Seguici su
BFC - 100% Business News
Business 10 gennaio, 2019 @ 3:01

Il Fintech europeo ha una nuova regina

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda e tutto ciò che le gravita attorno.Leggi di più dell'autore
Nata in Sicilia, si trasferisce a Milano per studiare giurisprudenza ma soprattutto per inseguire la sua più grande passione: la scrittura. In precedenza ha collaborato con il quotidiano di Class editori MFFashion occupandosi di moda e finanza. Appassionata di romanzi gialli, musica jazz e cinema. chiudi

 

(Shutterstock)

La nuova numero uno tra le startup fintech in Europa è la banca tedesca N26. L’istituto ha annunciato un round di finanziamento del valore di 300 milioni di dollari, guidato da Insight Venture Partners, che ha valutato la società 2,7 miliardi di dollari, la cifra più alta per una società Fintech del Vecchio continente. Prima di oggi, N26 aveva già raccolto più di 500 milioni da investitori come Tencent, Allianz X, Valar Ventures di Peter Thiel, Horizons Ventures di Li Ka-Shing, Earlybird Venture Capital, Redalpine Ventures e Greyhound Capital.

E non è tutto, perché il gruppo sta costruendo anche la prima Mobile Bank globale. “Oggi è sempre più raro trovare un settore così importante che non sia stato ancora interessato dalla disruption tecnologica. N26 è il leader di mercato assoluto nel settore del mobile banking europeo, la società ha un ottimo posizionamento per espandere la sua attività nel mercato statunitense e costruire un digital brand globale con caratteristiche straordinarie”, ha spiegato Harley Miller, principal di Insight Venture Partners, riferendosi al progetto di debutto nel mercato Usa, dove conta di operare nel 2019.

Al momento, la società opera in 24 mercati europei con oltre 2,3 milioni di clienti e dal lancio del suo primo prodotto il volume delle transazioni processate dalla società supera i 20 miliardi di euro. “Grazie all’ingresso di Insight Venture Partners e GIC tra i nostri investitori esistenti, possiamo avvalerci del sostegno dei migliori player a livello globale per trasformare uno dei più grandi settori al mondo”, ha commentato Valentin Stalf, ceo e co-founder dell’istituto impegnato a risolvere i problemi legati ai servizi bancari su misura dei consumatori digitali.