Seguici su
Life 24 novembre, 2017 @ 1:15

Quando il denaro compra davvero la felicità

di Giorgio Nadali

Docente, giornalista e formatore.Leggi di più dell'autore
È docente del corso Comunicazione & Successo presso l'Università UniTre di Milano, e formatore in aula per aziende e business coach, oltre che titolare di Giorgio Nadali Giornalismo, Coaching, Formazione. È giornalista e ha collaborato con diverse testate, tra cui GQ. È autore di 12 libri. chiudi

Quando ricchezza e felicità viaggiano di pari passo.

“È una sorta di snobismo spirituale quello delle persone che pensano di poter essere felici senza denaro”diceva Albert Camus. Tuttavia non esiste una risposta universale: un gestore di hedge fund e un monaco tibetano forniscono due modelli di soddisfazione molto diversi. Ma la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che la correlazione è diretta fino a un certo punto. Gli studi hanno dimostrato che i poveri diventano più felici mentre sfuggono alla povertà, ma una volta che le persone sono libere da privazioni, il legame tra denaro e felicità comincia a logorarsi. La ricchezza in Occidente è cresciuta drammaticamente nella seconda metà del ventesimo secolo, ma i sondaggi hanno rilevato che in media le persone non erano più felici. La lavatrice, il computer e la televisione offrivano comodità e intrattenimento ma non aumentavano enormemente il tenore di vita delle persone. Il benessere personale aumenta vertiginosamente dalla terribile povertà al reddito di circa 20.000 euro all’anno. Da questo punto, c’è una tendenza lenta verso l’alto fino a circa 50.000 euro all’anno. L’aumento rallenta significativamente da 50.000 euro a redditi più alti.

In effetti, gli studi indicano che l’acquisizione di ricchezza non aumenta significativamente la felicità, con alcuni avvertimenti. In generale, le persone che vivono in paesi con un prodotto nazionale lordo elevato pro capite, sono più felici di quelle che vivono nei paesi più poveri. Tuttavia, l’aumento della ricchezza nazionale ha rendimenti decrescenti. Le persone di classe media e benestanti che cercano più ricchezza sono spesso bloccate su quello che gli psicologi chiamano “tapis roulant edonistico“, una ricerca perpetua di beni materiali, che riduce il tempo disponibile per le relazioni personali e produce ricompense emotive minimali.. Una volta abituati ai nuovi prodotti materiali, ci impegniamo per aspirazioni sempre più elevate; più otteniamo, più vogliamo. Il desiderio di possedere una grande casa o un televisore gigante a schermo piatto tende ad essere di breve durata, poiché questi beni diventano la norma successiva, poco eccitante.

Che dire delle persone con accumulo graduale di ricchezza o persone che sono nate ricche? Le persone con un reddito superiore alla media sono relativamente soddisfatte delle loro vite, ma sono solo leggermente più felici di altre, ma tendono ad essere più tese rispetto alle persone con redditi più bassi e non passano più tempo in attività particolarmente piacevoli. Inoltre, l’effetto del reddito sulla soddisfazione della vita sembra essere transitorio.

 

Allora perché perseguire la ricchezza?

Anche se la risposta non è chiara, alcuni ipotizzano che una parte del puzzle sia spiegata dal desiderio di avere un vantaggio “posizionale” rispetto a un rivale. I sondaggi hanno dimostrato che la maggior parte delle persone sarebbe felice di fare meno soldi, ma a una condizione: che tutti gli altri guadagnassero ancora meno. In realtà, la maggior parte delle persone preferisce che lo scenario aumenti il ​​reddito complessivo, ma che il proprio reddito aumenti più della media. In altre parole non conta quanto, ma quanto abbiamo rispetto agli altri. I paesi scandinavi con grandi reti di sicurezza sociale ottengono costantemente punteggi più alti sulla scala della felicità.

Prendiamo la falsa premessa che i beni materiali porteranno felicità o addirittura “i biondi si divertiranno di più” quando, in realtà, risorse come il denaro, l’attrattiva fisica e i beni materiali non sono strettamente correlati alla felicità. Al contrario, tratti caratteriali specifici come la fiducia in se stessi e l’energia correlano maggiormente con la felicità. Vi è felicità nel volere ciò che si possiede e avere ciò che si vuole.

Le persone discutono da secoli sul fatto che il denaro possa o meno acquistare la felicità. Una nuova ricerca fornisce una comprensione più completa della relazione tra ciò che guadagniamo e come ci sentiamo. Può sembrare un po’ ovvio: le persone con redditi più alti sono, generalmente parlando, più felici di quelle con redditi modesti. Si preoccupano meno di pagare le loro bollette, hanno una scelta più ampia in cui vivono o come lavorano, e possono fornire comfort per se stessi e per i loro cari. Tuttavia, la ricchezza da sola non è tutto. Infatti, quale tipo di denaro si ha e come lo si spende conta molto più di un grande reddito.

 

Che tipo di patrimonio hai?

Una nuova ricerca dell’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS) nel Regno Unito suggerisce che il tipo di denaro accumulato conta molto. L’ONS ha chiesto alle persone di valutare il loro benessere su una scala da 0 a 10 su una serie di domande come “in generale, quanto sei soddisfatto della tua vita al giorno d’oggi?” E “in generale, fino a che punto senti le cose che fai nella tua la vita valgano la pena?”

