Amazon, Pepsi e altre aziende americane assumeranno oltre 22mila rifugiati nei prossimi tre anni

Ulukaya-rifugiati
Hamdi Ulukaya, il miliardario fondatore dell’azienda di yogurt Chobani. GETTY IMAGES
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

45 aziende, tra cui Amazon, Hilton e PepsiCo, si sono impegnate ad assumere più di 22mila rifugiati nei prossimi tre anni nell’ambito di un’iniziativa della Tent Partnership for Refugees, un’organizzazione no-profit fondata dal miliardario di Chobani Hamdi Ulukaya.

“I marchi e le aziende che si uniscono e prendono questi impegni incoraggeranno altre aziende a farsi avanti”, ha dichiarato Ulukaya a Forbes. “Penso che le aziende stiano uscendo allo scoperto e facciano dei rifugiati parte delle loro assunzioni”.

L’aumento del numero dei rifugiati

Gli impegni assunti dalle aziende in questione giungono in concomitanza con l’aumento della popolazione di rifugiati a livello globale, dopo la conquista dell’Afghanistan da parte dei Talebani, la guerra russa contro l’Ucraina e l’instabilità politica ed economica del Venezuela. La Tent ha annunciato i nuovi impegni lunedì, in concomitanza con il suo primo summit aziendale sui rifugiati a New York.

LEGGI ANCHE: “Airbnb ha deciso di offrire alloggio gratuito a 20.000 rifugiati afgani”

Secondo l’UNHCR, alla fine del 2021 la popolazione globale di rifugiati avrà superato i 27 milioni. Questi numeri sono precedenti alla guerra in Ucraina, che ha provocato altri 7,3 milioni di rifugiati. Questa’anno si prevede da parte degli Stati Uniti l’accoglienza di quasi 100mila rifugiati afghani, 100mila ucraini e altri 125mila rifugiati da altre parti del mondo, secondo la Tent.

Le azioni di Ulukaya

Per le aziende statunitensi, l’impegno ad assumere rifugiati arriva in un momento in cui si trovano ad affrontare un mercato del lavoro storicamente rigido che ha reso difficile la copertura dei ruoli aperti. “Credo che l’impegno di 20mila persone rispetto alla popolazione arrivata sia molto significativo”, ha detto Ulukaya, 49 anni, il cui patrimonio arriva a 2,2 miliardi di dollari. Oltre alle assunzioni dirette, ha detto, Tent sta incoraggiando le aziende a spingere le imprese della loro catena di approvvigionamento ad assumere rifugiati, come ha fatto alla Chobani.

LEGGI ANCHE: “Perché su Airbnb è boom di prenotazioni in Ucraina, anche se poi la gente non va?”

All’inizio di quest’anno, Tent ha annunciato che più di 100 aziende, tra cui Delta, Pfizer e Marriott, hanno aderito al loro impegno per coprire i posti di lavoro vacanti con lavoratori rifugiati. Le nuove iniziative portano la rete di Tent a un totale di 260 grandi aziende che hanno dichiarato di voler assumere e formare queste persone.

Ulukaya, un curdo cresciuto nella Turchia orientale, è stato uno dei più forti e duraturi sostenitori dell’assunzione di rifugiati. Ha iniziato ad assumerli nella sua azienda di yogurt e successivamente ha fondato l’associazione no-profit Tent nel 2016 per aiutare proprio le aziende a sostenere i rifugiati. Il suo mantra è: “Nel momento in cui un rifugiato trova lavoro, smette di essere un rifugiato”. Ulukaya e Chobani hanno finanziato Tent con circa 20 milioni di dollari dalla sua fondazione.

“Si tratta di un grande problema. Ci sono milioni di persone che sono bloccate”, ha proseguito. “Si osserva come il tema dei rifugiati sia stato usato nella sfera politica in modo sbagliato e questo ha danneggiato tutti noi. Sono persone come noi, madri, sorelle, fratelli, padri, costretti a lasciare le loro case desiderose di avere una seconda possibilità. Ho pensato che il coinvolgimento delle imprese potesse influire su questo”.

La Tent Partnership fornisce risorse alle aziende della sua rete per aiutarle ad assumere e formare i rifugiati, oltre a organizzare eventi di assunzione in collaborazione con organizzazioni non profit locali in aree con grandi popolazioni di rifugiati, come Los Angeles, Houston e la Virginia settentrionale.

