Seguici su
Tecnologia 17 ottobre, 2018 @ 10:41

Le prossime startup da un miliardo di dollari

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
pallone a forma di unicorno
(Ann Suckov, Getty Images)

Di Amy Feldman, Biz Carson, Susan Adams, Natalie Robehmed, Jeff Kauflin, Michela Tindera, Matt Perez, Ellie Kincaid, Elisabeth Brier e Christian Kreznar per Forbes.com

Dove si trovano i prossimi unicorni (startup con una valutazione superiore a 1 miliardo di dollari)? Provengono da una vasta gamma di settori: dallo sport e dall’istruzione online, dall’autotrasporto e alla stampa 3D, fino ad arrivare alla valigeria e alle calzature. Forbes ha collaborato con TrueBridge Capital Partners per chiedere a quasi 200 società di venture capital di scegliere le realtà destinate secondo loro a diventare unicorn companies. Forbes ha quindi ridotto il campo da oltre 100 aziende alle 25 sottostanti considerando parametri quali i ricavi, i finanziamenti e la loro valutazione più recente. Sono presentate in ordine alfabetico.

 

Amplitude

Fondatori: Curtis Liu, Spenser Skates (CEO), Jeffrey Wang

Capitale raccolto: 57 milioni di dollari

Ricavi stimati nel 2018: 45 milioni di dollari

Principali Investitori: Battery Ventures, Benchmark Capital, IVP

Skates e Liu, già inseriti tra i Forbes Under 30, hanno co-fondato Amplitude sul pavimento della camera da letto di Liu nel 2012. La startup di San Francisco ha lo scopo di aiutare le aziende a sviluppare prodotti migliori attraverso strumenti analitici avanzati. Nel caso di Peloton, ad esempio, hanno fatto affidamento sui dati per creare una sorta di comunità virtuale di ciclisti e permettere alle persone di interagire in maniera diretta con il prodotto. “Quello che facciamo corrisponde a quello che diciamo: “Sappiamo che se migliorerai questa funzione, i tuoi utenti saranno più felici e ti pagheranno di più perché si sentiranno ancora più coinvolti”, afferma Skates.

 

Anduril Industries

Fondatori: Joe Chen, Matt Grimm, Palmer Luckey, Brian Schimpf (CEO), Trae Stephens

Capitale raccolto: 58,5 milioni di dollari

Ricavi stimati nel 2018: 4 milioni di dollari

Principali Investitori: Founders Fund, 8VC

Anduril, co-fondato da Palmer Luckey, l’uomo dietro il visore per la realtà virtuale Oculus Rift, è una società che produce meccanismi di difesa. Il suo prodotto principale è un sistema composto da migliaia di sensori che utilizza una macchina per identificare quello che accade in una determinata area. Oggi, il suo ultimo risultato è la costruzione di un “muro virtuale” che ha l’obiettivo di rilevare la presenza di persone intente ad attraversare un confine piuttosto che animali o altre cose che si muovono in lontananza. “Se riesci a costruire una piattaforma come questa, puoi creare un sacco di altre cose estremamente interessanti”, dice Luckey.

 

Autho
Fondatori: Eugenio Pace (CEO), Matias Woloski
Capitale raccolto: 110 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018: 50 milioni di dollari

Principali Investitori: Bessemer Venture Partners, Trinity Ventures, Meritech Capital Partners, Sapphire Ventures

La configurazione della funzione di accesso di un sito Web può risultare lunga e complessa, ma pur sempre indispensabile. Autho mette a disposizione un software in grado di sviluppare, in maniera relativamente semplice, una funzione di accesso di base e personalizzarla in un secondo momento con funzionalità come accessi universali e domini ad hoc. Sin dal suo avvio nel 2013, Autho è cresciuta rapidamente raddoppiando i propri ricavi e assumendo, solo lo scorso anno, 140 dipendenti. Con cinque uffici in tutto il mondo e collaboratori in 32 Paesi, serve clienti come News Corp, Mazda e HarperCollins.

