5 modi in cui Elon Musk riesce a rendere possibile l’impossibile

Forbes.it
Share

Una Tesla in orbita. Come ci è riuscito?

di Bryan Collins per Forbes.com

Elon Musk
è uno degli uomini d’affari più produttivi e di successo del ventunesimo secolo. Nato in Sud Africa, è il ceo di SpaceX, Tesla, Neuralink e The Boring Co. Inoltre, Musk ha contribuito a creare o co-fondare società come PayPal, SolarCity e Hyperloop. Per cui, come riesce Musk a fare così tanto e consentire al suo team di avere successo? Sostanzialmente, mette in campo queste cinque strategie.

Comunica in modo chiaro

Molti uomini d’affari e ingegneri utilizzano termini tecnici e acronimi che hanno poco senso per le persone non direttamente coinvolte nei progetti. Come fa a cavarsela dunque SpaceX, un’azienda che si occupa di tecnologie complicate che sfidano il linguaggio comune? Musk ha estirpato come erbacce gli acronimi dalla sua azienda. Vuole che i suoi collaboratori comunichino tra loro usando un linguaggio semplice. Musk ha inviato una circolare a SpaceX per dire che gli acronimi da lui non approvati dovranno essere eliminati. Non vuole un enorme glossario di termini da gestire, o ingegneri seduti a riunioni di cui non afferrano il contenuto. Secondo il suo biografo Ashlee Vance, Musk ha dichiarato: “Il test chiave per un acronimo è chiedersi se aiuta o complica la comunicazione”.

Impara dai fallimenti

A settembre del 2017, Musk ha messo insieme una carrellata di brutte figure con il sottofondo della colonna sonora dei Monty Python, How Not to Land or Orbital Rocket Booster. Il video ha messo in mostra diverse ragioni dei fallimenti di tentati atterraggi dei suoi razzi orbitali, dal 2013 in poi. Tra questi, un guasto al sensore del motore, l’esaurimento del fluido idraulico e una valvola a farfalla difettosa. Questo non vuol dire che Musk cerca il fallimento fine a sé stesso. In modo eloquente, il montaggio video si conclude con due atterraggi ben riusciti. A febbraio, la compagnia ha fatto atterrare verticalmente due razzi Falcon 9 a Cape Canaveral. Una volta Musk ha detto: “Il fallimento è un’opzione, in questo campo. Se le cose non stanno fallendo, non stai innovando abbastanza”.

Mette in conto le crisi

Sebbene Musk spinga il suo team a raggiungere obiettivi molto ambiziosi in tempi ristretti, dà per scontato il peggio. Prendete Tesla. Da quando è stata fondata nel 2003, la casa automobilistica ha quasi esaurito la sua liquidità più volte ed è stata criticata dagli analisti. Musk ha dovuto sostenere la società con il suo capitale personale e Tesla ha trovato la sua sicurezza finanziaria solo recentemente, dopo aver iniziato a vendere le sue auto. Nel 2014, la società si è lasciata alle spalle i suoi problemi finanziari dopo aver raccolto 2 miliardi di dollari vendendo obbligazioni per finanziare la costruzione della più grande fabbrica di batterie del mondo. Musk disse: “In questo momento non abbiamo necessariamente bisogno di tutti questi soldi per la Gigafactory, ma ho deciso di fare l’aumento in anticipo, perché non si sa mai quando ci sarà un terribile crollo”.

Mette insieme più abilità

Trovare una soluzione per accettare pagamenti online, fabbricare auto elettriche e lanciare missili riutilizzabili non sembrano attività che hanno molto in comune tra loro. Tuttavia, Musk è un maestro nel combinare più set di competenze da discipline come ingegneria, marketing, gestione organizzativa e altro ancora. Nel 2016 il Wall Street Journal ha riportato che SpaceX è il maggiore investitore di SolarCity. Allo stesso modo, Tesla e SolarCity lavorano a stretto contatto per migliorare la tecnologia delle loro batterie. Dopo il lancio di Falcon 9 (Dragon) a dicembre, il 6 febbraio SpaceX ha messo la Roadster nel vano di carico del Falcon Heavy in compagnia di un astronauta (usando tre razzi Falcon 9). Il Falcon Heavy è il razzo più potente mai lanciato nello spazio.

Larry Page, amministratore delegato della casa madre di Google, Alphabet, considera Musk un modello per la sua capacità di unire le lezioni imparate dalle sue diverse imprese. Ha detto a Vance: “Devi avere un background ingegneristico e scientifico piuttosto ampio. Devi avere anche un po’ di formazione alla leadership e un po’ di formazione Mba, o conoscenza di come gestire le cose, organizzarle e raccogliere capitale”.

Imposta scadenze interne ed esterne

Dopo aver fondato SpaceX, Musk ha fissato una data per far volare Falcon 1 nel 2003, ma il lancio è stato ritardato al 2006. Anche Tesla è nota per le gli appuntamenti mancati. La sua prima auto, la Tesla Roadster, è stata distribuita nel 2008, circa due anni dopo il suo debutto. Per un po’ di tempo, analisti e giornalisti hanno deriso la propensione di Musk a mancare gli appuntamenti chiave e hanno inserito Tesla in una sorta di lista nera. Ma ora Musk ha imparato il valore derivante dal stabilire scadenze pubbliche e private. Ha dichiarato:

Vuoi promettere alle persone qualcosa che includa un margine di programmazione. Ma per soddisfare il programma che comunichi all’esterno, devi avere uno schedule interno più ambizioso. A volte finirai per disattendere anche la calendarizzazione esterna.

Più recentemente, Musk ha vinto una scommessa pubblica su Twitter, puntando sul fatto che il suo team di Tesla sarebbe riuscito a costruire la batteria al litio più grande del mondo in meno di 100 giorni. Elon Musk è un esempio estremo di ceo iperproduttivo e uomo d’affari. Invece di procrastinare gli impegni, puoi aumentare radicalmente le tue possibilità di successo studiando il modo in cui opera.

Share