Skin
Jeep-stellantis
Responsibility

Come i brand del gruppo Stellantis si preparano ad affrontare la transizione energetica

Articolo tratto dal numero di giugno 2024 di Forbes Italia. Abbonati!

Proteggere la libertà di movimento attraverso mezzi sicuri, puliti ed economicamente accessibili: questo uno degli obiettivi primari di Stellantis. Una sfida globale, quella della transizione energetica, che richiede investimenti e che il gruppo affronta con la sua galassia di 14 brand.

Il piano strategico Dare Forward 2030 del gruppo prevede una radicale riduzione delle emissioni, in modo da dimezzare entro il 2030 la CO2 prodotta rispetto al 2021 e da azzerare le emissioni di carbonio entro il 2038. L’impegno riguarda tutte le fonti di gas serra, dai veicoli alla catena di fornitura, fino agli stabilimenti e agli immobili.

Autonomia, tempi di ricarica, costi e varietà di scelta sono caratteristiche fondamentali per scegliere un veicolo all’interno di una combinazione di quattro piattaforme bev (Stla Small, Medium, Large e Frame) e due tipologie di celle per batterie.

Ecco i programmi green per l’Italia di cinque fra i marchi più importanti e innovativi, ossia Citroën, Fiat, Jeep, Lancia e Peugeot (in ordine alfabetico).

Citroën, accessibilità e coinvolgimento

Citroën-stellantis
Copyright William Crozes @ Continental Productions

La missione del marchio francese è rendere l’elettrico finalmente accessibile a tutti. Solo in questo modo si potrà realizzare davvero la transizione energetica a cui tutti i costruttori sono chiamati, nel rispetto delle regole comunitarie, per proteggere l’ambiente.

In tal senso, la proposta della casa del double chevron è sempre più ricca, in termini di modelli, prodotti finanziari e iniziative. La nuova ë-C3 rappresenta il manifesto dell’azienda di Saint-Ouen per la mobilità sostenibile, supportata dal tour Drive all Electric, che promuove il nuovo corso direttamente sulle piazze italiane.

In questa fase, la missione della società è di tipo educativo verso i potenziali clienti, per scardinare le eventuali barriere che risiedono nel prezzo e nella ricarica. L’esordio della city car full electric è stata l’occasione per lanciare Elettrico Sociale Citroën, una proposta capace di rendere accessibile a tutti la mobilità elettrica: un canone mensile di 49 euro.

Così la rata della versione a batteria è ancora più bassa rispetto a quella per la versione a benzina. Chi opta per la ë-C3 fa una scelta ecologica, perché la vettura utilizza un pacco batterie lfp (litio ferro fosfato) da 44 kWh per garantire un’autonomia fino a 320 km nel ciclo wltp, che può arrivare a 440 km nel ciclo urbano.

La capacità di ricarica rapida a corrente continua da 100 kW consente di passare dal 20 all’80% in 26 minuti. Con il suo motore da 83 kW (113 CV) e il cambio automatico, l’accelerazione da 0 a 100 km/h avviene in circa 11 secondi, mentre si raggiunge una velocità massima di 135 km/h.

Altro pilastro della strategia Citroën è l’Ami, il quadriciclo 100% elettrico che, grazie al suo successo commerciale, ha creato in Italia un nuovo mercato, quello delle minicar, veicoli accessibili fin dai 14 anni. Ed è di recente attuazione il programma ë-Lovers: coinvolge gli ambassador, i clienti che già hanno adottato la guida sostenibile nella loro vita quotidiana, per accelerare la transizione elettrica.

Fiat, l’accelerazione green

Fiat-stellantis
Fiat600 Hybrid

La casa italiana preme sull’acceleratore della mobilità sostenibile. È appena arrivata la nuova 600 Hybrid negli showroom, completando la gamma che già offre la versione 100% elettrica. Segna il ritorno di Fiat nel segmento B, da sempre presidiato con successo.

La nuova suv ibrida esprime perfettamente la bellezza e lo stile di vita italiano grazie al suo design cool e a caratteristiche uniche, come la cromoterapia. Può ospitare comodamente cinque persone e ha 15 litri di vani interni, con il portaoggetti anteriore tra i migliori della categoria, più un bagagliaio da 385 litri di capacità.

Due le versioni disponibili: la Fiat 600 Hybrid, con dotazione già ricca, e la top di gamma La Prima, ulteriormente esaltata negli equipaggiamenti. Il motore termico da 1,2 litri, che eroga fino a 100 CV, è abbinato alla batteria agli ioni di litio da 48 volt e al nuovo cambio automatico a doppia frizione a sei rapporti, che comprende propulsore elettrico da 21 kW, un inverter e l’unità centrale di trasmissione.

La tecnologia ibrida della 600 assicura un’esperienza di guida estremamente fluida. Consente di vivere la mobilità elettrica non solo quando si viaggia in città a una velocità inferiore a 30 km/h, ma anche su strade urbane ed extraurbane.

In più, con la Topolino, Fiat prosegue nella sua missione di sviluppare una mobilità sostenibile per le città, trasformandole in parchi giochi rilassanti dove guidare diventa un’esperienza semplice, sostenibile e accessibile a tutti: si tratta infatti di un quadriciclo elettrico gioioso, pensato per le famiglie e anche per i più giovani (over 14).

Due versioni: la Topolino chiusa e la Dolcevita aperta, entrambe a 9.890 euro. Prezzo che scende con gli incentivi statali dedicati ai quadricicli elettrici.

