Seguici su
Classifiche 5 ottobre, 2018 @ 12:03

Michael Jordan e gli altri miliardari troppo “poveri” per la Forbes 400

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Michael Jordan (Streeter Lecka/Getty Images)

di Madeline Berg per Forbes.com

Non c’è più il miliardo di dollari di una volta. Quest’anno, ben 204 miliardari non sono risultati abbastanza ricchi da rientrare nell’esclusiva lista Forbes 400 degli americani più abbienti. Il valore minimo per entrare nella lista quest’anno è il più alto di sempre: 2,1 miliardi di dollari, in aumento di 100 milioni di dollari rispetto allo scorso anno.

L’elenco di coloro che non sono abbastanza ricchi include persone apparse nella Forbes 400 negli anni passati, come i giganti del private equity Bruce Karsh e Howard Marks di Oaktree Capital (con un patrimonio di 2 miliardi di dollari ciascuno); il fondatore di Under Armour, Kevin Plank (1,9 miliardi di dollari) e il fondatore di LinkedIn Reid Hoffman (1,8 miliardi di dollari) che, come ha recentemente appreso Forbes, ha donato 1,5 miliardi di dollari.

Altri che non sono stati inclusi sono i nuovi miliardari provenienti da diverse industrie, molti dei quali hanno però il potenziale per crescere o per rientrarvi nei prossimi anni.
Il cofondatore di GitHub, Chris Wanstrath, con un patrimonio di 1,4 miliardi di dollari, che ha venduto la società in cambio di un importante quantitativo di azioni Microsoft. A giugno, Microsoft ha annunciato che avrebbe acquistato la piattaforma di sviluppo software per 7,5 miliardi di dollari in azioni, e Wanstrath, il maggiore azionista di GitHub, ha ricevuto circa 1,4 miliardi di dollari. Come parte dell’accordo ha lasciato il ruolo di ceo dell’azienda che ha fondato nel 2008 per diventare un dipendente di Microsoft.

Reid Hoffman, fondatore di LinkedIn (Drew Angerer/Getty Images)

Ancora più vicino al minimo di 2,1 miliardi di dollari è Tim Sweeney, il fondatore del videogioco di successo Fortnite Battle Royale, il cui patrimonio è stimato a circa 1,8 miliardi di dollari. Il gioco ha attirato almeno 125 milioni di giocatori e oltre 1 miliardo di dollari di vendite in-game (il gioco è gratuito, ma i giocatori possono acquistare vari extra e componenti aggiuntivi). Forbes calcola che Sweeney possieda circa il 16% di Epic Games, lo sviluppatore di giochi che ha fondato nel 1991 mentre studiava ingegneria meccanica presso l’Università del Maryland.

Jim Kavanaugh, ex giocatore professionista di calcio che ha giocato nel 1984 nel team olimpico degli Stati Uniti, ha co-fondato il provider IT World Wide Technology sei anni dopo all’età di 27 anni. Ora ha un patrimonio di 2 miliardi di dollari, in base a una partecipazione del 38% nella società.

Anastasia Soare (Frazer Harrison/Getty Images)

Quest’anno non è solo il settore tecnologico a produrre miliardi di dollari. Anastasia Soare, emigrata dalla Romania nel 1989, ha trasformato il suo salone di bellezza a L.A. – che ha clienti come Kim Kardashian e Cindy Crawford – in un fenomeno internazionale del make-up da 1 miliardo di dollari. Il suo marchio Anastasia Beverly Hills è venduto in oltre 1.500 negozi e ha avuto vendite per 200 milioni di dollari lo scorso anno. Con circa 18 milioni di follower su Instagram e un certo numero di celebrità che pubblicizzano i suoi prodotti, Soare, 60 anni, ha costruito una macchina di marketing a basso costo.

Jimmy John Liautaud, con un patrimonio di 1,7 miliardi di dollari, ha fatto fortuna grazie alla sua omonima catena di sandwich, fondata nel 1983 all’età di 19 anni. Sebbene abbia ceduto una partecipazione di minoranza all’investitore di private equity Weston Presidio oltre un decennio fa e Roark Capital abbia acquistato la maggioranza nel 2017, Liautaud detiene ancora il 35% della società e ne è presidente. Ha iniziato l’attività con un prestito di 25.000 dollari da suo padre, un veterano dell’esercito. Jimmy John’s ora ha quasi 3.000 sedi.

L’ex stella dell’NBA Michael Jordan è uscito dai campi di gioco, ma sta ancora facendo soldi. Il suo patrimonio ammonta a  1,7 miliardi di dollari. Per 90 milioni è composto dal totale degli stipendi da giocatore percepiti durante la carriera e da altri 1,4 miliardi (prima delle imposte) percepiti da sponsor tra cui Hanes, Gatorade e Upper Deck. Nel 2010 ha utilizzato alcuni di questi guadagni per acquistare una quota di maggioranza negli Charlotte Hornets. Il team ora vale 1,05 miliardi di dollari, e lui ne possiede il 90%.

Per vedere la completa lista delle persone che nonostante un patrimonio miliardario non sono rientrate nella lista Forbes 400 quest’anno, clicca qui.