LeBron James potrebbe presto diventare uno dei Billionaires di Forbes

Forbes.it
Share

LeBron James ha annunciato di aver accettato i contratto che lo legherà ai Los Angeles Lakers

di Kurt Badenhausen, Forbes Staff

LeBron James ha parlato della sua ambizione di diventare un miliardario quattro anni fa in una cover story per GQ. “È il mio più grande obiettivo. Ovviamente. Voglio massimizzare i miei affari”, aveva dichiarato James. “E se mi capita di raggiungerlo, se mi capita di essere un atleta miliardario, oh. Hip hip urrà! Oh mio Dio, sarò entusiasta”.

King James ha fatto un altro passo verso il “club dei nove zeri” grazie all’annuncio di domenica notte tramite la pagina Instagram della sua agenzia di aver accettato un contratto di quattro anni, da 154 milioni di dollari con i Los Angeles Lakers.

James avrebbe potuto firmare un accordo più importante a Cleveland: i Cavaliers detenevano i Bird Rights di James, che gli permettevano un accordo quinquennale del valore di circa 205 milioni di dollari. Ma il trasferimento a Los Angeles apre nuove opportunità di business per James e potrebbe spingerlo a uno status di superstar globale ancora più grande se riuscirà a ridare il titolo NBA alla squadra giallo-viola (le ultime cinque stagioni sono state tra le 10 peggiori nella storia dei Lakers).

James ha forse aumentato il suo valore e il potenziale di guadagno fuori dal campo come giocatore dei Cavalier, andandosene da Miami per consegnare il primo titolo della città in ogni importante campionato sportivo in 52 anni. Quello dei Lakers è il franchise più famoso della NBA, con 16 titoli e un incredibile assortimento di stelle, che possono essere ricordati anche solo dal nome: Wilt, Kareem, Magic, Shaq e Kobe. Ora bisogna aggiungere il nome di LeBron alla lista. I Lakers sono anche un franchise globale, con sede nel cuore della seconda città più grande degli Stati Uniti. Quindi James e il suo manager di lunga data, Maverick Carter, vedranno probabilmente un aumento delle opportunità di business.

L’ultima analisi di Forbes del patrimonio netto di James è stata fata due anni fa come parte della nostra classifica dei 40 più ricchi imprenditori Under 40. La nostra stima era di 275 milioni di dollari, ma James ha incassato altri 170 milioni di dollari, comprese le sponsorizzazioni, e il mercato azionario continua ad avere un trend rialzista. James ha guadagnato 765 milioni di dollari, compresi i guadagni extra-sportivi, da quando è diventato professionista nel 2003. Naturalmente, le tasse e le spese consumano una fetta importante di tali proventi.

James ha già interessi commerciali a Los Angeles attraverso la sua società di produzione, SpringHill Entertainment, che ha trasmesso programmi televisivi come The Wall e Survivor’s Remorse e sta lavorando a un remake del film del 1990 House Party. La media company Uninterrupted ha ottenuto un investimento di 15,8 milioni di dollari dalla Time Warner nel 2015.

Le decisioni di free agency del tre volte campione NBA hanno tenuto in ostaggio la lega durante il 2010 e il 2014. James non ha risparmiato tempo facendo conoscere al suo nuovo team il nuovo corso, annunciando la mossa nel primo giorno in cui è diventato free agent. I Lakers erano la destinazione favorita per il quattro volte MVP grazie a 62 milioni di dollari potenziali di stipendio e un roster promettente, che si è classificato come il secondo più giovane della scorsa stagione di NBA. James possiede già un paio di case in L.A., che ha aggiunto carburante alla speculazione.

Ora James imparerà da una delle grandi storie di successo di tutti i tempi della NBA, Magic Johnson, un giocatore diventato uomo d’affari. Johnson, presidente dei Lakers, ha vissuto trent’anni di successi imprenditoriali puntando su immobili, industria reatil, sport e altro ancora. Il potere di guadagno di James era destinato a rimanere impareggiabile nella NBA, sia nel caso fosse rimasto a Cleveland o che avesse deciso per Los Angeles. È ancora un top player a 33 anni e le sue sponsorizzazioni sono le migliori nell’NBA con oltre 50 milioni di dollari all’anno grazie agli accordi con Nike, Coca-Cola, Beats, Kia, Intel e Blaze Pizza. È anche un investitore e affiliato in Blaze. Stephen Curry è l’unica star della pallacanestro a 20 milioni di dollari da James e il guadagno totale di LeBron si avvicinerà ai 400 milioni di dollari nel corso dei quattro anni a L.A.
È il bello di essere The King.

Share