Seguici su
Investimenti 8 Novembre, 2017 @ 5:00

Perché per Buffett quella dei bitcoin è solo una bolla

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Warren Buffett, ceo di Berkshire Hathaway

Se qualcosa è “virtuale”, può esistere sul serio? Questa domanda ci ha perseguitati fin dall’inizio del nostro viaggio sulla Terra all’epoca degli Homo Sapiens. Quando si tratta di bitcoin e di altre criptovalute, questa è una domanda importante. Tu puoi comprare e vendere titoli, obbligazioni, valute e materie prime così come faresti con mais e frumento. Esistono nel mondo reale. È possibile trasportarli fisicamente, anche se in gran parte sono ormai espressi in forma elettronica.

Il che ci porta a Warren Buffett, uno dei più grandi investitori di sempre, che recentemente ha dichiarato: “Non puoi valutare il bitcoin, perché non è un bene produttivo di valore… è una vera e propria bolla in questo senso”. Per quelli di voi che si dedicano a decifrare ogni frase di Buffett, il suo significato è chiaro: le criptovalute non sono investimenti tangibili. Non generano guadagni, né pagano dividendi. Come puoi valutarli davvero se non hanno un valore intrinseco o “contabile”? E le persone che comprano bitcoin stanno semplicemente scommettendo che il prezzo salirà.

Mentre ho sempre sostenuto che c’è posto per le monete digitali nella finanza moderna – i governi non dovrebbero avere il monopolio sui mezzi per regolare le transazioni – abbiamo bisogno di comprendere meglio se un codice digitale possa essere un sostituto adeguato per le valute tradizionali. Il punto di forza delle valute – e persino dell’oro – è che ne esiste una quantità finita. Questo è per lo più vero, finché i governi non iniziano a stampare denaro, cosa che in molti casi porta all’inflazione.

Si dice anche che ci sia una quantità finita di Bitcoin, sebbene non si sappia ancora molto di come sia stato creato o del suo misterioso ideatore. Il che è preoccupante. Tuttavia Buffet ha una apprensione tangibile. Se non sai che c’è dentro qualcosa, significa che manca trasparenza, al pari di un intruglio miracoloso venduto da un ciarlatano. Ecco la preoccupazione di Buffett: “Non ha senso, questa cosa non è regolamentata, non è sotto controllo, non è sotto la supervisione della Federal Reserve o di qualsiasi altra Banca centrale. Io non ci credo affatto in questa cosa. Penso che finirà per implodere”.

Anche se chiunque può speculare sugli investimenti convenzionali come le azioni e i metalli preziosi, è importante sapere cosa il bitcoin non è. Al contrario di ciò che dice Peter Thiel, uno dei fondatori di PayPal, non è oro. “Sono scettico sulla maggior parte di esse (le criptovalute), penso che le persone stiano un po’ sottovalutando il bitcoin soprattutto perché… è come una forma di riserva di denaro, è come l’oro ed è solo un riserva di valore. Non è necessario utilizzarlo per effettuare pagamenti”, ha detto Thiel.

Ecco dove dobbiamo fare una distinzione: un’unica grande piscina potrebbe essere sufficiente a contenere tutto l’oro estratto sul pianeta. Non potrai mai fare la stessa cosa con una criptovaluta. Ciò richiede un metodo migliore per valutare un’espressione virtuale di ricchezza. Chiunque è libero di speculare su qualsiasi cosa, dai terreni alle partite di calcio. È la natura umana. Tuttavia è meglio non confondere una criptovaluta con qualcosa che puoi tenere in mano, come l’oro.

Ricordate che la maggior parte dell’oro presente in natura è negli oceani – disciolto in milioni di miliardi di litri d’acqua, che non si possono nemmeno bere.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!