Seguici su
Tecnologia 25 settembre, 2018 @ 1:44

I fondatori di Instagram stanno lasciando Facebook

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Kevin Systrom (nella foto) e Mike Krieger, co-fondatori di Instagram, lasciano Facebook

di Angel Au-Yeung per Forbes.com

I cofondatori di Instagram Kevin Systrom e Mike Krieger se ne vanno da Facebook, che ha acquisito la loro app di condivisione di foto sei anni fa. La decisione di dimettersi arriva tra le crescenti tensioni con il fondatore e amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, sul futuro di Instagram e che, secondo quanto riportato da Bloomberg News, dovrebbe essere effettiva nelle prossime settimane. In un post sul blog, Systrom ha detto che lui e Krieger hanno intenzione di prendersi una pausa per “esplorare di nuovo la loro curiosità e creatività”.

“Costruire cose nuove richiede un passo indietro, comprendere ciò che ci ispira e abbinarlo a ciò di cui il mondo ha bisogno; questo è ciò che intendiamo fare “, ha detto Systrom. “Restiamo entusiasti per il futuro di Instagram e Facebook nei prossimi anni dopo essere stati in grado di far crescere gli utenti da due a un miliardo. Non vediamo l’ora di vedere cosa faranno queste aziende innovative e straordinarie”.

“Mike e io siamo grati per gli ultimi otto anni a Instagram e per i sei con il team di Facebook”, ha aggiunto Systrom. “Siamo pronti per il nostro prossimo capitolo”.

Le dimissioni di Systrom e Krieger arrivano durante un periodo di turbolenze a Facebook. La società di social media ha lavorato per riguadagnare la fiducia degli utenti sulla scia dell’interferenza russa nelle ultime elezioni presidenziali degli Stati Uniti sui social media e il più recente scandalo sulla privacy di Cambridge Analytica scoppiato all’inizio di quest’anno.

Durante la loro permanenza in Instagram, fondata otto anni fa e venduta a Facebook per 1 miliardo di euro in contanti e azioni a Facebook, Systrom e Krieger hanno sviluppato la loro app da oltre 1 miliardo di utenti, diventando uno dei prodotti in più rapida crescita nella gamma di app di proprietà di Facebook . La crescita è stata sostenuta da una serie di funzionalità di successo, in particolare il lancio due anni fa delle Instagram Stories, che permette la condivisione di video in tempo reale.

I cofondatori hanno anche supervisionato il rapido sviluppo delle offerte pubblicitarie di Instagram, sfruttando l’esperienza di Facebook nella pubblicazione di annunci pertinenti a specifici gruppi di persone per scalare rapidamente un’attività che secondo alcuni analisti potrebbe generare 20 miliardi di dollari di vendite entro il 2020, circa un quarto delle entrate di Facebook. La base di clienti di Instagram è passata da un centinaio di inserzionisti nel 2015 a oltre 2 milioni di inserzionisti mensili quest’anno.

La partenza dei cofondatori arriva in una fase di rimpasto del management di Facebook. All’inizio di questo mese, Facebook ha dichiarato che l’ex COO di Instagram Marne Levine sarebbe tornata all’app originale per supervisionare le partnership globali. Levine ha sostituito l’ex dirigente di Facebook Dan Rose, che ha annunciato che si sarebbe dimesso da vice presidente delle partnership a ottobre. A maggio, uno dei vice presidenti di Instagram ha lasciato per unirsi alla nuova divisione blockchain di Facebook, guidata dall’ex presidente di PayPal David Marcus.

“Kevin e Mike sono straordinari leader di prodotto e Instagram riflette i loro talenti creativi”, ha detto Zuckerberg in una dichiarazione lunedì. “Ho imparato molto lavorando con loro negli ultimi sei anni e mi sono davvero divertito. Auguro loro il meglio e non vedo l’ora di vedere cosa costruiranno in seguito”.

La notizia giunge subito dopo la partenza anche di un altro dirigente della galassia Facebook, il co-fondatore di WhatsApp Jan Koum, che ha sviluppato l’app di messaggistica con Brian Acton nel 2009. Facebook ha acquisito WhatsApp nel 2014 per 22 miliardi di dollari in cash e azioni; è ancora la più grande acquisizione del social network fino ad oggi. Koum, che ha continuato a lavorare come amministratore delegato di WhatsApp dopo l’acquisizione, ha annunciato le sue dimissioni ad aprile. Un mese prima, a marzo, Acton (ha lasciato la società a novembre 2017) ha inviato un tweet accusatorio rivolto alla società madre sulla scia delle crescenti preoccupazioni sulla privacy degli utenti: “È tempo. #deletefacebook”.

“I fondatori di Instagram [probabilmente] sono rimasti più a lungo di molti altri”, ha affermato Colin Sebastian, un anziano analista di Robert W. Baird, che si occupa di tecnologia. “Detto questo, Instagram si è comportata molto bene sotto la loro guida e la loro partenza potrebbe aggiungere pressione ai dirigenti di Facebook che sono già molto impegnati”.

Per quanto riguarda le condivisioni, Instagram e Facebook divergono su un tratto culturale chiave. Il mantra di Facebook è “Muoviti veloce e rompi le cose”. La massima principale di Instagram potrebbe essere “Gestisci con cura”. A metà del 2016, in un’intervista a Forbes, Systrom notò che era affascinato dall’autonomia che Facebook e Zuckerberg gli avevano offerto.

“Una cosa che Mark ha fatto sin dall’inizio è dire: tu hai l’indipendenza per realizzare le modifiche di prodotto che vuoi, come e quando vuoi. E lui è stato di parola in questo”, ha detto Systrom due anni fa. All’epoca, Systrom descriveva Facebook come più guidato dai dati, mentre Instagram era “un po’ più creativo” nel suo approccio.

“Una delle cose per cui amo lavorare qui, è che posso sedermi in una stanza con Brendan [Iribe] di Oculus, Jan [Koum] di WhatsApp, hai Mark, hai Sheryl, hai Schrep (il CTO), Chris Cox. Hai tutte queste persone e tutti possiamo imparare gli uni dagli altri e tutti possiamo aiutarci a vicenda”, ha affermato Systrom nel 2016. “Anche se non sempre siamo d’accordo”.