Che cos’è Grow, il primo “magazine” di Facebook

Forbes.it
Share

La prima uscita di Grow.

Uno dei temi più discussi degli ultimi anni riguarda il ruolo di Facebook nel panorama internazionale, tanto sul piano politico – si è discusso a lungo sulle più che presunte interferenze straniere nelle elezioni presidenziali americane – quanto su quello mediatico: “E se Facebook diventasse un editore?”, si chiedono da anni analisti e addetti ai lavori del settore. In realtà qualcosa di molto simile è già successo: la società di Mark Zuckerberg ha presentato Grow, un progetto a metà tra l’iniziativa editoriale e un programma di marketing riservato a un pubblico ristretto ed esclusivo di business leaders.

La stessa Facebook, spiegando cosa sarà Grow – che comprenderà anche un trimestrale cartaceo destinato a un pubblico di uomini d’affari, e un evento a cadenza annuale – precisa che “attraverso eventi e contenuti multi-piattaforma, [Grow vuole] far crescere imprese, network e prospettive puntando i riflettori su compagnie e trend che stanno sfidando lo status quo”. Grow avrà presto un suo sito, e si servirà di “un mix di media digitali, tra cui Facebook, Instagram e LinkedIn” per portare avanti il suo compito.

Menlo Park evita di usare parole come “magazine” per descrivere la sua nuova avventura, ma Grow verrà diffuso in una selezione di lounge aeroportuali e ferroviarie, con l’obiettivo dichiarato di coinvolgere la business community nei suoi sforzi di marketing, e nei prossimi mesi svelerà un podcast in partnership con Vanity Fair. Per scopo e portata, Grow non può certo considerarsi una testata tradizionale – da Facebook hanno già fatto sapere che non venderanno pubblicità, e che l’unico fine sono “le comunicazioni di marketing”: la società non è certo la prima a creare il suo magazine – ma è pur sempre un primo passo in una direzione discussa e temuta.

 

Share