Seguici su
Classifiche 18 giugno, 2018 @ 7:00

La classifica Forbes dei 20 club di calcio più potenti del mondo nel 2018

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi

Paul Pogba, centrocampista del Manchester United

di Mike Ozanian, Forbes Staff

Il calcio sta andando alla grande, sotto il profilo del business. Le 20 squadre di calcio più importanti del mondo hanno un valore medio di 1,69 miliardi di dollari, in aumento del 14% rispetto allo scorso anno e del 74% rispetto al 2013. L’aumento del valore è stato sostenuto dalla crescita dei ricavi dei club. I primi 20 club hanno realizzato una media di 428 milioni di dollari di entrate durante la stagione 2016-2017, il 40% in più rispetto a cinque anni fa.

Questa è la nostra quindicesima classifica annuale delle squadre di calcio che valgono di più al mondo e per il secondo anno consecutivo il Manchester United occupa il primo posto, con un valore di 4,12 miliardi di dollari, rispetto ai 3,69 miliardi di dollari dell’anno scorso. Lo United ha generato il maggior reddito (737 milioni di dollari) durante la stagione 2016-2017 e quasi il 50% in più di entrate operative (254 milioni di dollari) rispetto a qualsiasi altra squadra di calcio. Tutte le squadre della nostra classifica hanno accresciuto il proprio valore di almeno il 9%, con una grande eccezione: il Milan è crollato del 24% rispetto allo scorso anno, a 612 milioni di dollari. Il proprietario della squadra potrebbe essere costretto a vendere la squadra italiana, che si trova a dover fare i conti con le sanzioni Uefa.

Dietro al Manchester United, ci sono i due giganti spagnoli: Real Madrid (4,09 miliardi di dollari) e Barcellona (4,06 miliardi di dollari). Entrambe le squadre potrebbero presto superare i Red Devils in termini di valore; la prima grazie ai soldi guadagnati (102 milioni di dollari nel 2017-2018) nella loro incredibile Champions League, la seconda grazie alle enormi entrate che il loro nuovo stadio dovrebbe generare una volta completato (entro circa quattro anni).

E i profitti? Il reddito operativo è stato di 84 milioni di dollari, un massimo storico. Le regole Fair Play della Uefa hanno contribuito a trasformare le finanze del calcio europeo. Nel corso del 2016-17 solo due team – la Roma (64 milioni di dollari) e il Milan (10 milioni di dollari) – hanno registrato perdite operative. Durante la stagione 2003-2004, sette dei 20 team più potenti hanno avuto perdite operative che ammontano a 244 milioni di dollari. Quattro delle 10 squadre più redditizie al mondo sono squadre di calcio.

L’aumento delle entrate e della redditività ha innalzato i valori della squadra. Ma solo il Manchester United, il Real Madrid e il Barcellona si classificano tra i 10 franchising sportivi più prestigiosi al mondo. Ciò potrebbe cambiare se le squadre tedesche aprissero le porte agli investitori stranieri, che comporterebbe in certa misura un aumento dei valori delle squadre della Bundesliga, come quando la corsa degli investitori stranieri iniziata oltre un decennio fa ha elevato i valori della Premier league. Un primo esempio è il Bayern Monaco. Il club ha registrato più entrate commerciali – sponsorizzazioni, merchandising, pubblicità per un totale di circa 374 milioni di dollari – durante la stagione 2016-17 rispetto a qualsiasi altra squadra di calcio. Eppure il totale delle entrate del Bayern è stato di appena 640 milioni di dollari, un quarto in meno del Barcellona (706 milioni di dollari). I brand dei club tedeschi ha bisogno di più amore nei confronti del marketing. Il capitale straniero significherebbe un aumento dei prezzi di vendita delle squadre e un maggiore incentivo ad aumentare le entrate della Bundesliga.