 

Away
Fondatori: Steph Korey (CEO), Jen Rubio
Capitale raccolto: 81 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018: 150 milioni di dollari

Principali Investitori: Accel, Comcast Ventures, Forerunner Ventures, Global Founders Capital

Steph Korey e Jen Rubio, della categoria Forbes Under 30, hanno fondato Away nel 2015 dopo che il bagaglio di Rubio si è rotto durante un viaggio e non è riuscita a trovare un sostituto all’altezza. Così hanno lanciato il loro marchio, progettato per attirare i Millennial con caratteristiche come un sistema per la ricarica del telefono e lucchetti approvati dalla TSA,  e tutto a un prezzo inferiore rispetto a brand di fascia alta come Tumi o Rimowa. Il suo trolley basic, ad esempio, costa 225 dollari mentre quello più grande 245 dollari; entrambi sono disponibili in 10 colori. Da allora, la società di New York City ha incrementato i ricavi di oltre 10 volte, aperto diversi negozi e diversificato la sua offerta includendo altri prodotti come gli zaini.

 

Braze
Fondatori: Jon Hyman, Bill Magnuson (CEO)
Capitale raccolto:  170 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  50 milioni di dollari

Principali Investitori: Battery Ventures, Blumberg Capital, ICONIQ, Meritech Capital, Rally Ventures

Quando qualcuno ordina una pizza da Domino’s, Braze lavora dietro le quinte preparando gli avvisi che i clienti ricevono sul loro telefono non appena il loro ordine è pronto. Questo è possibile perché Domino si appoggia alla piattaforma web di Braze che aiuta i brand a inviare messaggi di marketing personalizzati ai consumatori. Domino’s non è l’unico a bordo: ci sono anche Citi, Lyft, Yelp e Deliveroo.

 

Cloud9
Fondatori: Jack Etienne (CEO), Paullie Etienne
Capitale raccolto:  73 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  22 milioni di dollari

Principali Investitori: Valor Equity Partners, Founders Fund, Craft Ventures

Jack Etienne aveva un bambino appena nato quando sua moglie Paullie gli suggerì di lasciare la sua posizione come capo delle vendite di Crunchyroll a San Francisco e creare una società nel settore degli e-sports. “Abbiamo preso questa decisione come una famiglia, questo è quello che dovevamo fare, ho bisogno di correre questo rischio”, dice Etienne. Lui e sua moglie sono ora i co-fondatori di Cloud9, il team più popolare negli Stati Uniti e nel Regno Unito. L’azienda compete in diversi campionati sportivi e, proprio come i tradizionali sport professionistici, le migliori prestazioni dei team di Cloud9 portano a sponsorizzazioni sempre più redditizie, si pensi agli accordi con Red Bull e HP. Il 2018 è stato un anno cruciale, con campionati di videogiochi famosi come Counter-Strike e Overwatch. Ora progetta di costruire un impianto di allenamento di oltre mille metri quadrati a Los Angeles e di espandere la sua linea di merchandising (tappetini per il mouse, cuffie, maglie).

 

Couchbase
Fondatori: Steve Yen, Dustin Sallings, Damien Katz, J. Chris Anderson, Jan Lehnardt
Capitale raccolto:  155 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  Più di 70 milioni di dollari

Principali Investitori: Accel Partners, Mayfield, Sorenson Capital, North Bridge Venture Partners

Couchbase è una piattaforma software aziendale che consente agli utenti di creare app con database “NoSQL”. I database NoSQL sono un’alternativa ai metodi tradizionali di organizzazione dei dati, che consentono agli sviluppatori di aggiungere rapidamente utenti e creare interfacce più reattive (a volte a costo di sofisticatezza e flessibilità). La loro piattaforma ha conquistato clienti come Disney e Wells Fargo.

 

Coursera
Fondatori: Daphne Koller, Andrew Ng
Capitale raccolto:  210 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  140 milioni di dollari

Principali Investitori: Kleiner Perkins, New Enterprise Associates

Pioniere dei “corsi online aperti su larga scala” pensati per una formazione a distanza, conosciuti come MOOCs, Coursera è stata fondata nel 2012 da due professori di informatica a Stanford. L’idea originale era quella di mettere a disposizione online i migliori corsi tenuti dai più grandi professori del mondo e permetterne al mondo la fruizione gratuita. Oggi Coursera guadagna in tre modi.

