Mal di Tesla per Musk: il patrimonio si riduce di 800 milioni in un giorno

Forbes.it
Share
Elon Musk, co-fondatore e ceo di Tesla

La flotta di veicoli elettrici di Tesla è conosciuta per la loro guida senza scossoni; la produzione nello stabilimento aziendale è stata messa invece notevolmente in agitazione.

Mercoledì pomeriggio, la casa automobilistica ha annunciato il bilancio del terzo trimestre. Ha registrato ricavi leggermente superiori alle stime degli analisti, ma anche una perdita rettificata di 2,92 dollari per azione, il 30% in più del previsto. Inoltre, i colli di bottiglia nella produzione hanno ritardato le spedizioni della nuova Model 3, rendendo improbabile il raggiungimento dell’obiettivo di 500.000 auto prodotte ogni anni entro la fine del 2018. Alla luce di queste notizie, gli investitori hanno venduto le azioni di Tesla. Il titolo è sceso sotto i 300 dollari per azione per la prima volta da maggio.

Un declino che non ha colpito nessuno quanto Elon Musk, ceo di Tesla e maggiore singolo azionista della società. Il suo patrimonio netto è sceso di 800 milioni di dollari in scia alle brutte notizie. Ora, secondo le classifiche in tempo reale compilate da Forbes, il suo patrimonio è stimato in 19,1 miliardi di dollari ed è la 23a persona più ricca in America. Il suo patrimonio netto è in calo di 1,7 miliardi di dollari dal momento in cui la classifica annuale Forbes 400 è stata pubblicata il mese scorso.

Fortunatamente per l’imprenditore sudafricano, la sua ricchezza è diversificata. Circa la metà della sua fortuna è legata alle azioni di Tesla. Per il resto, la maggior parte è costituita dalla sua partecipazione nell’azienda aerospaziale SpaceX, che ha raccolto 350 milioni di dollari a luglio arrivando a una valutazione di circa 21 miliardi di dollari. Musk possiede circa il 50% di SpaceX.

Musk, 46 anni, ha una lunga esperienza di successo imprenditoriale. La sua prima “exit” è avvenuta nel 1999, quando ha venduto a Compaq la società di software Zip2 (che ha co-fondato), per un prezzo dichiarato di oltre 300 milioni di dollari. Successivamente ha guadagnato da una vendita ancora più profittevole nel 2002 dopo che Paypal, che ha co-fondato, è stata acquisita da eBay per 1,4 miliardi di dollari.

È entrato a far parte di Tesla nel 2004 come investitore principale e ne ha preso il timone nel 2008. All’epoca, il futuro della società sembrava disperato, dal momento che il mercato del credito si stava prosciugando durante la crisi finanziaria globale, tanto da ritardarne gravemente lo sviluppo.

Alla fine, la società ha cominciato a sfornare automobili, a partire dal suo elegante veicolo Roadster. Anche con il declino di questa settimana, l’impresa nel complesso è stata un successo colossale. Ora vanta una capitalizzazione di mercato di quasi 50 miliardi di dollari.

Share