Torna Rockin’1000, la rock band più grande di sempre

Forbes.it
Share

“Run and tell all of the angels / This could take all night”. Qualche anno fa, quasi sicuramente avete visto un video che vi ha colpito per la sua peculiarità: un gruppo sterminato di persone si diletta a suonare (e cantare) all’unisono Learn To Fly, uno dei più celebri brani dei Foo Fighters. Poco dopo, quando la clip dell’esibizione – organizzata per convincere il frontman del gruppo Dave Grohl a esibirsi a Cesena, luogo dell’iniziativa – raggiunge i primi milioni di visualizzazioni su YouTube, in molti scoprono che la “cover band” radunata in Emilia Romagna è composta da 1000 persone. È la fine di luglio del 2015 e Grohl, dal canto suo, non può far altro che rispondere commosso ai fan e pianificare un concerto-evento, che poi si è effettivamente tenuto a Cesena il novembre successivo.

[youtubevid id=”JozAmXo2bDE”]

Giunta alla sua quarta edizione, Rockin’1000 oggi è una manifestazione affermata nel panorama musicale, e a dimostrarlo quest’anno ci sarà anche Courtney Love: la prima ospite di fama internazionale a partecipare al Rockin’1000 canterà alcuni dei suoi grandi successi come frontwoman della band Hole​, Celebrity Skin e Malibu, oltre a una speciale cover accompagnata dal chitarrista Tad Kubler​. Quest’anno, i 1000 partecipanti saranno diretti dal maestro Peppe Vessicchio, il direttore d’orchestra più amato dagli italiani, che per l’occasione ha dichiarato: “Non direi proprio di essere un rocchettaro, ma questo non mi impedisce di apprezzare i valori legati a questo tipo di musica. L’invito ricevuto da Rockin’1000 mi ha immediatamente incuriosito, e l’idea di trovarmi a confronto con centinaia di strumentisti amanti di questo genere mi ha provocato un involontario e spontaneo sorriso”.

Le novità di questa edizione saranno molte: innanzitutto, Rockin’1000 That’s Live 2018 – questo il nome ufficiale della manifestazione – cambierà location, e si terrà il 21 luglio allo stadio Artemio Franchi di Firenze: la nuova location permette di aumentare del 50% il numero dei partecipanti, che quest’anno saranno addirittura 1500 (250, fiati, 50 percussioni, 250 batterie, 300 chitarre, 250 bassi, 100 tastiere e 300 voci). E, per la prima volta nella sua giovane storia, la manifestazione devolverà parte dell’incasso alla comunità di San Patrignano, l’ente laico riminese che si occupa di aiutare i tossicodipendenti. L’appuntamento è per il 21 luglio, quando un fiume di persone suonerà 18 pezzi iconici della storia del rock: i biglietti per l’ingresso a Firenze sono in vendita su Mailticket.

Share