Apple sta perdendo la scommessa di iPhone 8?

Forbes.it
Share
Il nuovo iPhone 8.

A un mese dalla sua entrata in commercio, l’iPhone 8 non sembra aver conquistato il mercato: le stime della società Consumer Intelligence Research Partners indicano che le vendite dei nuovi modelli degli smartphone Apple rappresentano soltanto il 16% di quelle totali del trimestre. Da una parte il dato è spiegabile con la recente entrata in commercio del device, dall’altra tuttavia Apple è abituata ad altri numeri: senza andare troppo indietro nel tempo le vendite della famiglia degli iPhone 7, che ha debuttato l’anno scorso nello stesso periodo, avevano costituito il 43% di quelle totali del terzo trimestre 2016. 

Naturalmente, su Cupertino incombe l’ombra di un nuovo ospite temuto e atteso: iPhone X, lo smartphone di lusso con prezzi superiori al migliaio di euro, disponibile in pre-ordine dal 27 ottobre. La scommessa di Apple, come ha scritto Ewan Spence su Forbes, è stata credere che “iPhone 8 e iPhone 8 Plus avrebbero mantenuto lo slancio delle presentazioni dei modelli precedenti, mente l’iPhone X portava nuova tecnologia nel cosmo degli smartphone”.

I nuovi iPhone però non sembrano riuscire a tenere salda la presa sulla quota di mercato di Cupertino: i dati raccolti da Localytics – una società di Boston che misura gli adoption level, cioè le penetrazioni commerciali dei nuovi smartphone a partire dall’installazione di app e upgrade – mostrano che, a parità di cicli di vita dei due prodotti, l’1% di iPhone 8 sfigura davanti al 3,6% che fu del suo predecessore. Apple ha detto al suo pubblico che la vera rivoluzione del concetto di smartphone sarebbe avvenuta con iPhone X, e il suo pubblico ha scelto di credergli: perché accontentarsi di un (sostanzialmente deludente) redesign dell’iPhone 6? D’altronde, ancora più che l’oggetto in sé, ciò che Cupertino vende è un’utopia di innovazione tecnologica continua: quella che il comico Louis C.K., in uno sketch durante lo show di Jimmy Kimmel diventato famoso, aveva reso iperbolicamente la messa in commercio della sola pellicola protettiva.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.

Share