Seguici su
Investimenti 22 gennaio, 2019 @ 3:40

Abitare nella Torre Velasca: Unipol prepara il rilancio degli appartamenti

di Anna della Rovere

Contributor

Leggi di più dell'autore
chiudi
(shutterstock)

Per la Torre Velasca è il momento di rinascere e tornare protagonista dello skyline di Milano. Dopo un intervento di riqualificazione lo storico palazzo lombardo, progettato tra il 1950 e il 1955, ospiterà presto 13 appartamenti rinnovati ai piani 19°, 20° e 21° dai quali si potrà godere di una vista privilegiata su Duomo, Castello Sforzesco e Grattacielo Pirelli.

L’iconica costruzione meneghina è parte di Urban Up, progetto di rilancio immobiliare del gruppo Unipol che ne ha assunto la proprietà nel 2012, volto a valorizzare alcuni tra i più importanti edifici del patrimonio architettonico italiano, e destinati a una clientela di fascia alta (i suoi progetti si concentrano al momento nelle città di Milano, Torino e Firenze).

Velasca Loggia con vista Duomo. (Courtesy Gruppo Unipol)

L’intervento di restyling e allestimento, curato da Lissoni Architettura, ha coinvolto sette bilocali e sei trilocali tra i 70 e 120 metri quadrati (Al momento non si conoscono ancora i prezzi per le diverse metrature) arredati con prodotti di brand italiani del panorama del design come Flos, Kartell, Porro e Living Divani e lo styling dello studio Valeria Girardi. 

Un appartamento in Torre Velasca. (Courtesy Gruppo Unipol)

Gli appartamenti della Torre fanno parte della Luxury apartments collection di Domux home, divisione controllata da Unipol che abbraccia appartamenti di pregio in affitto nel cuore delle più importanti città italiane. Collezione di residenze prestigiose che si amplierà ulteriormente a fine 2019 con 10 appartamenti nella Torre Galfa, progettata da Melchiorre Bega nel 1956 e simbolo della Milano del boom economico. Al termine della ristrutturazione, che dovrebbe concludersi entro la fine del 2019, la Galfa ospiterà l’hotel Innside Melià, Temporary apartments Halldis, luxury apartments Domux Home e un ristorante per il quale sono al momento in gara quattro brand internazionali della ristorazione di fascia alta.