Una ragazza di New York è riuscita ad andare in pensione a 28 anni

Forbes.it
Share

di Maya Kachroo-Levine per Forbes.com

JP Livingston è una pensionata residente a New York City. Vive parsimoniosamente, e lei, suo marito e il cane dividono un appartamento di 30 metri quadri. C’è solo un dettaglio fondamentale che la separa dal resto della popolazione dei pensionati di New York: è andata in pensione a 28 anni.

JP (uno pseudonimo che usa sul suo blog, TheMoneyHabit.org) si è laureata ad Harvard nel 2009 e dopo è andata a lavorare per una banca d’affari. Ma il suo interesse gli investimenti era sorto molto prima della laurea.

“Quando avevo 12 anni, mio padre mi ha regalato una copia di Rich Dad, Poor Dad. Ha acceso il mio interesse per la gestione finanziaria (considero gli investimenti solo una parte della gestione dei soldi)”, dice JP. “Mi ha fatto venire voglia di avviare la mia attività. Mi ha anche fatto interessare molto agli investimenti immobiliari, mi sedevo fra gli scaffali di Barnes & Noble per leggere tutto ciò su cui riuscivo a mettere le mani”.

Per quanto abbia sempre avuto un fervente entusiasmo per gli investimenti, al tempo di Harvard JP non sembrava il tipo di studentessa che sarebbe finita in una società d’investimento. Ha passato un’estate in un monastero buddista a Taiwan. Quando JP ci pensa su, capisci come ha iniziato a trovare interessante uno stile di vita minimalista, e perché non leghi l’essere felici allo spendere.

“Andare in un’università come Harvard può farti sentire che, per essere rispettato, dovrai perseguire un certo tipo di carriera in azienda ad alti livelli”, spiega JP. “Sentivo molta pressione in quel senso, e questa esperienza mi ha aiutata. Ricordo che una sera eravamo in un tempio sulle montagne. Ero coricata su un microscopico materassino di bambù appoggiato su un’asse in legno durissima, erano probabilmente le 4 di mattina e guardavo il soffitto. Tutto ciò che avevamo era cibo in forma elementare, un’uniforme, la pace e la quiete, ed ero felice, più felice di quanto non fossi stata in tanti giorni a scuola circondata da un’ampia scelta di opportunità e privilegi e leadership eccetera. Mi ha fatto pensare a come non c’è bisogno di molto per vivere una vita felice”.

Com’era prevedibile, il primo lavoro di JP, quand’è uscita dal college, è stato fare l’assistente nelle escursioni a cavallo dei nomadi in Mongolia. Dopodiché è tornata negli Stati Uniti con in testa l’idea di avviare una sua impresa.

“Ma questa società di investimento mi ha convinto che spendere qualche anno a imparare, da investitrice, cosa ha portato al successo le aziende sarebbe stato compatibile con l’avviare la mia attività, un giorno”, spiega JP. Era grata che la compagnia le avesse mostrato che non era il momento giusto per dare inizio ai suoi progetti personali.

Continua: “Ho scoperto di non voler fondare una grande azienda, almeno non subito. Al tempo non avevo nemmeno idea del fatto che la posizione che offrivano si sarebbe rivelata così redditizia: a dire il vero era la proposta con lo stipendio più basso tra quelle che avevo ricevuto. Il compenso mi ha aiutato a realizzare il mio sogno di andare in pensione da giovane, in modo probabilmente più rapido rispetto a quello che avrei ottenuto fondando una mia società. E nel tempo mi è capitato di lavorare con delle persone fantastiche”.

Se il reddito considerevole ha aiutato, JP comunque doveva mantenere bassi i costi della sua vita in città, per sostenere un piano di risparmi e investimenti molto aggressivo. Lo enuncia nei termini seguenti:

Reddito — Spese = Risparmi

Risparmi + Tasso di crescita + Impatto della tassa sui redditi = Un bel gruzzoletto

Secondo JP, “il dilemma tra risparmiare e investire ritorna regolarmente nella mia esperienza. Devi migliorare in qualche modo la prima equazione prima di passare alla seconda. Il che significa che devi essere bravo o a generare molto reddito, o a controllare le spese per costruire un po’ di risparmi all’inizio, e poi puoi dedicarti a spremere il tuo tasso di crescita o le strategie di ottimizzazione fiscale”.
Nei primi due anni di lavoro, JP si è concentrata sul tagliare le spese, così da poter mettere da parte buona parte delle entrate. Viveva con 24mila dollari, pagando 1.100 dollari al mese d’affitto e concedendosi 900 dollari al mese per tutte le altre spese (compresi i bisogni primari come mangiare, vestirsi eccetera).
Com’è la sua situazione economica oggi?

