Seguici su
Business 19 Luglio, 2019 @ 10:46

Boeri, Sala e Cohen disegnano la foresta metropolitana di Milano

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Know You Can
Da sinistra: Patrick Cohen, ceo di Axa Italia, l’architetto Stefano Boeri, il sindaco di Milano Beppe Sala, Rossella Brescia (Axa Italia)

Oltre 2mila persone hanno animato Piazza Gae Aulenti per il concerto Know You Can organizzato da AXA Italia per la città di Milano. L’evento è stato occasione per annunciare il finanziamento da parte del brand assicurativo di uno dei progetti pilota di ForestaMi, iniziativa lanciata nell’autunno 2018 dal Politecnico di Milano con responsabile scientifico l’architetto Stefano Boeri. Il progetto di AXA Italia prevede lo stanziamento di 100mila euro per iniziative di forestazione urbana e piantumazione negli spazi esterni delle scuole dell’area metropolitana milanese.

“AXA vuole avere un impatto positivo per la società e siamo orgogliosi di sostenere il progetto di forestazione urbana ForestaMi”, ha dichiarato il ceo del gruppo AXA Italia Patrick Cohen. “In particolare, abbiamo scelto di legare l’ambiente all’educazione delle nuove generazioni, investendo in un progetto per rendere più verdi gli spazi esterni delle scuole e coinvolgendo gli stessi studenti nella fase di progettazione”.

Sul palco, insieme a Cohen e Boeri, anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala, la conduttrice della serata Rossella Brescia e gli artisti Brenda Carolina Lawrence, Myriam Ayaba e Carmen Pierri, arrivate al successo attraverso la partecipazione al talent The Voice, e Mike Baker, vincitore del contest sui giovani talenti promosso proprio da Axa. Momento clou l’esibizione di Gué Pequeno, giudice di The Voice, che ha coinvolto la piazza in un rap collettivo.

ForestaMi prevede la piantumazione di un albero per ogni persona che vive nella città metropolitana di Milano, raggiungendo così la quota di 3 milioni di nuovi alberi entro il 2030, 2 milioni entro le Olimpiadi invernali del 2026. Contribuendo così, ha spiegato Boeri, a “ridurre di 4/5 la CO2 prodotta, pulire finalmente l’aria di Milano (assorbendo tonnellate di polveri sottili) e abbassare di 2/3 gradi la temperatura estiva in città”. “La forestazione urbana – ha aggiunto l’architetto – è oggi in cima alle agende delle grandi metropoli del pianeta (da New York a Melbourne, da Shanghai a Parigi) e la Grande Milano si candida a diventare una delle città protagonista di una grande campagna per invertire il cambiamento climatico nel mondo”.

La politica “da sola non può fare molto e Axa sta dando una grande mano”, ha concluso il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. “Questo è un trend mondiale e un obbiettivo ambizioso che possiamo raggiungere soltanto con la collaborazione di tutti”.
La serata si è conclusa con uno spettacolo di light show che ha illuminato la notte di Milano.

 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!