Seguici su
Investimenti 25 Luglio, 2018 @ 1:04

Ecco perché Warren Buffett e altri grandi investitori non diversificano

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Warren Buffett suona la campanella di apertura delle contrattazioni New York Stock Exchange.

di Karl Kaufman per Forbes.com

“Dice lo stolto:” Non mettere tutte le uova nello stesso paniere, che è più o meno come dire: “Sparpaglia i tuoi soldi e la tua attenzione”; ma l’uomo saggio dice: “Metti tutte le uova nello stesso cesto e: GUARDA IL CESTO”.

Mark Twain, Wilson lo zuccone

La saggezza popolare impone che la diversificazione è essenziale per il successo dell’investimento a lungo termine. Spesso ti viene detto di distribuire i tuoi soldi su una varietà di titoli o asset class per proteggerti dai rischi. Tuttavia, alcuni dei migliori investitori, come Warren Buffett, George Soros, William J. O’Neil e Bernard Baruch hanno parlato della virtù di detenere posizioni concentrate. “La diversificazione è una protezione contro l’ignoranza”, secondo Buffett. “Non ha molto senso per coloro che sanno quello che stanno facendo”.

Pensaci: hai il tempo di tenere sotto controllo decine di aziende nel tuo portafoglio? Una persona normale non può prestare sufficiente attenzione a un ampio spettro di titoli in una varietà di industrie o asset class.

“Non è saggio diffondere i propri capitali su troppi titoli diversi”, ha detto Bernard Baruch, “tempo ed energia sono necessari per tenere il passo delle forze che possono cambiare il valore di un titolo. Mentre uno può sapere tutto quello che c’è da sapere su alcuni problemi, non si può assolutamente sapere tutto ciò che si ha bisogno di sapere su molte cose”.

“Più titoli possiedi, più lentamente sarai reattivo e intraprendi azioni di vendita per raccogliere denaro sufficiente quando inizierà il prossimo ribasso dei mercati”, scrisse William J. O’Neil nel suo classico How To Make Money In Stocks. L’obiettivo dell’investitore vincente dovrebbe essere quello di avere uno o due grandi titoli vincenti, piuttosto che dozzine di profitti molto piccoli”.

Se spalmi troppo, comprometterai i tuoi risultati e la tua probabilità di battere il mercato. Molti autori del settore finanziario predicano il valore dell’investimento su indici: basta comprare tutto il mercato ed essere felici di stare nella media. Va bene se si mira a rendimenti medi senza preoccuparsi di cercare di battere il mercato. È improbabile, tuttavia, che sarete in grado di accumulare una ricchezza seria utilizzando questa strategia.

“Nessuna delle ali dell’ospedale o dei dormitori del college è mai stata nominata da qualcuno che segue un indice”, ha detto James Oelschlager, fondatore di Oak Associates. “Sono stati nominati da persone che hanno investito in uno o due titoli e li hanno cavalcati per un periodo di tempo”.

Naturalmente, la selezione delle azioni per un portafoglio concentrato richiede molte analisi e attenzione. Un investitore con un portafoglio concentrato deve lavorarci su e deve sapere il più possibile sui propri investimenti. Deve ascoltare le conference call sugli utili, studiare i dati finanziari e monitorare attentamente l’ambiente aziendale.

“La caratteristica determinante dell’investitore intraprendente è la sua disponibilità a dedicare tempo e attenzione alla selezione di titoli che sono al tempo stesso più sani e attraenti della media”, ha scritto Benjamin Graham nel suo tomo The Intelligent Investor. “Nel corso di molti decenni, un investitore di questo tipo potrà aspettarsi una ricompensa utile per le sue capacità e gli sforzi extra sotto forma di un rendimento medio migliore di quello realizzato da un investitore passivo”.

Il più grande argomento per la diversificazione è la protezione dal rischio. Con l’acquisto di una moltitudine di azioni, è vero che si riduce il rischio che una singola azione crolli e cancelli una grossa fetta del tuo portafoglio. Ma non sei ancora protetto dal rischio sistemico quando tutto il mercato crolla.

Una strategia consiste nell’acquistare pochi titoli selezionati in settori non correlati. Ad esempio, è possibile acquistare una azione tecnologica e bilanciarla con alcune società di beni di prima necessità, per controbilanciare un settore a rischio più elevato con uno più difensivo. Le azioni con beta inferiori tendono a scendere meno del mercato complessivo durante una fase discendente.

Se si dispone di una manciata di titoli, è possibile mitigare alcuni dei rischi che arriveranno quando fattori macroeconomici, come un mercato ribassista o una recessione, causeranno la caduta dell’intero mercato. Se conosci bene il titolo e credi nel suo potenziale a lungo termine, puoi superare la tempesta, acquistare più azioni a prezzi scontati e raccogliere i dividendi fino a quando il mercato non gira in positivo.

Acquistando e vendendo importi incrementali in un portafoglio concentrato, è possibile creare posizioni considerevoli assicurandosi al contempo di non acquistare a prezzi più alti. È possibile continuare ad aumentare queste posizioni in caso di debolezza e migliorare la base dei costi e i rendimenti complessivi. Anche quando il titolo sale, George Soros pensa che se credi nella società e nelle prospettive a lungo termine, dovresti continuare a comprare di più, anche a prezzi più alti. “Se il titolo sale, ne acquisti di più”, ha detto Soros. “Non importa di quanto sia grande la posizione nel tuo portafoglio. Se hai capito bene, allora consolida”.

Buffett ama quando cade il mercato, dato che è in grado di comprare più azioni delle compagnie che ama a prezzi più convenienti. Forbes ha intervistato Buffett nel 1974 nel bel mezzo di un mercato ribassista e gli ha chiesto come si sentiva. La risposta di Buffett? “Come un ragazzo eccitato in un bordello“.

Ovviamente, questo metodo di investimento non è per il tipo di investitori “pianifica e dimentica”. Chi non ha la possibilità di seguire il mercato dovrebbe probabilmente utilizzare i fondi indicizzati. Il prezzo che si paga per un fondo comune diversificato e gestito in maniera attiva di solito si traduce in sottoperformance a causa di commissioni più elevate.

Se hai un consulente finanziario o un manager finanziario fidato (e dovresti), molto probabilmente non saranno in grado di creare un portafoglio concentrato, quindi dovrai farlo tu stesso. I fiduciari sono legalmente tenuti ad agire in ciò che credono sia nel migliore interesse dei loro clienti. E difficilmente vi creerebbe un portafoglio altamente concentrato poiché contrasta con la definizione convenzionale di miglior interesse.

Ripeto, questa strategia è utile solo se si ha la possibilità di applicarvisi acquisendo quante più conoscenze possibili su alcuni investimenti selezionati. Questo non vuol dire che dovrai mettere l’80% dei tuoi risparmi di una vita in azioni di Netflix, a meno che tu non comprenda veramente la natura della loro attività e abbia dedicato il tempo a esaminare attentamente i loro bilanci e ad analizzare a fondo l’azienda. Se sei disposto a impegnarti, tuttavia, potresti essere ampiamente ricompensato per il tuo impegno. Meglio essere come l’uomo saggio: metti le uova in un cesto e GUARDA QUEL CESTO!

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!