“Il mio patrimonio totale ammonta a 2,25 milioni di dollari, e credo di poter dire che il 60% di esso proviene dal risparmio, e il restante 40% dall’investimento”, spiega JP. “Oggi vivo col mio compagno e il mio cane. Invece dei 24mila dollari di prima, vivo con 32.500 per ciascuno (quindi 65mila dollari in tutto). Il nostro tasso di risparmio è rimasto molto alto fin quando ho lavorato. Mio marito lavora ancora, anche se i nostri risparmi coprono tutte le spese”.

Ha affilato la sua strategia di investimento negli ultimi anni, sperimentando tassi di rendimento in crescita impressionante: “C’è una soglia cruciale oltre la quale i ritorni dei tuoi investimenti iniziano a pesare quanto un lavoro a tempo pieno. A 26 anni avevo ottenuto il mio primo milione. Quell’anno, ha generato un profitto di più del 13%. Si tratta di 130mila dollari provenienti dai miei investimenti, generati a prescindere da dove mi trovassi, se a lavorare, su una spiaggia o a giocare ai videogame. A quel livello, dedicare un’ora ulteriore al lavoro sulle strategie di investimento o sugli scudi fiscali genera molto più di cercare di pelare un altro migliaio di dollari dal mio budget. Per cui, negli ultimi anni di lavoro la mia attenzione è decisamente passata alle tasse e agli investimenti”.

Il fattore davvero straordinario della pensione anticipata di JP, al di là del suo patrimonio a quell’età, è che lei e il marito vivono a New York City. La maggior parte di queste storie proviene da zone remote, non dalla città più costosa d’America. Ma Jp e il marito preferiscono vivere a New York per i benefit: adorano ciò che la città ha da offrire. Ma rigare dritto col loro budget da baby pensionati significa andare al risparmio.

“Abbiamo sacrificato spazio e qualità in modo da mantenere contenuti i costi. Viviamo in tre in un appartamento di 30 metri quadri al quinto piano di un palazzo senza ascensore”, dice JP. “I pavimenti sono inclinati, se posi una biglia per terra raggiungerà certamente l’altro lato della stanza. Eppure la tendenza umana ad adattarsi è sorprendente. A parte aver dovuto comprare un letto con le gambe aggiustabili, ci siamo abituati”.

Fanno la spesa spendendo poco, a Chinatown o a Trader Joe’s, e hanno trovato la maggior parte del loro arredo relativamente raffinato sul sito di annunci Craigslist. “Vendere i miei errori è semplice”, aggiunge JP, “ho venduto alcune parti di computer in 48 ore, perché la densità abitativa della metropoli crea molta domanda”.

Per quanto l’idea di andare in pensione da giovane sia stata incisa nella mente di JP (i suoi genitori erano grandi risparmiatori e le hanno insegnato che avrebbe dovuto rendersi autonoma prima di concedersi tentativi d’impresa più creativi), dice lei stessa, “ciò che mi ha portato alla decisione di premere il grilletto è stato un anno particolarmente duro per la mia famiglia e i miei amici”.

Sua madre ha sperimentato un progressivo intorpedimento del suo corpo, che temevano potesse peggiorare. E due suoi amici di sempre hanno perso i loro genitori ancora giovani.

JP: “Pensavo a quanti anni di buona salute mi rimanevano e a come volevo impiegarli. Facendo una stima conservativa, e guardando alla mia storia familiare, ho dato per scontato di avere forse altri 15-20 anni di buone condizioni di salute. Facevo l’investitrice da quasi sette anni. Quanti altri –dei 15-20 che mi rimanevano – volevo passarne a investire? Stavo aggiungendo qualcosa, o lo facevo soltanto per i soldi? E nel frattempo, quanti giorni  da passare coi miei genitori mi rimanevano davvero? Quando saremmo andati in crociera sui fiumi in Europa come avevamo sempre detto, rimandando sempre perché non riuscivo a trovare quattro settimane di ferie?

JP ha iniziato a investire prima di lasciare Harvard, a 19 anni. Ha lavorato negli investimenti per sette anni. A nemmeno 8 anni dalla sua laurea, non lavora più e ha un patrimonio di 2,25 milioni di dollari. Ha chiuso con quella parte della sua vita in cui si preoccupava di fare soldi. “Non credo che tornerei volontariamente a un lavoro tradizionale, almeno non concentrandomi sulla paga”, spiega JP. “Mi vedo tornare a lavorare per gli altri solo se si trattasse di qualcosa in linea con ciò che voglio lasciare al mondo”.

Share