Chi sono i 10 amministratori delegati più potenti del mondo

Forbes.it
Share

Jamie Dimon, a capo della banca d’affari JP Morgan, è il ceo più potente di Wall Street.

di Igor Bosilkovski, Forbes Staff

L’elenco di quest’anno degli uomini più potenti del mondo include 75 nomi. Di questi, 32 sono amministratori delegati. La maggior parte sono americani, sebbene ci siano alcuni asiatici, un europeo e un esponente del continente africano. Di seguito sono elencati i primi 10 amministratori delegati, che insieme gestiscono aziende per un valore complessivo di 5mila miliardi di dollari, quanto il Pil del Giappone, la terza economia mondiale.

In cima alla lista c’è l’uomo più ricco del mondo e l’unico con 12 cifre accanto al suo nome: Jeff Bezos di Amazon, che al momento della pubblicazione aveva un patrimonio di 133 miliardi di dollari. Il gigante dell’e-commerce ha acquistato la catena di supermercati Whole Foods ad agosto, ha iniziato ad aprire librerie fisiche e sta assistendo a una massiccia crescita nel settore del cloud. Amazon ha un valore che raggiunge i 780 miliardi e il prezzo delle sue azioni è aumentato del 70% nell’ultimo anno.

L’unico altro amministratore delegato tra le 10 persone più potenti al mondo è Larry Page, il ceo del papà di Google, Alphabet. Oltre a gestire il più grande motore di ricerca del mondo, ha investito in una compagnia di taxi volanti con autopilota chiamata Kitty Hawk, che ha recentemente testato i suoi veicoli in Nuova Zelanda.

Larry Page a una conferenza di Google a New York

Mark Zuckerberg è uscito dalla top ten dei più potenti, principalmente a causa dello scandalo di Cambridge Analytica avvenuto lo scorso marzo, ma ha mantenuto la terza posizione nella classifica degli amministratori delegati. La seconda persona più famosa uscita da Harvard gestisce un’azienda da oltre mezzo trilione di dollari.

Warren Buffett si è recentemente ritirato dal consiglio di amministrazione di Kraft Heinz, ma l’87enne (il secondo più anziano nella lista dei più potenti dietro Li-ka Shing) non mostra alcuna intenzione di abdicare in Berkshire Hathaway, la compagnia che ha acquisito nel 1963. A maggio, l’oracolo di Omaha ha annunciato che Berkshire ha acquistato 75 milioni di azioni Apple, portando la sua partecipazione nel gigante tecnologico a poco meno del 5%.

La persona più potente di Wall Street, Jamie Dimon, è al numero 19 nella classifica generale. L’amministratore delegato di JP Morgan, la più grande banca del mondo, con oltre 2mila miliardi di dollari in attività in gestione, ha recentemente annunciato che resterà al timone per “circa altri cinque anni”.

Il più potente ceo non americano è Jack Ma, a capo di Alibaba, uno dei più grandi siti di e-commerce al mondo. Come Amazon, Alibaba ha riscosso molto successo grazie al suo braccio cloud, Alibaba Cloud, oltre ad aumentare i ricavi delle sue attività di core business. Ma ha anche trovato il tempo di dilettarsi nella recitazione, assumendo il ruolo principale nel breve film di kung fu cinese Gong shou dao.

Come ceo di Walmart, il più grande datore di lavoro privato del mondo, Doug McMillon gestisce 2,3 milioni di lavoratori (più o meno il numero di persone nell’esercito cinese). Nato in Arkansas guida il gigante della distribuzione proprio nel momento in cui la società ha annunciato cambiamenti nella sua identità: prevede di aprire alcuni supercenter nel corso del prossimo anno e si concentrerà maggiormente sull’e-commerce e sulla tecnologia in-store.

Tim Cook, ceo di Apple annuncia l’iPhone X.

Sotto la guida di Tim Cook, Apple, la società con il più alto valore al mondo, sta pazientemente arrivando all’ambita valutazione del trilione di dollari. Cook ha recentemente risposto alle preoccupazioni sulla lenta vendita di iPhone X, sostenendo che è “il prodotto più innovativo sul mercato”. Ad aprile, la divisione Musica di Apple ha raggiunto 40 milioni di utenti.

Elon Musk, uno dei maggiori rivoluzionari tecnologici del nostro tempo, ha avuto un anno impegnativo. A febbraio, la sua compagnia SpaceX ha lanciato con successo il razzo più potente del mondo. Ha sfruttato l’occasione per dimostrare la sua abilità di marketing quando il razzo Falcon Heavy ha lanciato la Tesla Roadster rossa di Musk nell’orbita terrestre, producendo una delle immagini spaziali più iconiche del nostro tempo. Non tutto è roseo, però. A maggio Musk ha tenuto una bizzarra conferenza stampa, durante la quale ha respinto le “noiose domande degli analisti”.

L’ultima persona in questa lista è l’uomo più ricco d’Asia, Ma Huateng. Popolarmente noto come Pony Ma, il fondatore di Tencent ha portato la sua azienda a un rialzo di quasi il 60% quest’anno, principalmente grazie ai profitti generati dal suo social network e dalle attività di giochi online.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Share