Da PepsiCo a Hilton

Tra i principali impegni triennali, ManpowerGroup inserirà almeno 3mila rifugiati in posti di lavoro presso le sue aziende clienti, Tyson Foods assumerà 2.500 rifugiati e le società di portafoglio, mentre le proprietà immobiliari di Blackstone assumeranno almeno 2mila rifugiati. Tra le altre aziende figurano Hilton, Marriott, Cargill, Hyatt, PepsiCo e Pfizer. Tent stima che gli impegni di assunzione genereranno ogni anno un reddito di 915 milioni di dollari per i rifugiati negli Stati Uniti.

PepsiCo, ad esempio, che aveva già collaborato con Tent in Europa occidentale per un programma di mentoring e coaching, ha accettato di assumere 500 persone nei prossimi tre anni. “Cinquecento persone sono abbastanza da costringerci a impegnare davvero le risorse e costringere il mio team a dire che non è una cosa secondaria”, ha dichiarato Ronald Schellekens, responsabile delle risorse umane di PepsiCo.

In particolare, PepsiCo pensa di concentrare le assunzioni di rifugiati a Phoenix, Dallas, Denver e Chicago. Schellekens prevede di assumere sia per le fabbriche che per gli uffici; le attività alimentari dell’azienda hanno sede a Dallas, mentre le attività di Gatorade e Quaker si trovano a Chicago. “Penso che dovrebbe trattarsi sia di colletti blu che di colletti bianchi”, ha dichiarato. “La vedo come un’opportunità di talento. Non c’è un libro di giochi fisso”.

Il gigante della lavorazione del pollo Tyson Foods, che impiega più di 100mila persone nelle sue attività nordamericane, prevede di assumere 2.500 rifugiati nei prossimi tre anni. “Per molto tempo abbiamo attirato a lavorare alla Tyson persone con diverse conoscenze dell’inglese e con lo status di rifugiato”, ha dichiarato John R. Tyson, vicepresidente esecutivo della strategia dell’azienda e membro di quarta generazione della famiglia Tyson.

Hilton, che collabora con Tent dal 2018, prevede di reclutare 1.500 rifugiati sia negli hotel di proprietà che in quelli in franchising negli Stati Uniti. “Poiché l’industria dell’ospitalità continua a navigare in un mercato del lavoro difficile, questi talenti possono fornire nuove opportunità di reclutamento e di assunzione”, ha dichiarato un portavoce di Hilton.

L’alto tasso di fidelizzazione dei rifugiati

Non si tratta solo di altruismo. In un sondaggio del 2018, Tent ha rilevato che il 73% dei datori di lavoro ha registrato un tasso di fidelizzazione più elevato per i rifugiati rispetto agli altri dipendenti. Tra le aziende manifatturiere, il tasso di turnover dei rifugiati è stato solo del 4%, inferiore all’11% per tutti i dipendenti, secondo il rapporto. Sebbene Tent non abbia aggiornato la ricerca, si prevede che questi tassi di fidelizzazione più elevati siano rimasti.

All’inizio, come dichiarato dallo stesso Ulukaya, è stato “molto difficile” convincere le grandi aziende a sostenere lo sforzo, ma col tempo Tent ha fatto breccia. “Abbiamo davvero un’argomentazione economica. Se si assumono queste persone, la produttività e la cultura ne risentono, e dal punto di vista economico non c’è dubbio”.

Nel tentativo di ampliare i bacini di assunzione, anche le aziende al di fuori della rete delle Tende hanno cercato di reclutare rifugiati. GE Appliances, che è di proprietà del conglomerato cinese di elettronica di consumo Haier, ha istituito un proprio programma dedicato ai rifugiati afghani e di altro tipo, oltre a persone che parlano bilingue, per il suo stabilimento di Louisville, che impiega più di 5mila operai.

Manodopera qualificata

Ulukaya sostiene inoltre che le aziende devono pensare ai rifugiati non solo per i lavori da operai, poiché molte delle persone che arrivano negli Stati Uniti hanno lauree avanzate e altre formazioni professionali. “Guardate la popolazione che arriva dall’Afghanistan o dall’Ucraina. Ci sono medici e ingegneri. Vederli lavorare come operai non è giusto. Devono arrivare a un punto in cui possano trovare un lavoro basato sulla loro esperienza”.

L’offerta pubblica di Chobani, che secondo quanto riferito valeva 10 miliardi di dollari, è stata rinviata all’inizio dell’anno a causa del calo delle azioni e a settembre è stata completamente ritirata. La quotazione in borsa nel mercato attuale “non ha senso”, ha detto Ulukaya. “Non abbiamo alcuna pressione a fare qualcosa. Quando sarà il momento giusto, torneremo in borsa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.