Seguici su
Leader 14 marzo, 2019 @ 11:33

Chi è Cristina Pozzi, l’unica Young Global Leader 2019 per l’Italia

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Cristina Pozzi (Young Global Leader)

Cristina Pozzi è l’unica Young Global Leader 2019 per l’Italia: l’imprenditrice sociale e divulgatrice 37enne riporta dopo 5 anni il nostro Paese fra i nominati dalla comunità no-profit con sede a Ginevra, parte del World Economic Forum.

 Cristina è stata scelta tra i leader del futuro su migliaia di segnalazioni da 70 Paesi nel mondo: il Forum seleziona ogni anno circa 100 personalità con meno di 40 anni d’età e con una carriera fuori dal comune ad entrare a far parte della sua comunità di Young Global Leaders.

 Milanese ora trapiantata a Verona, Cristina Pozzi, esperta di scenari futuri in relazione alle tecnologie emergenti di questa quarta rivoluzione industriale (intelligenza artificiale, robotica, biotecnologie, stampa 3D, blockchain…), si pone come obiettivo di “educare al futuro” rendendo questi temi complessi accessibili al più vasto pubblico possibile.

 Laurea in Bocconi (Economia) e ora studentessa anche di Filosofia, con nel curriculum un executive in America alla Singularity University (NASA, Paolo Alto, San Francisco), Cristina Pozzi ha fondato nel 2006 con Andrea Dusi Wish Days, venduta poi nel 2016 a Smartbox (compreso il brand Emozione3), in una delle exit più importanti in Italia negli ultimi 10 anni; dal 2017, la sua attività ha virato più verso la divulgazione attiva, fondando, sempre con Andrea Dusi e coinvolgendo anche Andrea Geremicca, Impactscool, impresa per la quale insegna gratuitamente agli studenti nelle scuole e nelle università ad affrontare il domani con consapevolezza e metodo etico (attività che svolge su richiesta anche per le aziende). Su questo tema, a marzo ha anche pubblicato il libro “Benvenuti nel 2050. Cambiamenti, criticità e curiosità” (Editore EGEA).

Con l’importante riconoscimento internazionale di Young Global Leader, già dato in passato a rappresentanti come Jack Ma, Nico Rosberg, Emmanuel Macron, Mark Zuckerberg (alumni), Roberto Bolle, Cristina Pozzi sarà ora coinvolta in un percorso formativo di 5 anni partecipando a eventi internazionali esclusivi, executive education presso università come Standford, Harvard, Oxford Said Business School, Princeton, Lee Kuan Yew School of Public Policy, esperienze formative e immersive come una Impact Expedition in Groenlandia volta allo studio di cambiamenti climatici.

L’obiettivo dell’associazione svizzera è infatti dare alle personalità emergenti tutti gli strumenti per massimizzare le loro potenzialità e l’impatto positivo che sono in grado di generare, sia nel presente che nel futuro. Capi di Stato e CEO di società Fortune 500, Premi Nobel e vincitori di Academy Awards, ambasciatori delle Nazioni Unite e imprenditori sociali: gli Young Global Leaders stanno trasformando il modo in cui si definisce la leadership e generano un impatto positivo sulla società globale.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!