Seguici su
Classifiche 27 settembre, 2018 @ 3:04

La classifica dei 50 procuratori sportivi più potenti del mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Scott Boras insieme a Jake Arrieta #49 dei Chicago Cubs nel 2015. (Getty Images)

Jason Belzer per Forbes.com

Un altro anno e un altro miliardo di dollari. È questa la crescita di valore degli accordi negoziati dagli agenti sportivi più potenti del mondo. Con oltre 33,4 miliardi di dollari di contratti totali che hanno fruttato 1,6 miliardi di dollari in commissioni, i migliori 50 agenti sportivi del mondo hanno dimostrato ancora una volta che la potenza della mente e le capacità di una accorta negoziazione possono essere redditizie quanto le prodezze atletiche dei loro clienti sul campo.

Al n°1 della lista per il sesto anno consecutivo c’è il super-agente di baseball Scott Boras: 1,88 miliardi di dollari di contratti negoziati gli faranno guadagnare 105 milioni di dollari in commissioni. Boras ha un record di nove assistiti per un valore di oltre 100 milioni di dollari in gestione, tra cui Max Scherzer e Stephen Strasburg (rispettivamente 210 milioni e 175 milioni di contratto con i Washington Nationals), nonché Chris Davis con i Baltimore Orioles (per un affare da 161 milioni di dollari).

E se il rivoluzionario contratto da 250 milioni di dollari negoziato da Boras per l’ex cliente Alex Rodriguez non c’è più, è probabile che l’agente più potente del mondo possa ancora una volta rivoluzionare il business quando negozierà il free agent Bryce Harper nella prossima stagione. Alcuni stimano che il contratto di Harper potrebbe superare i 400 milioni di dollari! Boras Corp – l’agenzia che porta il suo nome – entra così in quinta posizione nella lista di Forbes delle agenzie sportive più ricche al mondo, con un elenco di clienti che comprende anche il giocatore dei New York Yankees Jacoby Ellsbury e il venezuelano Jose Altuve degli Houston Astros.

Cristiano Ronaldo esulta dopo un gol con la maglia della Juventus (Getty Images)

In seconda posizione c’è Jorge Mendes, l’agente di calcio più popolare al mondo. Con oltre 1 miliardo di dollari di contratti negoziati e 100 milioni di dollari di commissioni, Mendes e la sua agenzia con sede in Portogallo, Gestifute International, ancora una volta dominano lo sport più redditizio al mondo. Mendes ha fatto parlare di sè l’estate scorsa quando ha aiutato a negoziare il passaggio del suo cliente Cristiano Ronaldo dal Real Madrid alla Juventus per una strabiliante cifra di 117 milioni di dollari. Tra gli altri clienti di Mendes figurano: l’esterno del Bayern Monaco James Rodríguez, così come i centrocampisti Ángel Di María di Paris Saint-Germain e Bernardo Silva del Manchester City.

I due sport più redditizi quando si tratta di contratti di atleti professionisti sono il calcio e il baseball, e dal momento che gli agenti sono autorizzati a caricare commissioni elevate in entrambi gli sport, sono in grado di guadagnare soldi. Infatti, sette dei primi dieci posti nella classifica degli agenti sportivi più potenti del mondo di quest’anno provengono dal mondo del baseball e del calcio, tra cui Jonathan Barnett (3°), che ha negoziato quasi 800 milioni di dollari in contratti con la sua agenzia londinese, Stellar Group Limited. Tra i clienti di Barnett ci sono l’attaccante del Real Madrid Gareth Bale, l’esterno del Manchester United Jesse Lingard e il portiere dell’Everton Jordan Pickford.

In 4° posizione nella lista di quest’anno c’è l’agente di basket Jeff Schwartz, fondatore della terza agenzia più importante del mondo, la Excel Sports Management. Schwartz ha negoziato una incredibile cifra di 1,7 miliardi di dollari contratti, tra cui cinque accordi da oltre 100 milioni di dollari, incassando oltre 66 milioni di dollari in commissioni. Tra i suoi clienti Blake Griffin e Andre Drummond dei Detroit Pistons, Kevin Love dei Cleveland Cavaliers, Nikola Jokic dei Denver Nuggets e Harrison Barnes dei Dallas Mavericks.

Il socio di Schwartz, l’agente di baseball Casey Close, si affaccia al numero 6 della lista di quest’anno con 1,2 miliardi di dollari di contratti e 62 milioni di dollari in commissioni. Close ha negoziato sei contratti per un valore di oltre 100 milioni di dollari, inclusi due da oltre 200 milioni di dollari – quello di sette anni, da 215 milioni di dollari di Clayton Kershaw con i Los Angeles Dodgers e quello di Zack Greinke, da 206 milioni di dollari con gli Arizona Diamondbacks. Il partner di Fellow Excel e agente di golf più famoso al mondo, Mark Steinberg, ritorna nella lista di quest’anno al numero 43, con un impressionante elenco di clienti che include la leggenda Tiger Woods e gli astri nascenti Justin Rose e Justin Thomas.

Tiger Woods insieme al suo agente Mark Steinberg (Getty Images).

Forse il balzo più impressionante della lista di quest’anno l’ha fatto l’agente di basket della Creative Artists Agency (CAA), Leon Rose, che passa dal 26° posto dell’anno scorso al 13° posto nel 2018 con 600 milioni di dollari di contratti negoziati. Incoraggiato dall’aumento del tetto salariale dell’NBA, Rose ha contribuito a negoziare diversi contratti free agent dei suoi clienti negli ultimi anni, incluso il contratto da 189 milioni di dollari di Karl-Anthony Towns con i Minnesota Timberwolves e il contratto da 157 milioni di dollari di Devin Booker con i Phoenix Suns.

A Rose si uniscono gli altri agenti CAA al 33° posto Steven Heumann e al 37° posto Aaron Mintz, il trio che ha spinto la divisione di basket dell’agenzia al numero 1 del mondo. Complessivamente, CAA conta undici agenti nella classifica di quest’anno, inclusi gli agenti di hockey Pat Brisson (9°) e JP Barry (19°), gli agenti di football Todd France (10°), Tom Condon (11°) e Jimmy Sexton (28°), e gli agenti di baseball Brodie Van Wagenen (25°), Nez Balelo (31°) e Jeff Berry (44°). Complessivamente, gli undici agenti CAA hanno negoziato 8,4 miliardi di dollari di contratti con giocatori attivi e guadagnato circa 322 milioni di dollari in commissioni totali.

L’elenco di quest’anno include quattro nuovi membri: l’agente di basket Thad Foucher (29°), l’agente di calcio Meïssa N’diaye (35°), l’agente di basket Andrew Vye (45°) e l’agente di hockey Mike Liut (50°).

I dati di questa classifica sono stati raccolti attraverso una ricerca approfondita sui ruoli dei clienti e sui contratti negoziati da ciascun agente negli sport di squadra di basket, football, baseball, hockey e calcio. Il valore totale del contratto in gestione per ogni sport è stato quindi moltiplicato per la commissione agente massima (o media, quando non esiste il massimo) come consentito dalle rispettive associazioni: NFL (3%), NHL (4%), NBA (4 %), MLB (5%), FIFA (10%).

Pertanto, gli agenti sono classificati in ordine di commissioni massime ottenibili dai contratti negoziati, invece del valore totale dei contratti. Nel tennis e nel golf, gli agenti sportivi non guadagnano commissioni dai guadagni sul campo dei loro clienti, ma solo dal giro d’affari nel marketing che aiutano a generare, per i quali ricevono una media del 20%.

La classifica rappresenta primi 50 agenti del mondo in questi sei sport. E se le percentuali massime della commissione non sono le uniche responsabili per gli agenti presenti o che mancano dalla lista, giocano un ruolo enorme nel determinare dove è posizionato ogni agente. Calcio e baseball consentono agli agenti di addebitare i più alti tassi di commissione, quindi non sorprende che gli agenti di quegli sport stiano battendo i loro colleghi: l’agente medio della lista di quest’anno ha guadagnato 32,1 milioni di dollari in commissioni, mentre gli agenti di calcio e di baseball portano a casa una media rispettivamente di 39,4 milioni di dollari e 35,8 milioni di dollari.

Gli agenti guadagnano anche dalle entrate dei contratti di marketing e di sponsorizzazione per i loro clienti nei cinque sport principali, ma il valore complessivo derivato da tali accordi è trascurabile per il giocatore medio. Sebbene non esistano dati concreti, Forbes stima che l’atleta medio professionista possa fare un ulteriore 1% al 2% del contratto globale grazie agli accordi di sponsorizzazione e che i loro agenti guadagnino solo dal 20% al 25% di questo.