Seguici su
Leader 24 Ottobre, 2019 @ 4:00

In una notte un 24enne è diventato più ricco di Donald Trump

di Daniel Settembre

Staff writer, Forbes.it

Coordinatore di Forbes ItaliaLeggi di più dell'autore
chiudi
(Shutterstock)

Svegliarsi miliardario. È quello che è successo a un 24enne cinese a cui i genitori hanno donato ben 3,8 miliardi di dollari. Lui è Eric Tse ed è il figlio di Tse Ping, fondatore della Sino Biopharmaceutical (società quotata a Hong Kong) e membro di una delle famiglie più ricche della Cina. Secondo quanto riportato da Bloomberg, insieme alla moglie, ha deciso di trasferire un quinto del capitale dell’azienda (circa 2,7 miliardi di azioni) al figlio Eric, rendendolo così miliardario in meno di 12 ore e addirittura più ricco del presidente Donald Trump, che secondo Forbes ha un patrimonio di 3,1 miliardi di dollari, di Reed Hastings, co-fondatore di Netflix (3,2 miliardi di dollari), di Kylie Jenner e dei due co-fondatori di Snapchat, Evan Spiegel e Bobby Murphy.

Tse Ping si era già dimesso da presidente di Sino Biopharmaceutical nel 2015 cedendo il ruolo all’altra figlia Theresa, rimandendo comunque direttore esecutivo. Anche la moglie di Tse, Cheng Cheung Ling, è direttore esecutivo della società farmaceutica.

Eric Tse è invece nato a Seattle, ha frequentato la scuola elementare a Pechino e la scuola secondaria a Hong Kong, poi si è laureato in finanza presso la Wharton School dell’Università della Pennsylvania. Ha fondato la China Summit Foundation, un ente di beneficenza che sostiene iniziative educative e culturali. Inoltre, Sino Biopharmaceutical ha nominato Eric direttore esecutivo e membro del comitato esecutivo della società. Il suo compenso è fissato a 3,9 milioni di HK $ (498mia dollari) all’anno, oltre ai bonus.

La donazione effettuata in queste ore non è isolata e fa parte di uno tsunami di passaggio generazionale che sta interessando buona parte della ricchezza in Asia. Nel 2018, ricorda Bloomberg, quattro magnati cinesi hanno investito oltre 17 miliardi di dollari in fondi familiari, mentre molti dei maggiori costruttori di Hong Kong sono impegnati nella pianificazione successoria. Uno dei maggiori vantaggi è che Hong Kong non ha tasse sulle donazioni o sulla ricchezza ereditata.

Bloomberg scrive anche che, secondo una dichiarazione, il ragazzo avrebbe specificato che proverà a mantenere un basso profilo e “cercherà di non partecipare” agli richieste delle testate giornalistiche di includerlo individualmente nelle classifiche sui ricchi globali e raccomanderebbe invece che la fortuna sia attribuita alla famiglia Tse Ping.

Al momento infatti nella lista Forbes Billionaires Eric Tse non è presente, mentre Tse Ping è al 804° posto con un patrimonio netto stimato (aggiornato al 24 ottobre) di 8,4 miliardi di dollari. A marzo del 2019, quando è stata pubblicata l’ultima edizione della Forbes Billionaires, aveva un patrimonio di 2,8 miliardi di dollari.