Seguici su
Leader 29 Maggio, 2018 @ 1:22

Il co-fondatore di Netflix ha guadagnato 1,4 miliardi di dollari nel 2018

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Reed Hastings, ceo e co-fondatore di Netflix.

di Noah Kirsch, Forbes Staff

Netflix
è stato a lungo minacciato da affermati provider di contenuti come Disney e Comcast. Ma ora anche gli investitori lo hanno reso merce preziosa. Grazie a un rally del mercato azionario del 75% da inizio anno, il servizio di streaming ha un valore di mercato di oltre 152 miliardi di dollari, superiore a quello di Comcast e Disney.

A sua volta, il patrimonio netto del co-fondatore e ceo di Netflix, Reed Hastings, è salito alle stelle, guadagnando oltre 1,4 miliardi di dollari solo quest’anno, fino a toccare quota 3,7 miliardi di dollari, secondo la classifica Forbes dei miliardari aggiornata in tempo reale. Hastings è attualmente la 639° persona più ricca del mondo.

Hastings possiede circa il 2,5% delle azioni di Netflix, compreso un gran numero di opzioni. Esercita queste opzioni e le vende su base regolare; Forbes stima che ha accumulato circa 600 milioni di dollari (al netto delle imposte) dalle vendite di azioni nel corso degli anni. Nel 2016, Hastings ha annunciato che stava mettendo 100 milioni di dollari in un fondo filantropico per l’istruzione.

Il patrimonio netto di Reed Hastings al 25 maggio 2018.

La sua ascesa è durata anni. Nel giugno 2014, Hastings è entrato a far parte della lista dei miliardari mondiali, dopo che il prezzo delle azioni di Netflix è salito sopra i 400 dollari. Netflix ha successivamente operato uno split azionario di sette-a-uno a luglio del 2015. A marzo del 2016, la fortuna di Hastings era arrivata a 1,2 miliardi di dollari. Da lì i suoi guadagni hanno subito una accelerazione ulteriore: il mese seguente il suo patrimonio netto aveva raggiunto 1,8 miliardi, e poi 2,2 miliardi a settembre 2017, per finire col record di 3,6 miliardi di questa settimana.

Gli investitori sono chiaramente soddisfatti delle entrate della società e della crescita degli utenti. Nel 2014, Netflix aveva dichiarato di avere 48 milioni di abbonati in oltre 40 nazioni. Oggi registra 125 milioni di abbonati in oltre 190 Paesi. Tra il 2014 e il 2017, i ricavi annuali sono passati da 5,5 miliardi a 11,7 miliardi di dollari.

Lungo il percorso Netflix ha accumulato un gran numero di riconoscimenti. Ha raggiunto la sua prima vittoria agli Oscar nel 2017 per The White Helmets, un breve documentario sui primi soccorritori volontari in Siria. Quest’anno ha portato a casa una statuetta per il documentario Icarus, che approfondisce lo scandalo del doping olimpico russo.

Ma le cose non sono sempre state così rosee. A settembre 2011, dopo che Hastings aveva annunciato il piano per separare il business dei dvd e le attività di streaming, i clienti si sono ribellati e le azioni sono crollate di oltre il 75% alla fine dell’anno. Da quel momento, ha investito molto nella programmazione originale, che comprende produzioni come Orange Is The New Black e The Crown, una popolare serie sulla regina Elisabetta II e la famiglia reale. La recente ondata di serie tv ha indotto alcuni outsider a definire quella di Netflix un bolla. Che lo sia o meno, per ora Hastings è ancora al top.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!