Riunisce nuovi studenti che vogliono ottenere certificati di completamento del corso, raccoglie denaro dai clienti aziendali che offrono corsi di Coursera ai dipendenti e divide le entrate delle tasse scolastiche con scuole come l’Università della Pennsylvania e l’Università del Michigan che offrono diplomi online attraverso la piattaforma di Coursera. Il principale fornitore di MOOC al mondo ha 150 partner universitari internazionali, 1.400 clienti aziendali e 36 milioni di utenti registrati.

 

Flywire
Fondatori: Iker Marcaide
Capitale raccolto:  143 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  75 milioni di dollari

Principali Investitori: Bain Capital Ventures, F-Prime Capital, Spark Capital, Temasek

Flywire, società fintech con sede a Boston, aiuta università, ospedali e aziende a ricevere pagamenti in valuta estera, rendendo i trasferimenti di denaro più economici e veloci. Ecco come funziona: se uno studente cinese dell’Università di Boston ha bisogno di pagare 50mila dollari di tasse scolastiche, dovrebbe normalmente pagare in dollari Usa attraverso un bonifico, incorrere in commissioni del tasso di cambio straniero dal 3% al 5%, e mettere in conto un termine burocratico di 10 giorni. Tramite Flywire, può pagare in yuan con app come Alipay o WeChat. Il software di Flywire gestisce il cambio di valuta, offre tassi dall’1% al 2% e regola le transazioni in due giorni. Il CEO Mike Massaro afferma che le entrate stanno crescendo quasi del 50% all’anno.

 

Honey
Fondatori: Ryan Hudson, George Ruan
Capitale raccolto:  55 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  100 milioni di dollari

Principali Investitori: Citi Ventures, Anthos Capital

Come una sorta di estensione per browser gratuita, Honey offre oltre 10 milioni di codici di sconto per utenti attivi e premi cashback per gli acquisti da una serie di venditori online. Il suo modello di business ricorda altri programmi di coupon e cashback: i rivenditori pagano Honey per distribuire codici di sconto, basandosi sulle promozioni per generare più vendite. Honey’s ha ampliato la sua offerta negli ultimi anni, offrendo agli utenti l’accesso a “liste della spesa” che forniscono la cronologia dei prezzi di vari articoli, come un’app per il tracking di un volo; la sua base di utenti è raddoppiata nell’ultimo anno fino a 10 milioni.

 

KeepTruckin
Fondatori: Ryan Johns, Obaid Khan, Shoaib Makani (CEO)
Capitale raccolto:  80 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  50 milioni di dollari

Principali Investitori: GV, Index Ventures, IVP, Scale Venture Partners

L’autotrasporto rappresenta un’industria gigantesca con oltre 700 miliardi di dollari annui di entrate per il trasporto merci, secondo l’American Trucking Association.  La grande idea di KeepTruckin, con sede a San Francisco, è stata quella di portare camionisti e piccole imprese di autotrasporto nell’era digitale, consentendo loro di registrare le ore di lavoro e rispettare le normative sulle ore di guida svolte. Quando ha iniziato a crescere, l’azienda ha aggiunto sensori e video al suo dispositivo di registrazione elettronica che aiuta i camionisti a guidare in modo più sicuro ed efficiente. A causa del rischio di incidenti mortali, dice Makani, la tecnologia può non solo risparmiare denaro ma anche vite umane.

