Curtis Priam, cofondatore di Nvidia.
Miliardari

Questo cofondatore di Nvidia sarebbe oggi tra i più ricchi d’America (se avesse mantenuto tutte le sue azioni)

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Se Curtis Priem, il primo cto di Nvidia, avesse mantenuto tutte le sue azioni, ora sarebbe la sedicesima persona più ricca d’America. Invece, ha venduto anni fa e ha donato la maggior parte della sua fortuna al Rensselaer Polytechnic Institute, sua alma mater.

Curtis Priem vaga attraverso un palco di legno prima di fermarsi a pochi metri a destra del centro. È uno dei “punti deboli acustici” della sala da concerto da 1.165 posti del Rensselaer Polytechnic Institute che il cofondatore di Nvidia ha contribuito a costruire donando 40 milioni di dollari tra il 2003 e il 2008. Immerso nelle calde luci del palco, Priem, 64 anni e vestito con abito e cravatta rossa, indica le migliaia di pannelli di legno curvati in modo unico che rivestono le pareti e il tessuto a trama fitta, il tutto costruito per avere un’acustica ideale. “Questo è lo spazio per spettacoli tecnicamente più avanzato al mondo”, sorride raggiante l’ingegnere elettrico, descrivendo la sede di Troy, New York, che porta il suo nome: il Curtis Priem Experimental Media and Performing Arts Center.

LEGGI ANCHE: “La febbre dell’intelligenza artificiale regala le luci della ribalta a Jensen Huang, il miliardario fondatore di Nvidia”

Curtis Priem e le sue donazioni

Fa parte di un impegno molto più grande nei confronti della sua alma mater che, più recentemente, include l’aiutarla a diventare la prima università al mondo a ospitare un computer Ibm Quantum System One. Dovrebbe essere operativo entro la prossima primavera e sarà la pietra angolare di un nuovo centro computazionale che si spera aiuterà RPI e l’area circostante ad attrarre i migliori talenti.

Dal 2001, Priem ha donato 275 milioni di dollari all’RPI, pari al 40% delle donazioni totali dell’RPI durante quel periodo. Ha anche promesso circa 80 milioni di dollari in più. Solo la metà di tale importo è stata pubblicamente riconosciuta come donazioni di Priem. Un impegno anonimo di 360 milioni di dollari è stato annunciato dall’RPI nel 2001, nel periodo in cui Priem ha iniziato a donare, ma né lui né la scuola hanno rivelato se sia lui il donatore.

LEGGI ANCHE: “Come un ex cameriere scappato dalla Thailandia è diventato miliardario coi microchip”

La storia dell’inventore informatico

Ciò che è ancora meno noto è la storia di Priem. Inventore con quasi 200 brevetti, ha contribuito a progettare il primo processore grafico per pc all’inizio degli anni ’80 e in seguito ha cofondato l’azienda di semiconduttori Nvidia, dove ha trascorso un decennio lavorando come responsabile della tecnologia.

Dopo l’Ipo di Nvidia nel 1999, trasferì la maggior parte delle sue azioni a una fondazione di beneficenza, dopo aver deciso che si trattava di una “quantità di denaro eccessiva” da trattenere. Pochi anni dopo lasciò l’azienda, anche a causa di un primo matrimonio molto litigioso terminato con il divorzio e le accuse di violenza domestica contro l’ex moglie. Nel 2006 aveva venduto le sue restanti azioni. Se avesse mantenuto tutta la sua quota, oggi avrebbe un patrimonio di 70 miliardi di dollari. Invece, Forbes stima che Priem abbia una fortuna che si avvicina ai 30 milioni di dollari, poco più di un decimo di quanto ha dato all’RPI.

Ciò include una casa da 6 milioni di dollari vicino a Fremont, in California, dove vive con un servizio cellulare inaffidabile e scrive ‘manifesti’ pieni di equazioni su come risolvere problemi mondiali come “riparare la terra”. (Nessuno è stato pubblicato da nessuna parte). Dice che spesso comunica fornendo indirizzi mail univoci: stringhe di numeri di sedici cifre tra cui uno dato a questo giornalista di Forbes, come un modo per evitare lo spam (dice di non riceverne nessuno dal 2000). Possiede anche un jet privato Gulfstream G450, chiamato Snoopy, che ha acquistato nel 2021 e ora utilizza per volare a RPI quattro volte all’anno.

Il rifugio dal mondo esterno

In un’intervista nel campus di RPI nella storica città operaia di Troy, New York, Priem parla delle sue donazioni, del motivo per cui ha lasciato Nvidia e di alcuni rimpianti. “Ho fatto una cosa un po’ folle, e vorrei aver tenuto un po’ di più [azioni Nvidia]”, ammette Priem. Dice di pensare ancora a Nvidia due volte al giorno, quando indossa e si toglie il suo Omega Speedmaster X. -33 Orologio Mars, lo stesso modello indossato dagli astronauti della Thunderbirds e dello Space Shuttle. È stato un regalo di Nvidia per il suo quinto anniversario aziendale. Per lui, l’RPI è diventato il luogo non solo in cui investire i propri soldi, ma anche in cui trovare significato e conforto.

