Seguici su
Classifiche 14 settembre, 2018 @ 7:51

Gli artisti hip hop più pagati del mondo nel 2018

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi

Il debutto di Nas, a 45 anni.

di Zack O’Malley Greenburg, Forbes Staff

Tour della durata di mesi e accordi di sponsorizzazione con compagnie come Sprite e Hennessy hanno portato gli appartenenti della nostra lista annuale degli artisti hip hop più pagati a racimolare una media di 44 milioni di dollari nel corso dell’ultimo anno. Alcuni di essi hanno guadagnato redditizie partecipazioni azionarie, tra gli altri Nas, che entra in classifica per la prima volta a 25 anni dalla pubblicazione del suo primo album.

Qualche anno fa, a una cena Nas ha fatto amicizia col venture capitalist Ben Horowitz, e da allora ha strappato quote in alcuni beniamini della Silicon Valley (Lyft, Coinbase) e media online (Genius, Mass Appeal). Il suo interesse in queste startup è naturale, ha spiegato. “[Gli artisti hip hop] sono sempre avanti quando si parla di tecnologia: da un piatto a due piatti e un fader”. Ha già potuto godersi alcune uscite, tra cui la riportata vendita della startup di citofoni Ring per 1,1 miliardi di dollari ad Amazon, riportata lo scorso febbraio. “Non c’è mai stata un’epoca in cui [i rapper] non hanno pensato a investire. E ora il mondo si sta aprendo”.

Nas ha incassato una cifra record per la sua carriera: 35 milioni di dollari, che tuttavia bastano solo per la posizione N. 6 della classifica. Il re dell’hip hop cash quest’anno è il suo ex rivale Jay-Z, che ritorna sulla piazza più alta con un eccezionale bottino di 76,5 milioni di dollari. Il poliedrico magnate è andato in giro a presentare il suo ultimo album, 4:44, dopo aver salutato l’arrivo di due gemelli con la moglie Beyoncé nel 2017. Quest’anno ha alzato il tiro col lancio di Everything Is Love, il primo album prodotto insieme dalla coppia, e un tour negli stadi chiamato On The Run II, che ha toccato anche Milano.

Dopo aver ottenuto la prima posizione per tre anni di seguito, Diddy è scivolato al secondo posto con 64 milioni di dollari, ma sbanca ancora grazie principalmente a un impero del bere che comprende la vodka Ciroc, la tequila DeLeón e l’acqua alcalina Aquahydrate. Kendrick Lamar chiude il podio con un record di 58 milioni di dollari, segnato riempiendo palazzetti e stadi da Los Angeles a Londra e grazie ad accordi con Nike e American Express. “In ogni iniziativa al di fuori di arte, cultura e hip hop, devo avere il pieno controllo creativo”, ha detto a Forbes l’anno scorso. “E con quello, ho sempre voluto creare qualcosa in più di un prezzo di listino”.

Kendrick Lamar agli ultimi Grammy.

Queste entrate che danno alla testa non devono sorprendere: oggi l’hip hop è il genere maggiormente consumato in America, e i suoi artisti di conseguenza stanno incassando. I 10 rapper più fortunati dell’anno hanno intascato ben oltre i 400 milioni di dollari, battendo facilmente le macchine da soldi del country (304,5 milioni) e dell’elettronica (260 milioni).

La nostra lista tiene d’occhio i ricavi annuale pre-tasse di tour, vendite di dischi, streaming, pubblicazioni, vendite di merchandising, accordi da testimonial e altre iniziative imprenditoriali. I guadagni sono calcolati sul periodo compreso tra il giugno 2017 e il giugno 2018, a partire dai dati forniti da Nielsen SoundScan, Pollstar, Songkick, Bandsintown, la RIAA e colloqui con manager, avvocati, direttori e alcuni degli artisti in persona

Alcuni dei più grandi nomi dell’hip hop possono essere trovati fuori dal podio, come Drake al N.4 (47 milioni di dollari), il cantante più ascoltato del mondo con 5 miliardi di streaming negli scorsi 12 mesi, ma che ha allentato il passo nei tour live, perdendo la posizione N.2 che aveva agguantato l’anno scorso. In sesta posizione, Dr. Dre (35 milioni di dollari) sta ancora ricevendo denaro dal suo celebre deal con Apple, insieme a un vasto catalogo che lo mantiene a galla. DJ Khaled (il N.11, con 27 milioni) ha avuto un’altra annata eccezionale, grazie alla sua solita produzione musicale, ai concerti e ad accordi con Apple, Ciroc e Weight Watchers. “Puoi volere una Hyundai, se ti fa piacere”, ha detto a Forbes nel 2017. “Per quanto mi riguarda, voglio una Rolls-Royce”.

Nas ha debuttato da paperone del rap dopo tanti anni di carriera, ma la classifica è piena di nuovi arrivi che potrebbero essere suoi figli: c’è il rapper di Astroworld Travis Scott (N.14, 21 milioni di dollari), il nome caldo dello streaming Lil Uzi Vert (al 17esimo posto), il gamer Logic, Russ e Meek Mill (questi ultimi entrambi al N.20), quasi tutti ben sotto i 30 anni.

La lista può essere diversa in termini d’età, ma l’hip hop sconta ancora una deplorevole mancanza di donne ai piani alti del business. Il pilastro dei guadagni Nicki Minaj quest’anno non è entrata in classifica: non è andata in tour e il suo nuovo album, Queen, è uscito dopo la fine del nostro periodo di rilevamento. Ma un ritorno in campo di successo dovrebbe reinserirla nei ranghi, e lo stesso vale per la super-rivale Cardi B.

Se Jay-Z e Nas riusciranno ad appianare le differenze dopo una delle faide hip hop più celebri della storia del genere, forse Cardi e Nicki possono pensare a un epilogo simile per l’edizione del prossimo anno. “Non ho mai avuto nessun problema a entrare nel club dei maschi”, spiegava Minaj a Forbes una volta, “mai, mai, mai”.