La ricchezza finanziaria netta, che include azioni, azioni e risparmi, ha avuto il rapporto più forte con il benessere positivo. L’aumento della ricchezza della proprietà o della ricchezza pensionistica personale, d’altra parte, non ha aumentato in modo misurabile il benessere, secondo l’ONS. La ricchezza complessiva ha avuto un effetto positivo sull’aumento dei livelli di soddisfazione della vita, senso di valore e felicità. Inoltre, una maggiore ricchezza diminuiva anche i livelli di ansia. Quando veniva considerato il tipo di ricchezza, la ricchezza finanziaria netta, che include le scorte e i risparmi, era fortemente correlata al benessere personale. L’aumento della proprietà o della ricchezza pensionistica personale, d’altra parte, non ha comportato un maggiore benessere. Una spiegazione potrebbe essere che il denaro discrezionale che viene generato attraverso azioni e risparmi consente agli individui una maggiore libertà di scelta nei loro stili di vita. Avere queste scelte ha un impatto sulla felicità, anche se le persone non agiscono mai su di esse.

È interessante notare che i risultati hanno anche indicato che le famiglie con una percentuale maggiore di reddito proveniente da sussidi statali come l’assistenza abitativa o un’indennità di disoccupazione hanno sperimentato un minore benessere personale, con l’impatto che appare “più forte per gli uomini che per le donne”, secondo l’ONS .

Quindi, sì, il denaro compra la felicità, se è del “tipo” giusto.

 

Come spendi i tuoi soldi?

Il denaro favorisce la connessione sociale. Numerosi studi condotti negli ultimi 10 anni hanno dimostrato che le esperienze di vita ci danno un piacere più duraturo delle cose materiali. Il professore associato di psicologia presso la San Francisco State University, Ryan Howell, ha scoperto che le persone pensano che gli acquisti materiali offrano un valore migliore ai soldi perché i beni materiali durano più a lungo. Il professore di psicologia della Cornell University, Thomas Gilovich, ha raggiunto conclusioni simili. Le persone spesso fanno il calcolo logico che, con una quantità limitata di denaro, possono fare un viaggio o comprare un oggetto. Il viaggio è fugace mentre l’oggetto fisico rimarrà. Mentre, questo è effettivamente vero, non è psicologicamente vero perché le persone sperimentano ciò che è noto come “adattamento edonico“. L’adattamento edonico descrive l’esperienza in cui un nuovo acquisto materiale porta un breve brivido o novità che alla fine svanisce, così da iniziare a dare per scontato l’oggetto. Un aumento al lavoro dà ai dipendenti una spinta, ma poi aumentano anche le loro aspirazioni. All’inizio una nuova macchina o uno smartphone sembrano eccitanti … finché non vedi i nuovi modelli, con aggiornamenti e li desideri di più.

Le esperienze, d’altra parte, tendono a soddisfare molti dei nostri bisogni psicologici sottostanti, perché sono spesso condivise con altre persone, dandoci un maggiore senso di connessione, e formano una parte più grande del nostro senso di identità. Se sei salito sull’Himalaya, è qualcosa di cui ti ricorderai e parlerai per sempre, anche dopo che tutti i tuoi gadget tecnologici preferiti saranno finiti in discarica.

Al di là di noi stessi, spendere soldi per gli altri può portare la maggior quantità di felicità. Elizabeth Dunn ei suoi colleghi hanno dimostrato nel 2008 che spendere soldi per gli altri (piuttosto che per se stessi) prevede una maggiore felicità. Dunn distribuiva denaro agli studenti di un campus universitario, dicendo ad alcuni di spenderli da soli e ad altri di spenderli per gli altri. Coloro che hanno speso soldi per altre persone erano più felici di quelli che li hanno tenuti per sé. Da allora, ha ripetuto l’esperimento in altri paesi in tutto il mondo, e lo ha modificato per stabilire se le persone sarebbero comunque state felici nel donare il loro denaro, piuttosto che il denaro  consegnato loro dalla ricercatrice. In paesi diversi come il Canada, il Sudafrica e l’Uganda, l’esperimento ha dimostrato che regalare denaro ha reso le persone più felici. Ciò era vero anche quando loro stessi erano relativamente poveri.

Dunn ha anche lavorato con gli economisti per analizzare i dati di sondaggi di 100 paesi nel sondaggio mondiale Gallup, e ha scoperto che le persone che hanno donato soldi in beneficenza erano più felici, sia nei paesi poveri che in quelli ricchi. Quindi qual è la linea di fondo? Quando non hai molti soldi, un piccolo extra può fare molto, perché hai più bisogni essenziali da soddisfare. Man mano che accumuli più ricchezza, tuttavia diventa più difficile acquistare più felicità. Dopo ciò, le persone iniziano a rendersi conto che le esperienze di vita – usando il loro tempo prezioso con saggezza e sentendosi in contatto con i loro cari – sono i veri ingredienti per la felicità.

Siamo dunque fatti per essere felici e lo siamo soprattutto quando diamo un senso profondo alla nostra esistenza. Quando realizziamo i nostri sogni. Il denaro può giocare un ruolo molto importante nel realizzarli, ma non basta.