La Davos del Sud Italia riparte dai suoi eroi

Forbes.it
Share

Una città delle visioni e dell’innovazione dove discutere di criptovalute e blockchain, pagare in bitcoin e progettare una rivoluzione finanziaria. Al Sud Italia esiste un’oasi sospesa tra terra e mare, che al finire dell’estate si trasforma in una visionaria roccaforte dell’economia. Da domani fino al 22 settembre, ritorna per il terzo anno consecutivo Heroes Meet in Maratea, il primo festival euro-mediterraneo dedicato a innovazione, futuro e impresa che riunisce alcuni dei più ispirati eroi del nostro tempo. Business angels, investitori, intellettuali, creativi, manager, alcune delle startup più interessanti del panorama internazionale e altri 1200 professionisti si danno appuntamento nella “perla del Tirreno” per costruire nuove relazioni di business, lanciare e innovare la propria impresa.

Un po’ laboratorio del fintech, un po’ festival dell’economia, Heroes Meet in Maratea si trasforma per la sua terza edizione in una piccola Davos sul Mediterraneo con l’obiettivo di far luce sul mondo dell’economia, tra nuove tendenze e verità nascoste. “Money & Value” sarà il filo rosso dell’edizione 2018. Si parlerà di sistemi economici, di futuro, di quale mondo stiamo costruendo e se lo stiamo facendo consapevolmente.

Maratea

Tra palchi vista mare, incontri in barca e tavole rotonde in spiaggia, i partecipanti di Heroes avranno la possibilità di confrontarsi con alcune delle più grandi personalità del nostro tempo. Professionisti del settore crypto, economisti ed umanisti affronteranno il tema, Money, da un punto di vista multiforme, antropologico, mistico, pratico, eccentrico, ludico. Tra i tanti ospiti della terza edizione si distinguono Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e Fico; Bob Dorf, uno dei più autorevoli esperti al mondo di lean startup e customer development, co-autore insieme a Steve Blank del bestseller “Startupper”; Alex Deans, giovane inventore seriale, artista e speaker nonché nominato The Queen’s Young Leader dalla regina Elisabetta II a Buckingham Palace nel giugno 2017; Mario Moretti Polegato, imprenditore italiano fondatore del marchio Geox; Martin Wezowski, Futurista per l’Innovation Center Network si occupa di definire visioni e strategie innovative con l’obiettivo di  disegnare, costruire e ispirare il futuro in cui vogliamo vivere; Pamela Norton, founder e CEO di Borsetta, una piattaforma blockchain che certifica diamanti e altri gioielli.

In particolare, si discuterà di crowdfunding durante una serie di eventi, tra cui l’incontro speciale con Yancey Strickler, fondatore di Kickstarter, la più grande piattaforma di crowdfunding al mondo, che ha finanziato oltre 150.000 progetti, coinvolgendo più di 15 milioni di persone. Tra attività formativa, incontri con esperti e case studies, Heroes vuole esplorare questa pratica di finanziamento collettivo sempre più diffusa assegnando inoltre un premio al miglior business angel dell’equity crowdfunding.

Gli spazi dove si svolgerà Heroes Meet in Maratea

Heroes Meet in Maratea è dunque un meeting internazionale dell’innovazione con ospiti d’eccezione ma anche un’insolita competizione che porta le startup a sfidarsi a colpi di pitch. L’Heroes Prize Competition accoglie, infatti, al festival 50 startup selezionate di cui solo 5 arriveranno in finale al contest che assegnerà un primo premio da 30mila euro in beni e servizi. Inoltre ritorna anche quest’anno “Startup in famiglia”, l’inedito format che invita i team finalisti a pranzo dalle famiglie locali per illustrare la bontà della propria idea. La valutazione offerta dai commensali si unirà, dunque, a quella di una giuria qualificata, per decretare il vincitore dell’Heroes Prize Competition.

 

 

 

 

Share