Non solo hardware, ma anche servizi. Così Hp sta cambiando il suo modello di business e punta sull’Italia

Giampiero Savorelli, amministratore delegato di Hp Italy
Share

Una trasformazione digitale accelerata, in un contesto senza precedenti. Questo è quanto sta succedendo nel mondo e anche in Italia, dove il mercato di pc e stampanti e non solo – in seguito alle necessità emerse con la pandemia – è cresciuto con ritmi impensabili almeno fino a un paio d’anni fa. 

Ospite a Forbes Leader ha parlato di tutto questo Giampiero Savorelli, amministratore delegato di Hp Italy. L’azienda americana è un vero colosso della produzione di pc e stampanti ed è certamente un interlocutore significativo per avere il polso della situazione per quanto sta avvenendo con la crisi mondiale dei microchip. 

“Il mondo dell’IT sta vivendo a livello mondiale difficoltà di approvvigionamento da più di due anni”, spiega Savorelli. “Tutto è partito con un’accelerazione della domanda su pc e stampanti a livello globale legata alla pandemia. Come Hp abbiamo dovuto lavorare sulla pianificazione e sulle previsioni, rivedendo le procedure di approvvigionamento. Crediamo che questa situazione si protrarrà per almeno altri sei mesi o anche un anno. Quanto al caro delle materie prime, non è la prima volta che il mondo dei produttori di pc e stampanti deve farci i conti, quindi la cosa non ci coglie impreparati”. 

L’azienda vede l’Italia come un mercato importantissimo e per il nostro Paese ha grandi progetti. “Ci sono in cantiere iniziative per la sostenibilità per le quali ingaggeremo i nostri partner. Ci focalizzeremo sul mercato delle piccole e medie aziende, che rappresentano il 90-95% delle aziende italiane. E non forniremo loro solo hardware. Infatti, stiamo passando da un modello di business hardware centrico, a uno basato anche sui servizi nell’ottica di aiutare il cliente a raggiungere i suoi obiettivi che possono essere un aumento della produttività o investimenti specifici. Rimaniamo sempre attenti anche al Pnrr, nell’ottica della trasformazione digitale, perché a nostro modo di vedere ci sono ancora tante opportunità da cogliere”. 

Nel corso dell’intervista si è poi parlato di sostenibilità, ma anche di cybersecurity e dei consigli per limitare il rischio di attacchi informatici sui propri computer e stampanti. 

Di seguito si può trovare l’intervista completa andata in onda su Forbes Leader (in onda ogni mercoledì sera alle 21.30 sul canale 511 di Sky e 61 di Tivusat). 

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.