 

Lemonade
Fondatori: Daniel Schreiber (CEO), Shai Wininger
Capitale raccolto:  180 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  50 milioni di dollari

Principali Investitori: Aleph, AXA, General Catalyst, GV, Sequoia Capital Israel, Softbank Group

Lemonade è un assicuratore di startup nel settore property-and-casualty. L’azienda di New York sfrutta l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per migliorare la sottoscrizione delle assicurazioni e pagare le richieste più velocemente. Richiede una tariffa fissa al 25% dei premi pagati dal cliente, mentre il resto è destinato ai pagamenti delle richieste di risarcimento; qualsiasi eccedenza viene divisa secondo le direttive dei clienti. Nel 2017, ha restituito il 10%. Ispirato dal lavoro dell’economista Dan Ariely, Schreiber iniziò a chiamarlo tutte le sere fino a quando Ariely accettò di incontrarlo e unirsi alla squadra come chief behavioral officer. “Ci siamo detti: ‘Non vogliamo fare soldi trascurando le richieste delle persone”, spiega Schreiber, vero e proprio outsider del settore assicurativo prima di avviare l’attività. “Vogliamo costruire un modello privo di conflitti di interesse al suo interno”.

 

Mapbox
Fondatori: Eric Gundersen (CEO)
Capitale raccolto:  228 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  100 milioni di dollari

Principali Investitori: Softbank Vision Fund, Foundry Group, DFJ Growth, DBL Partners and Thrive Capital

Mapbox sta sfidando il dominio di Google con una versione più semplice e plug&play di una mappa (tecnologie che possono essere messe in uso all’interno di un sistema hardware o/e software senza che l’utente metta in atto una specifica procedura di installazione o configurazione). La sua mappa funge ora da spina dorsale delle app di Snapchat, The Weather Channel, Tinder e Facebook. All’inizio, Mapbox mette a disposizione un modello freemium (tra premium e gratuito), in modo che gli sviluppatori possano sperimentare la sua tecnologia e, se gli piace, pagare per un utilizzo avanzato. Il suo contratto con Tesla, ad esempio, vale milioni.

Mapbox prende la sua cartografia dalla tecnologia della realtà aumentata. “Quello che stiamo costruendo, rappresenta un atomo rispetto a quello che sta per cambiare nel settore”, afferma il ceo e fondatore Eric Gundersen. “Mi sto imbattendo in uno dei campi che sta attraversando una fase di cruciale trasformazione”.

 

Markforged
Fondatori: David Benhaim, Greg Mark (ceo)
Capitale raccolto:  57 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  70 milioni di dollari

Principali Investitori: Matrix Partners, Siemens Next47

Markforged produce stampanti 3D. Quando Greg Mark ha fondato l’azienda nel 2013, la maggior parte delle aziende di stampanti 3D produceva resine e plastiche. Lui si è concentrato, invece, sul carbonio, più resistente e adatto a una varietà di usi industriali. Oggi, l’azienda, una delle numerose startup di stampa 3D, produce stampanti sia con il carbonio sia con il metallo. “Le materie plastiche non sono abbastanza potenti per un utilizzo industriale”, afferma Mark. “È possibile ottenere componenti utili a un prezzo conveniente anche in fibra di carbonio. È la fabbrica del futuro”.

 

Pendo
Fondatori: Todd Olson (CEO), Erik Troan, Eric Boduch, Rahul Jain
Capitale raccolto:  106 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  20,5 milioni di dollari

Principali Investitori: Battery Ventures, Spark Capital, Meritech Capital Partners, Sapphire Ventures

Quando Todd Olson lavorava come dirigente presso la Rally Software, in Colorado, “ha sperimentato il gap” di avere una scarsa conoscenza del modo in cui i clienti utilizzavano effettivamente i prodotti software aziendali che il suo team realizzava. Quel fastidio lo spinse a co-fondare Pendo. Offre software di analisi web e mobile per le imprese che tracciano l’uso dei clienti; tra i suoi ci sono Sprinklr, Zendesk e realtor.com.

