Quanto vale il brand CR7

Forbes.it
Share

Cristiano Ronaldo esulta per un gol al Bernabeu lo scorso febbraio.

Cristiano Ronaldo, 33 anni, reduce dalla quinta Champions League vinta con il Real Madrid nella finale di Kiev contro il Liverpool, è l’uomo più chiacchierato del momento: indiscrezioni di provenienza iberica dicono che avrebbe accettato un possibile trasferimento alla Juventus, e ora la palla sarebbe passata alla società di Florentino Pérez, che deve decidere se accettare i milioni – dai 100 ai 130, sembrerebbe – offerti dalla squadra torinese.

Quanto vale, economicamente, CR7? Tra stipendi e bonus, nel 2017 l’asso portoghese ha incassato 61 milioni di dollari, che si aggiungono agli introiti degli sponsor, stimati in 47 milioni di dollari: il totale ha raggiunto la cifra capogiro di 108 milioni di dollari. Il solo contratto che lega il capitano del Portogallo al brand Nike vale oltre 1 miliardo di dollari, senza contare i contratti che ha siglato con Herbalife, EA Sports e American Tourister. E poi ci sono il suo marchio personale di abbigliamento, CR7, che produce scarpe, intimo, profumi e jeans, e la sua linea di hotel di lusso Pestana CR7. Più recentemente, Cristiano ha messo nero su bianco una partnership con i parchi divertimento spagnoli Gramado Parks e la marca di cioccolato Lugano: l’obiettivo è aprire una catena di ristoranti in Brasile, Dona Dolores (dal nome della mamma del campione).

Ai tempi del suo passaggio al Real Madrid dalla sua precedente squadra, il Manchester United, nel 2009, il trasferimento da 94 milioni di euro era il più costoso della storia del calcio. In carriera, secondo i dati raccolti da Forbes, CR7 ha incassato 61 milioni di dollari per le sue sole prestazioni sportive, e il suo attuale contratto col Real Madrid gli frutterebbe più di 50 milioni fino al 2021. Ronaldo – che rimane anche il giocatore più popolare sui social media, dove ha un totale di 322 milioni di follower divisi tra Facebook, Twitter e Instagram – tuttavia pare determinato ad andarsene: vedremo se la sua prossima destinazione sarà davvero italiana, o se i titoli di queste ore rimarranno speculazioni da Fantacalcio estivo.

 

Share