Seguici su
Business 11 marzo, 2019 @ 5:27

Il successo non è questione genetica ma ambientale, lo certifica la scienza

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
lavoratori di fronte ai soldi
Lavoratori a Nanchang, nella provincia dello Jiangxi, in Cina (China Photos/Getty Images)

È l’ambiente o il patrimonio genetico a determinare il successo? Sebbene nell’immaginario collettivo tale determinazione sia legata al genio, al duro lavoro, alla perseveranza, o a un fantomatico “gene dell’imprenditore”, alcune ricerche sembrano dire il contrario.

Il denaro di famiglia, l’eredità culturale e un certo tipo di network consentono l’accesso alla stabilità finanziaria e una maggiore propensione al rischio in ottica imprenditoriale. È quanto sostenuto dagli economisti dell’Università della California, Berkeley Ross Levine e Rona Rubenstein, che hanno analizzato i tratti condivisi degli imprenditori in un documento del 2013 scoprendo che la maggior parte di essi erano bianchi, maschi e altamente istruiti. Inoltre, dicono i due ricercatori, “da adolescenti, essi tendono ad avere una maggiore capacità di apprendimento e autostima”.

Un’altra recente ricerca vuole andare ancora più in profondità e cercare di scoprire se la partecipazione azionaria e quella propensione al rischio – o addirittura comportamenti rischiosi come il fumare – siano innate, e quindi determinate in maniera biologica, o al contrario siano influenzate da fattori ambientali. In un documento del National Bureau of Economic Research, Sandra E. Black, Paul J. Devereux, Petter Lundborg e Kaveh Majlesi ritengono che come minimo, i due terzi di questi casi sembrano essere guidati da fattori ambientali e solo un terzo attribuibili a fattori biologici.

Per esempio, “la partecipazione al mercato azionario dei genitori aumenta quella dei bambini di circa il 34%”. Tuttavia, viene ancora specificato, “una volta condizionato ad avere una ricchezza finanziaria positiva, scopriamo che l’educazione ha un’influenza molto più forte sull’assunzione di rischi da parte dei bambini. Ciò suggerisce che una parte sostanziale delle attitudini e dei comportamenti di rischio è determinata dal punto di vista ambientale”.