Seguici su
BFC - 100% Business News
Tecnologia 6 giugno, 2019 @ 12:35

Volantino MediaWorld addio: gli algoritmi ti suggeriranno cosa scegliere

di Gabriele Di Matteo

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
punto vendita mediaworld
(frame da video Imagoeconomica)

MediaWorld, benchmark dell’elettronica di consumo con 117 punti vendita in Italia (all’estero l’insegna è Media Market) ha deciso di passare al contrattacco di fronte alla potenza di fuoco di Amazon, che sta diventando una sorta di asso pigliatutto anche nel settore dell’elettronica di consumo. E per questo obiettivo lancia un nuovo posizionamento strategico che mette il cliente al centro del mercato  e lo coccola con lo slogan “Fatto apposta per te”. Il servizio impiega le nuove regole dell’e-commerce nell’era digitale, infatti l’azienda userà algoritmi, intelligenza artificiale  e gestione dei dati per suggerire ai suoi undici milioni di clienti qual è il prodotto più adatto ai loro desideri personali e lo fa attraverso due colonne portanti.

Un’applicazione proprietaria attraverso la quale ciascun cliente, rispondendo a semplici domande, dal 10 di giugno potrà trovare lo smartphone, il tablet, i device dedicati alla musica, ai videogames, alla pulizia della casa, più adatti alle sue esigenze.

E per comunicare questa svolta epocale al mercato lancia un campagna pubblicitaria firmata da Armando Testa, la sua nuova agenzia, che come dice il Ceo Marco Testa: “Prova a offrire una via originale, più umana, basata sulla simbologia del marchio rosso e sulla fiducia che MediaWorld si è conquistata in questi ultimi decenni presso i consumatori italiani”. In sostanza, un calcione al linguaggio “nerd” che infesta da anni la pubblicità dei prodotti di elettronica di consumo e un ritorno alle persone, come sottolinea anche il potente jingle della campagna, What a Wonderful World nella versione rock di Joey Ramone.

E Guido Monferrini, Ceo di MediaWorld Italia rincara la dose: “Tutti i nostri concorrenti offrono tonnellate di elettronica di consumo. Noi proviamo invece a proporre soluzioni. La tecnologia nella sua immanenza dentro la nostra vita –pensate agli smartphone, alla casa e alle auto connesse – ha ancora dei percorsi complicati. Ecco, noi dobbiamo spianare la strada ai clienti mettendoci al loro fianco . E per essere dei consulenti migliori dobbiamo usare i dati di nostra conoscenza, invitare la gente sulla nostra app semplice e divertente”.

Giuseppe Cunetta, Chief marketing & digital officer conclude: “Il nostro obiettivo è personalizzare sia online che in-store attraverso l’ibridazione tra le competenze professionali e relazionali delle nostre 5000 persone in Negozio e gli strumenti messi a disposizione dagli algoritmi di Intelligenza Artificiale, arrivando a definire un nuovo modello di retail del futuro”.