Franck Ribery del Bayern Monaco durante il match di UEFA Champions League contro il Real Madrid

Il calcio è lo sport di squadra più popolare al mondo, e i suoi atleti sono dei cartelloni pubblicitari con due gambe seguiti incessantemente da follower scatenati in tutto il mondo. I giocatori di calcio sono dei beni estremamente preziosi, il che spiega perché tre di loro (Cristiano Ronaldo, Lionel Messi, Neymar) sono tra i cinque migliori atleti nel mondo. Questi giocatori valgono ogni centesimo proprio grazie alla spinta del pubblico televisivo che comanda le lucrose operazioni di distribuzione e genera i soldi per le aziende che vogliono spendere i loro brand sulle loro uniformi e negli stadi. I campionati e le squadre con le più grandi offerte di radiodiffusione e di uniformi sono i più ricchi, e nel corso del tempo le vendite e le entrate commerciali sono diventate una delle fette più grandi dell’intera industria del calcio.

I cinque migliori campionati europei hanno accordi in essere che generano 8,2 miliardi di dollari all’anno in diritti televisivi. Le squadre inglesi dominano la nostra classifica dei primi 20 con otto club, perché la Premier League ha le offerte televisive più ricche. Ma le tasse sui diritti non hanno raggiunto l’apice e tutti i campionati nazionali si stanno arricchendo. La Ligue 1, ad esempio, il massimo campionato francese, ha recentemente venduto i suoi diritti televisivi per molto di più del suo attuale accordo. E Amazon, gettando acqua sul fuoco sull’idea che la migliore divisione inglese avrebbe generato meno soldi nel suo prossimo giro di affari nei media, ha appena acquistato i diritti di streaming per la Premier League. Non bisogna illudersi. I soldi stanno aumentando. È solo che sono confezionati in modo diverso. Anche l’Italia sta aprendo le porte allo streaming. DAZN ha annunciato che lancerà un servizio di streaming con un accordo triennale per trasmettere 114 partite di Serie A ogni stagione.

Anche il valore delle sponsorizzazioni di magliette e stadi sta aumentando. Lo scorso settembre, il Real Madrid ha rinnovato il contratto di sponsorizzazione della maglia con la compagnia aerea Emirates di Dubai per una cifra record di 82 milioni di dollari all’anno fino alla fine della stagione 2020-2021. Barcellona ha il miglior affare, con Nike, di 116 milioni di dollari l’anno. Le 10 più importanti offerte di diritti di denominazione per magliette, kit e stadio combinati ammontano a 1,35 miliardi di dollari l’anno. E alcune squadre stanno vendendo una terza parte delle loro divise. Le patch sulle maniche, simili all’offerta nella NBA, aggiungeranno dollari in più alle uniformi. Arsenal e Chelsea hanno recentemente firmato contratti di patch che frutteranno rispettivamente 13 e 10 milioni di dollari.

I tifosi del Liverpoolalla finale di UEFA Champions League a Kiev contro il Real Madrid.

I veri profitti provengono dalla partecipazione alla Champions League, il torneo sportivo annuale più redditizio al mondo. I premi in denaro che le squadre possono guadagnare avanzando fino in fondo al torneo non hanno eguali nello sport. La partecipazione frutta centinaia di milioni di dollari al valore di una squadra e decine di milioni di dollari ai suoi utili. Il Liverpool, che ha un valore di 1,94 miliardi di dollari, quest’anno ha registrato il maggior rialzo (30%) in gran parte proprio grazie ai soldi che prenderà dalla Champions League 2017-2018 e 2018-2019. Ancora una volta, proprio come le entrate radiotelevisive e le sponsorizzazioni, i pagamenti della Champions League sono al top.

Il Real Madrid ha recentemente dominato la Champions League, vincendo le ultime tre. La vittoria per 3-1 di quest’anno contro il Liverpool è stata la loro terza vittoria di fila nella competizione, diventando così la prima squadra a riuscire nell’impresa.

 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!