 

Podium
Fondatori: Eric Rea (CEO), Dennis Steele
Capitale raccolto:  96,5 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  60 milioni di dollari

Principali Investitori: Accel, IVP

“Comunicare negli affari dovrebbe essere facile come inviare messaggi di testo a un amico”, dice il co-fondatore di Podium Eric Rea. Che ha visto quanto suo padre, proprietario di alcuni negozi di gomme in Canada, abbia faticato a raccogliere i feedback dei clienti e, di conseguenza, a essere “scoperto” online su piattaforme di review come Yelp, Facebook e Google. Podium vende software che raccolgono le comunicazioni con i clienti, dai messaggi di testo e dalle app di messaggistica di Facebook e Google, e le canalizza in un unico feed a cui l’azienda può facilmente accedere per rispondere. Oggi, il sistema è andato ben oltre le semplici revisioni e consente ai clienti di informarsi su qualsiasi cosa, compresi gli orari di apertura o gli appuntamenti.

 

Poshmark
Fondatori: Manish Chandra (ceo), Tracy Sun, Gautam Golwala, Chetan Pungaliya
Capitale raccolto:  160 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  130-140 milioni di dollari

Principali Investitori: Mayfield Fund, Menlo Ventures, GGV Capital

Originariamente creata come app per rivendere vestiti femminili, Poshmark è cresciuta da 1.000 utenti nel 2012 a oltre 40 milioni. Dall’abbigliamento femminile ha esteso il suo business al menswer, kidswear, taglie forti e cosmetici. Poshmark prende il 20% su ogni vendita, il che mette la società in linea con un fatturato stimato di 130 milioni di dollari.

 

Skillz
Fondatori: Casey Chafkin, Andrew Paradise (CEO)
Capitale raccolto:  53 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  358 milioni di dollari

Principali Investitori: Accomplice, Wildcat Capital Management, Liberty Global Ventures, Telstra Ventures

“Vorrei che Skillz fosse esistito quando ero più giovane”, si lamenta il trentaseienne cofondatore e ceo di Skillz, Andrew Paradise. A quei tempi, era più difficile trovare giochi online che offrissero premi; Skillz fornisce software per gli sviluppatori di giochi in grado di definire facilmente modalità multiplayer e tornei. Oltre 2 milioni di tornei vengono giocati ogni giorno, con giochi come solitario, scrabble e domino. Skillz prende il 15% di ogni dollaro vinto dai tornei e da quelli multigiocatore.

 

Sonder
Fondatori: Francis Davidson (ceo), Lucas Pellan
Capitale raccolto:  140 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  75 milioni di dollari

Principali Investitori: Greenoaks Capital, Greylock Partners, Spark Capital

Airbnb ha reso popolare l’idea di alloggiare nell’appartamento di qualcuno, ma Sonder vuole che quell’esperienza sia più simile a un hotel che alla casa di uno sconosciuto. La società sta trasformando gli appartamenti in “spazi Sonder”, con tanto di concierge e asciugamani sempre puliti. Le oltre 3.000 unità sono affittate ai vacanzieri tramite Airbnb, Expedia e altri siti di viaggio. “Il mio obiettivo non è quello di costruire un’azienda da miliardi di dollari, dice l’amministratore delegato Francis Davidson, inserito nella categoria Forbes Under 30. “Il mio obiettivo è sviluppare un nuovo concetto di ospitalità”.

 

ThirdLove
Fondatori: David Spector (co-ceo), Heidi Zak (co-ceo)
Capitale raccolto:  30 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  160 milioni di dollari

Principali Investitori: L Catterton, New Enterprise Associates

I fondatori, nonché marito e moglie, Heidi Zak e David Spector hanno rivoluzionato lo shopping online della lingerie. Dopo Victoria’s Secret, da lungo tempo protagonista dei reggiseni, si è aperto uno spiraglio per nuovi player come ThirdLove, che al momento detiene l’1% del mercato nonostante abbia raccolto solo 30 milioni di dollari in venture capital.

 

Transfix
Fondatori: Drew McElroy (CEO), Jonathan Salama
Capitale raccolto:  78 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  100 milioni di dollari

Principali Investitori: Canvas Ventures, New Enterprise Associates

Transfix utilizza tecnologie come il machine learning per aiutare i corrieri con il trasporto merci, un’attività ancora affidata a strumenti “vecchia scuola” come telefono o e-mail. Il servizio online di Transfix consente di risparmiare tempo e riduce gli sprechi in modo che, per esempio, i trasportatori siano sempre riforniti nei vari spostamenti. I genitori di McElroy gestivano una società di logistica e dall’età di 12 anni lui ha trascorso le sue estati lavorando per loro prima di assumere la guida dell’azienda di famiglia come amministratore delegato, una volta terminata l’università. Tra i clienti di Transfix ci sono Barnes & Noble, Unilever e Anheuser-Busch.

