore per il futuro della nostra società e delle sue persone”.

Fondata nel 2016 da Federico Quarato, Marco Alò e Massimo Dell’Erba come Dynamitick, Premoneo nel 2020, in risposta alla pandemia, ha scelto di puntare su un’operazione di rebranding, diventando Premoneo e investendo in tecnologia, per conquistare nuovi settori e aggiungere al pricing anche attività di forecasting e segmentazione. L’azienda, quindi, affianca le aziende con strumenti informatici a supporto di strategie commerciali volte alla massimizzazione di redditività e margini operativi. Ad utilizzare i software di Premoneo sono diverse realtà leader nei loro settori, come Lastminute.com, Costa Edutainment, Consulcesi e Valdo Spumanti.

LEGGI ANCHE: “Da Chiellini a Piero Angela, l’algoritmo di un under 30 conquista anche i vip: aumento da 5 milioni per crescere all’estero”