Seguici su
Lifestyle 16 Dicembre, 2019 @ 12:14

Spumante o Champagne: come scegliere le bollicine giuste per le feste

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Spumante o Champagne
(Shutterstock)

Articolo tratti dal numero di dicembre 2019 di Forbes. Abbonati

I francesi lo fanno meglio?

A iniziare dal nome, coperto da rigido copyright, lo Champagne è l’orgoglio delle maison e l’emblema riconosciuto delle feste. Ecco le cuvée per una festa con il botto. Un buon motivo per scegliere l’Italia? L’eccellente rapporto qualità-prezzo.

di Susanna Tanzi

Se le grandi marche di vini italiani, com’è giusto che sia, sono in pole position a Natale e fine anno, i francesi hanno quel tocco in più che rende un brindisi qualcosa di molto speciale. Occorre sapere però che c’è Champagne e Champagne. Quello da aprire a tutto pasto, l’altro che richiede una degustazione semplicemente in calice, senza null’altro di accompagnamento, l’altro ancora che si sposa bene con i classici dolci natalizi. Una cosa è certa: fare il botto per festeggiare il nuovo anno è una consuetudine, da onorare con la bottiglia giusta. E come ogni anno, le maison hanno messo in campo il loro prodotti migliori, in confezioni regalo e in formati differenti, spesso con etichette create ad arte, che fanno venire gioia solo a riceverle. E per la soddisfazione di chi è attento all’ambiente, basti sapere che dal Duemila i vigneron si sono attivati per una politica di sviluppo sostenibile: zero erbicidi entro il 2025 e il 100% delle aziende con una certificazione ambientale entro il 2030. Un motivo in più per brindare.

Comte de Montaigne
BRUT GRAND RÉSERVE
Dalle Cuvée della Côte des Bar nasce il Brut (70% Pinot Noir e 30% Chardonnay), da sempre simbolo della maison. Profumo di frutta bianca (mela, pera e pesca), è lo champagne da aperitivo per eccellenza. Si sposa con lumache, scampi, salmone, tartare di pesce e parmigiano. Comte de Montaigne si affida al savoir-faire del suo chef de cave che ben sa trovare un equilibrio tra tradizione e innovazione.

Pommery
GRAND CRU VINTAGE – MILLESIMÉ
Una grande annata, 1995, l’assemblaggio di 7 Grands Crus (in prevalenza Pinot Noir della Montaigne de Reims), e l’affinamento per oltre 20 anni nel formato Jéroboam ne fanno un prodotto di una lunghezza e una finezza senza pari. Il pantone Blu Royal è un omaggio al vino dei re, così come l’etichetta placcata oro 24 carati, forgiata a mano a forma di sole. Solo 100 esemplari numerati.

Krug
GRANDE CUVÉE 167ÈME ÉDITION
Ogni anno viene creata una nuova edizione di Grande Cuvée. Questo Champagne è un assemblaggio di 191 vini da 13 annate diverse, dal 1995 al 2011, oltre 20 anni di eccellenza artigianale e pazienza. Colore dorato e perlage fine e vivace, aromi di fiori appena schiusi, frutta matura, marzapane, zenzero e agrumi. Sentori di nocciola, torroncino, caramelle.

Veuve Clicquot
ROSÉ
Pratica e leggera, Veuve Clicquot Ice Jacket, è realizzata con un tessuto isotermico dalle diverse texture e permette di conservare per due ore lo Champagne, Veuve Clicquot Yellow Label e Veuve Clicquot Rosé, alla temperatura ideale di degustazione. Questo grande classico VC, con etichetta personalizzabile, ne fa un regalo perfetto.

Lanson
EXTRA AGE BRUT
Creato per celebrare i 250 anni della maison, è ampio e seducente, con un buon corpo, complesso, e intenso sapore fruttato. Un blend di annate eccezionali appositamente selezionate combinando le uve migliori (Grand Cru e Premier Cru). Dal fine perlage, esprime sentori di fico, pera e miele. Perfetto con i formaggi francesi, si sposa bene con panettone e pandoro.

G.H. Mum
CORDON ROUGE
Uno spumeggiante desiderio di brindare e un codice cromatico, il rosso, quintessenza del Natale. Perlage ricco e vibrante, aromi di frutti bianchi e gialli, con note di litchi, ananas e caramello. Da stappare per un brindisi, da servire in coppa per un aperitivo, da degustare in un bicchiere da vino bianco con piatti di pesce, semplicemente perfetto in una flûte accompagnato da foie gras.

Vieille France
VINTAGE 2006
Pieno e complesso, accompagna piatti di grande intensià, ma si può gustare da solo per apprezzare la complessità data dalla lunga maturazione sui lieviti e dalla qualità delle uve provenienti dai migliori crus dello Champagne. Attacco pieno e forte, finale fresco e strutturato. Sentori di fico, albicocca e note di caffè tostato e cacao.

Taittinger
NOCTURNE
Uno Champagne “Sec” composto da Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Meunier. Liscio e cremoso, è un vino maturo, ricco e rotondo, perfetto per una degustazione a fine serata. Un raffinato abbinamento per dessert o foie gras su pan di zenzero. Insieme con il Nocturne Rose rappresenta Taittinger come simbolo di festa e divertimento.

 

Bollicine per le feste

di Luca Gardini

Un buon motivo per scegliere l’Italia? L’eccellente rapporto qualità-prezzo. E una ricerca continua, per festeggiare alla grande con il meglio delle cantine del Paese e anche la più importante competizione internazionale dedicata al mondo delle bollicine ha celebrato Ferrari quale “Sparkling Wine Producer of the Year 2019” grazie all’incredibile numero di medaglie d’oro, ben 15, ottenute da altrettanti Trentodoc della Casa, e Asti come “World Champion Sparkling Aromatic”, qualcosa vorrà dire sulle eccellenze degli spumanti italiani. Una scelta che diventa alternativa e certo non inferiore a quella di un blasonato Champagne. Con le cantine italiane, dalle grandi alle piccole, che fanno a gare a creare cuvée con uve selezionate e di grande qualità, in processi di invecchiamento sempre più affinati, dai territori che moltiplicano gli sforzi nella cura delle bollicine italiane. Langhe, Franciacorta, Trentino, Prosecco… zone avocate e già nell’olimpo dei grandi vini spumeggianti. Ora, basta seguire i consigli dell’esperto e dedicarsi alla degustazione, certi di non sbagliare.

1 Trentodoc Blanc de Blancs “Maximum”
FERRARI
Il premiatissimo prodotto di punta per la cantina “Sparkling Producer of The Year” rievoca la prima etichetta inizio ’900. Uno Chardonnay in purezza che è un viaggio iniziatico: 36 mesi su lieviti indigeni, bel naso fresco, tocchi di mela golden e noce con bel profilo agrumato. Sapido, minerale, elegante, persistente.

2 Lessini Durello doc Metodo Classico “60”
SANDRO DE BRUNO
Un territorio vulcanico, quello di Monte Calvarina, che regala questo blend Durella/Pinot Bianco affinato 60 mesi sui lieviti. Attacco al naso intenso, fragrante ed elegante, con scorza di cedro, tocchi balsamici e fiori bianchi. Alla bocca cremoso, ampio, sapido, di bella persistenza.

3 Trentodoc Metodo Classico Riserva Dosaggio Zero 2015
MASO MARTIS
Un’azienda che si sta facendo largo a colpi di etichette memorabili. Un blend Chardonnay/ Pinot Nero 30/70 da affinamenti separati maturato in bottiglia per 36 mesi. Finissimo al naso, bel profilo vegetale, note di kiwi e tocchi balsamici. Fresco alla bocca, bella spalla acida e sapidità per una persistenza intensa, elegante.

4 Alta Langa docg Blanc de Blancs Pas Dosé 2015
CONTRATTO
Lo spumantizzato che non ti aspetti, in Alta Langa. La cantina Contratto da 150 anni produce i più antichi Metodi Classici in Italia.
La storia recente è gloriosa (e pluripremiata): questo Chardonnay in purezza affinato 48 mesi sui lieviti ha naso di pesca dalla polpa bianca e biancospino, alla bocca bella sapidità e piacevole persistenza.

5 Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Brut nature 2018
SILVANO FOLLADOR
Il capolavoro dal vitigno Glera, grande conoscenza della materia prima capacità di interpretarla in tutte le sfumature, mixate con intendimenti biodinamici in vigna. Naso floreale, di agrumi maturi, profumi di biancospino, erba appena tagliata, fiori di campo. Boccata tesa, netta, più piena e rotonda che tagliente. Magnifico equilibrio.

6 Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Brut nature Rive di Ogliano 2018
BIANCAVIGNA
Sapido e intenso il prodotto del piccolo ma rinomato cru. Si punta su freschezza e sapidità, immediatezza di beva con persistenza gustativo-olfattiva. Naso fresco, mela golden e pera con tracce erbacee, sapido, minerale e acido alla bocca, bella croccantezza.

7 Franciacorta Rosé docg Extra Brut 2015
BARONE PIZZINI
Straordinaria interpretazione di rosé proveniente da vigne Pinot Nero in purezza. Naso sottile e complesso, garofano, petali di rosa, macchia mediterranea, sfumature di ribes. L’attacco è magnifico, teso, sottile, elegante, di grande sapidità.

8 Reggiano Lambrusco Frizzante Secco doc “Marchese Manodori” 2018
VENTURINI BALDINI
Vino di riferimento di una cantina ormai imprescindibile per il Lambrusco Reggiano. Ciclamino selvatico e more, con foglia di pepe sullo sfondo, al naso, bocca molto sapida, fresca, persistente e di ottima, cremosa, persistenza.

9 Asti docg “Acquesi”
CUVAGE
Campione mondiale degli spumanti aromatici al recente “Champagne & Sparkling Wine World Championships” di Londra, è frutto di un’accurata selezione di uve di Moscato bianco della zona di Acqui Terme. Profumo fresco e intrigante con sentori di fiori bianchi, pesche e scorza di agrumi. Ottimo con pasticceria secca e crostate.

10 Extra Brut Lucrezia Etichetta Bianca 2008
CASTELLO BONOMI FRANCIACORTA
Dai vigneti terrazzati della Tenuta Castello Bonomi, 70% Pinot nero e 30% Chardonnay per questo spumante che esprime tutta la sua evoluzione con note di mandorla tostata, vaniglia, note mielata e fiori bianchi di tiglio e acacia. Ottimo anche a fine pasto come vino da meditazione, è una riserva per le grandi occasioni.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!