 

TripleLift
Fondatori: Eric Berry, Eric Berry, Shaun Zacharia, Ari Lewine
Capitale raccolto:  17 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  150 milioni di dollari

Principali Investitori: True Ventures, Edison Partners and Entrepreneurs Roundtable Acceler

Gli annunci pubblicitari di Internet non sono opere d’arte. TripleLift sta cercando di migliorarli. Il suo scambio di annunci online consiste nel prendere ad esempio la pubblicità di Ford e metterla su siti di editori come News Corp ed Hearst avendo cura di trovare luoghi meno invadenti per le pubblicità rispetto ai tradizionali banner.

 

uBiome
Fondatori: Jessica Richman & Zachary Apte (Co-CEOs)
Capitale raccolto:  105 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  100 milioni di dollari

Principali Investitori: OS Fund, 8VC

uBiome vende kit utilizzabili a casa propria che tramite il sequenziamento del DNA, l’intelligenza artificiale e il machine learning analizzano i microbi nelle feci o nella vagina di una persona. Due dei kit sono venduti ai medici e utilizzati per rilevare i microrganismi associati a condizioni come la sindrome dell’intestino irritabile, disturbi metabolici come l’obesità e ceppi del virus HPV. Il terzo permette agli scienziati di campionare i propri microbiomi per scopi di ricerca o divertimento. uBiome, con sede a San Francisco, è stata fondata da Jessica Richman e Zachary Apte nel 2012 con una campagna di crowdfunding che ha raccolto 350mila dollari in 10 settimane. Joe Jimenez, già ceo di Novartis, è entrato a far parte del consiglio di amministrazione diBiome ad agosto con l’intenzione di aiutare l’azienda a sviluppare il suo “database di microbiomi” per operare nelle aree delle malattie immunitarie e dell’oncologia.

 

VSCO
Fondatori: Joel Flory (CEO), Greg Lutze
Capitale raccolto:  70 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  50 milioni di dollari

Principali Investitori: Accel, Glynn Capital

VSCO nasce per scattare e modificare foto da mobile. E ha catalizzato un proprio social network di creativi. Dall’introduzione di VSCO X, la sua versione premium al prezzo di 20 dollari, la società ha superato il milione di abbonati all’inizio di quest’anno e il suo numero di iscritti è aumentato di 10 volte da settembre 2017. Oggi il 73% degli utenti di VSCO ha meno di 25 anni. “Crediamo che la creatività non rappresenti un vincolo di mercato”, afferma l’amministratore delegato e cofondatore Joel Flory. “Il nostro compito è quello di sbloccare il potenziale creativo che ognuno di noi nasconde”.

 

Welltok
Fondatori: Scott Rotermund, Chris Rotermund, Carlos Cardona, Chris Coloian, Jeff Cohen, John Dibiasi
Capitale raccolto:  280 milioni di dollari
Ricavi stimati nel 2018:  Oltre 80 milioni di dollari

Principali Investitori: Miramar Venture Partners, Emergence Capital Partners, Interwest Partners, New Enterprise Associates, Bessemer Venture Partners, Georgian Partners

La startup sanitaria di Denver lavora come intermediaria tra gli operatori sanitari e i pazienti. I partner si impegnano con Welltok in modo che quest’ultimo possa inviare informazioni sulle strategie di prevenzione e trattamento tramite e-mail o messaggi di testo ai clienti, permettendo loro di risparmiare denaro e prevenire eventuali problemi di salute. Welltok abbatte la barriera tra l’assistenza sanitaria e la vita di tutti i giorni, spronando le persone a utilizzare questo sistema, e assumere quindi una routine sana e regolare tramite ricompense personalizzate come le gift cards.