Jeep, l’icona americana per la mobilità pulita europea

Jeep-stellantis
Jeep Avenger4xe

Avenger sugli scudi, subito, in fatto di vendite. È stata concepita presso il Design Studio Europe di Torino per essere un modello capace di incontrare i desideri e soddisfare le necessità del pubblico europeo. Condensa in poco più di quattro metri le caratteristiche del brand e propone un concentrato di libertà.

Il suo successo non sorprende, vista anche la continuità commerciale registrata dal suo lancio. L’aspettativa oggi è quella di crescere grazie a una gamma sempre più ricca: l’Avenger è stata lanciata come la prima Jeep 100% elettrica, poi è stata proposta la versione termica e di recente la e-Hybrid, in attesa della 4xe, la prima Avenger a trazione integrale che arriverà a fine 2024.

La nuova Avenger e-Hybrid testimonia la volontà di offrire ai clienti la massima libertà di scelta: oltre al motore termico e a quello elettrico, c’è una terza opzione, punto di passaggio e di accesso alla mobilità elettrica. La casa punta su una proposta capace di soddisfare tutte le esigenze del pubblico e di rispondere a ogni tendenza di mercato.

La varietà è un asso nella manica, così come la consapevolezza che Avenger, in qualsiasi versione, è un suv capace di offrire prestazioni di riferimento anche in fuoristrada. Senza dimenticare Renegade: apprezzata per la sua immagine distintiva, ha festeggiato il suo decimo anniversario con quasi due milioni di unità vendute in tutto il mondo.

Con una storia e una reputazione consolidata di campione della strada, ha costantemente catturato i cuori dei consumatori, fondendo la robustezza e la capacità di andare ovunque con un tocco di raffinatezza urbana.

Lancia, la transizione elegante

Lancia-stellantis
Lancia Ypsilon

Con 117 anni di storia, Lancia è sinonimo di eleganza italiana, un marchio che ha fatto sognare tanti appassionati in tutto il mondo, grazie ad auto come le Flaminia, l’Aurelia B24 Spider, le grintose Delta, Stratos e 037, le eclettiche Fulvia, Beta Hpe.

Ora il brand, con grande impegno e ambizione, è pronto a iniziare il suo Rinascimento con un piano strategico a dieci anni che procede a ritmo elevato. Innovazione e design senza tempo sono da sempre i valori dell’azienda: adesso sostenibilità, centralità del cliente e responsabilità sociale diventano fondamentali.

La nuova Ypsilon è la prima vettura di produzione ad applicare Lancia Pu+Ra Design, il nuovo linguaggio di design della casa (nome nato dalla crasi tra le parole ‘puro’ e ‘radicale’), unico nel suo genere e destinato a durare nel tempo. Tra le attività del brand, c’è la partecipazione alla Mille Miglia.

Dopo sei anni di assenza, Lancia partecipa all’edizione 2024, la rievocazione storica della “corsa più bella del mondo”, come amava definirla Enzo Ferrari. Un ritorno che ha un forte valore simbolico: il 2024 è infatti il 70esimo anniversario della prima vittoria di Lancia alla Mille Miglia 1954, con una splendida ‘barchetta’ Lancia D24 spider, condotta dal leggendario Alberto Ascari.

Quest’anno il marchio schiera un’Aurelia B20 Gt del 1951, parte della collezione aziendale e solitamente esposta presso l’Heritage Hub di Stellantis. A fianco di una delle vetture sportive per eccellenza, verrà schierata la Ypsilon, in un simbolico passaggio di testimone tra passato e futuro.

Peugeot, efficienza e fascino

Peugeot-stellantis
PeugeotE-3008

Doveroso esordire con la nuova Peugeot 3008: se in passato il modello ha ridefinito il profilo del marchio, ora si propone di fare un grande passo in avanti. Si basa sulla nuova piattaforma Stla Medium, progettata per essere nativa elettrica, con autonomia fino a 700 km.

Allo stesso tempo è capace di alloggiare motori ibridi, per soddisfare diverse esigenze dei clienti. La nuova linea da suv fastback è sportiva e aerodinamica per raggiungere un’efficienza eccellente. L’interno vede una rivoluzione grazie al nuovo panoramic i-Cockpit, un unico schermo digitale curvo da 21”, sospeso davanti al conducente.

La 3008 si incastona in un progetto di ampio respiro, in quanto il cambiamento climatico impone nuovi stili di vita e azioni per la riduzione delle emissioni di CO2.

Nella mobilità, la responsabilità dei costruttori di auto è quella di andare con decisione verso la mobilità elettrica: Peugeot ha avviato da tempo l’elettrificazione della propria gamma, che vede varianti elettriche a fianco delle motorizzazioni termiche.

Nel 2025 si vedrà il completamento di questo processo con l’intera gamma di prodotti a batteria. Di ogni modello sarà possibile scegliere la versione elettrica, fra nove vetture e tre veicoli commerciali: la più ampia gamma elettrica europea.

Nel 2030, la casa venderà solo motori elettrici nel nostro continente. I risultati sono già visibili in Europa: nel 2023 è stata leader del segmento B elettrico con E-208 ed E-2008, ed è numero uno nella vendita di veicoli commerciali leggeri a zero emissioni.

L’offerta copre le più svariate esigenze. In particolare, Peugeot propone da tempo vetture full electric grandi e spaziose con più di cinque posti, come la 5008, che ora diventa una sette posti sia elettrica, sia con motori ibridi a benzina, per chi desidera tanti centimetri per persone e bagagli, più la possibilità di aprire due sedili supplementari nel bagagliaio.

Modularità e versatilità vanno a braccetto con il design moderno e la tecnologia all’avanguardia. Ritroviamo molti degli elementi già presenti sulla 3008, come l’i-Cockpit con lo schermo sospeso da 21 pollici e versioni elettriche con autonomia fino a 660 km.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .