Seguici su
Leader 2 ottobre, 2018 @ 2:44

6 manager che potrebbero sostituire Elon Musk alla guida di Tesla

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi

di Sam Abuelsamid per Forbes.com

Sabato sera, 29 settembre 2018, appena 48 ore dopo che la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti aveva intentato una causa per frode contro il ceo e presidente di Tesla, Elon Musk, il regolatore ha annunciato l’accordo sul caso. Musk e la società pagheranno ciascuno una multa di 20 milioni di dollari e Musk dovrà dimettersi dal suo ruolo di presidente, sebbene potrà rimanere amministratore delegato e servire nel consiglio di amministrazione, nel quale dovranno entrare altri due amministratori indipendenti. Tuttavia, se il caso può dirsi concluso, i problemi di Musk non sono stati risolti, e c’è ancora una possibilità che venga estromesso completamente dalla società. Se ciò accadesse, chi arriverà a Tesla? Avrei qualche ipotesi a riguardo.

Nonostante Tesla e Musk siano riusciti negli ultimi 15 anni a rendere il veicolo elettrico a batteria un prodotto di consumo, non sono mai stato particolarmente innamorato delle sue capacità di amministratore delegato. Essere bravi a inventare idee e lanciarle richiede un set di abilità molto diverso rispetto alla gestione di una grande organizzazione che deve eseguirle. Musk eccelle nella fase ideativa e ispira le persone a seguirlo.  Nei panni di chi deve prendere decisioni giorno per giorno sul modo migliore di gestire il business, devo affidarmi ai recenti commenti di Jason Calacanis su CNBC secondo cui Musk è un manager terribile.

Ecco alcuni dei miei migliori candidati per sostituire Musk al timone di Tesla qualora il Dipartimento di Giustizia, il consiglio di amministrazione o la bancarotta gli dovessero costare il posto di lavoro.

John Krafcik

Il candidato ideale sarebbe per molti versi John Krafcik, ma dubito seriamente che lascerà il suo lavoro a Waymo così presto. Alla fine del 2013 però, quando è stato estromesso come ceo di Hyundai of America, ho affermato che avrebbe dovuto essere coinvolto almeno come chief operating officer se non avesse assunto il ruolo di ceo. Questo accadeva anche prima del lancio da incubo della Model X e delle sue ridicole porte, quando Tesla stava già affrontando delle sfide con la nuovissima S. A quel tempo Krafcik era già un esperto dirigente nel settore automobilistico, avendo iniziato la sua carriera dopo Stanford alla NUMMI, dove ha appreso il sistema di produzione Toyota in prima persona. Più tardi nella scuola di specializzazione ha coniato il termine lean production, mentre lavorava come ricercatore con James Womack, nel libro The Machine that Changed the World. Inutile dire che è stata un’occasione mancata per Musk di mettere Tesla su un piano operativo più solido che avrebbe potuto evitare l’inferno della produzione, l’inferno logistico e qualsiasi altro incubo che l’azienda deve ancora affrontare.

Pamela Fletcher

Un altro grande candidato – e mia preferenza personale – potrebbe essere Pam Fletcher di GM. Negli ultimi dieci anni è stata una dei massimi dirigenti negli sforzi di elettrificazione di GM come capo ingegnere del sistema di propulsione originale della Chevrolet Volt, poi capo ingegnere esecutivo per veicoli elettrici ed autonomi e più recentemente come vice presidente dei programmi globali di veicoli elettrici. A partire dal 1 °ottobre è la vice presidente di GM responsabile dell’innovazione. Fletcher è un ingegnere molto intelligente e ha guidato grandi team. È stata coinvolta negli sport motoristici fin dall’infanzia. La corsa ti costringe a essere creativo e lavorare velocemente per raggiungere il successo.

Portare una donna a condurre Tesla sarebbe probabilmente un bene per la cultura aziendale. La Silicon Valley è infettata da una tossica cultura maschile che persino Musk sembra esibire. Avere una donna che guida Tesla sarebbe probabilmente un bene per l’azienda e potrebbe dare il buon esempio al resto della Valley.

Tony Posawatz

Un altro veterano del programma Volt di prima generazione è Tony Posawatz. Posawatz ha lavorato come direttore della linea di veicoli dall’inizio del programma nel 2006 fino al suo ritiro da GM nel 2012. È stato poi sostituito da Tom LaSorda come ceo di Fisker Automotive. Questa è stata probabilmente una situazione di stallo per Posawatz dopo che diverse centinaia di auto sono state distrutte a causa dei danni causati dall’uragano Sandy. A ciò ha fatto seguito la bancarotta dei fornitori di batterie che ha portato a una sospensione della produzione. Da quando ha lasciato Fisker nel 2013, Posawatz ha creato una società di consulenza che ha collaborato con diversi gruppi per progetti di elettrificazione di veicoli.

Andy Palmer

Andy Palmer è stato ceo della casa automobilistica britannica di lusso Aston Martin negli ultimi quattro anni. In precedenza è stato Chief Planning Officer di Nissan, dove ha supervisionato lo sviluppo dei piani di elettrificazione della compagnia, lo sviluppo e il lancio della Leaf. Durante il suo periodo all’Aston Martin, ha traghettato la società verso il 21° secolo. Di recente, a metà degli anni ’90, Aston Martin costruiva solo poche centinaia di automobili all’anno, tutte completamente costruite a mano, compresi i pannelli di carrozzeria in alluminio lavorati da artigiani con martelli su un cartellone di legno. Oggi l’azienda utilizza moderne tecniche di produzione e si sta preparando per il proprio passaggio all’elettrificazione a partire dal RapidE, che dovrebbe essere il secondo EV con un sistema di batterie da 800V, in scia alla Porsche Taycan. Palmer conosce l’elettrificazione e il business dell’auto di lusso e in particolare come trattare i clienti. Poteva sicuramente affrontare molti dei problemi che affliggono Tesla e trovare una rapida soluzione.

Larry Burns
Un altro veterano della GM che sarebbe una scelta interessante per Tesla è Larry Burns. Prima del suo ritiro da GM nel 2009, Burns era vice presidente della divisione R&S e pianificazione strategica. È anche un fervente sostenitore di veicoli condivisi, elettrificati e automatizzati e lo è stato dai suoi giorni alla GM. Dal suo pensionamento, ha insegnato all’Università del Michigan e alla Columbia, ed è stato consulente di Waymo. A 61 anni, è improbabile che voglia la leadership di Tesla per il lungo periodo, ma potrebbe essere interessato ad assumerne la guida per un periodo provvisorio al fine di aiutare la compagnia a riorganizzarsi e concentrarsi sui suoi obiettivi principali per abilitare trasporti puliti e sicuri. Burns potrebbe stabilire nuovi processi e creare una nuova struttura di gestione per dare a Tesla una impostazione in modo sostenibile in un ambiente post-Musk.

Scelta jolly: Johan de Nysschen

Pensando a questo elenco l’altro giorno e contemplando i dirigenti automobilistici esperti che non avrebbero avuto paura di sfidare Elon, mi è venuto in mente de Nysschen. L’ho incontrato più di dieci anni fa quando dirigeva Audi of America. A quei tempi non era un sostenitore dell’elettrificazione. Al contrario, ha guidato il lancio della campagna diesel pulito per Audi e sappiamo come è andata a finire. Durante i suoi successivi incarichi a capo di Infiniti e Cadillac, ha cambiato idea sull’elettrificazione. È pragmatico e riconosce le realtà del mercato. Con tutti e tre i marchi premium, de Nysschen ha compreso l’importanza dell’esperienza del cliente e, dati gli attuali problemi che Tesla sta avendo nella consegna delle automobili, potrebbe probabilmente fornire un grande aiuto nel rinnovare l’intero sistema. Dato che il board di Tesla è ancora molto popolato da amici di Elon, de Nysschen sembra di gran lunga il meno probabile di questo gruppo, ma non si sa mai.