“L’inferno stava accadendo per me fuori, e [RPI] era in realtà il mio rifugio”, dice Priem del suo lavoro con RPI, dove ha prestato servizio nel cda dal 2003. “È diventato il mio scopo e la mia sanità mentale”.

Priem scelse l’RPI rispetto al più noto Massachusetts Institute of Technology grazie in parte al fatto che aveva un sofisticato computer IBM che voleva utilizzare. Si è rivelato un luogo ideale per Priem, che era sempre stato interessato all’intersezione tra tecnologia e arte. Al liceo, dopo essersi trasferito “per tutta la costa orientale” da bambino, la sua famiglia si stabilì fuori Cleveland, dove Priem prese lezioni di violoncello con Donald White della Cleveland Orchestra, il primo musicista nero a suonare in una grande orchestra. Trascorse due estati in un campo intensivo per musicisti classici nella Carolina del Nord. Suonava anche il trombone.

Alla RPI, ha suonato il violoncello nell’orchestra per tutti e quattro gli anni, e attribuisce gran parte della sua creatività nel settore dell’elettronica e del suo lavoro alla RPI alla sua educazione da musicista. “Per esibirti devi esercitarti, giusto? E devi essere creativo”, dice Priem. “Così ho iniziato ad applicarlo all’elettronica e all’informatica.”

Si è laureato alla RPI in ingegneria elettrica e informatica nel 1982 e ha iniziato a lavorare come ingegnere del personale per la società di PC Vermont Microsystems, seguito da un periodo come ingegnere hardware alla società di apparecchiature di test elettroniche GenRad. Successivamente si è trasferito in California per lavorare alla Sun Microsystems per sette anni.

Come è nata Nvidia

L’idea di Nvidia è nata nel 1993 in un Denny’s nella Silicon Valley. È lì che lui, il suo collega di Sun Microsystems Chris Malachowsky e il loro amico Jensen Huang, un ingegnere che lavorava presso LSI Logic, si sarebbero incontrati per discutere su come costruire un chip migliore. Priem descrive fin dall’inizio il suo ruolo di architetto che ha creato il progetto sottostante che ha permesso agli ingegneri di progettare algoritmi per i chip Nvidia, lavorando principalmente dietro le quinte.

“In Nvidia c’era un detto che diceva di non mettere mai Curtis davanti a una telecamera e di non mettere mai Curtis davanti a un cliente”, scherza Priem. (Risposta del ceo Huang: “Curtis è stato davvero eccellente con i clienti.”)

Nel 1999, Nvidia ha compiuto due importanti passi avanti: si è quotata in borsa con una capitalizzazione di mercato di 1,1 miliardi di dollari e ha inventato la sua unità di elaborazione grafica, o GPU, inizialmente utilizzata per l’editing video e i giochi, ma che alla fine ha rimodellato l’industria informatica. Quel luglio Priem sposò anche la sua prima moglie, Veronica. Due mesi dopo fondò la Priem Family Foundation nella quale investì più di tre quarti della sua quota del 12,8% (all’Ipo) in Nvidia: circa 100 milioni di azioni (nel conteggio delle azioni di oggi).

Parte del motivo del grande regalo, ha detto, era che non voleva che il governo ricevesse i soldi se avesse venduto un sacco di azioni e avesse dovuto pagare tasse su di esse.

Fu proprio in quel periodo che Priem esaminò la sua partecipazione e pensò che si sarebbe ritrovato con circa 50 milioni di dollari. “La mia grazia salvifica era che non potevo prevedere il futuro”, dice con un po’ di malinconia riguardo alla sua decisione di vendere le azioni della società che ora ha una capitalizzazione di mercato di circa 1.200 miliardi di dollari.

Dopo aver inizialmente donato a una manciata di cause, tra cui The Nature Conservancy e il Monterey Bay Aquarium, Priem è passato dal suo obiettivo di alleviare la sofferenza indotta dall’uomo a prevenirla, principalmente attraverso donazioni incentrate sull’istruzione. “Adamo ed Eva avevano il libero arbitrio e scelsero un percorso peccaminoso che diede origine alla sofferenza… la nostra convinzione è che la maggior parte della sofferenza può essere evitata poiché è sotto il nostro controllo fin dall’inizio”, affermava il primo sito web della sua fondazione, attingendo alle radici religiose della sua famiglia. la Chiesa unita di Cristo.

Nel 2000, Priem è tornato all’RPI per ricevere il premio di Imprenditore dell’anno dell’università per il suo lavoro presso Nvidia. “Sono entrato nel campus ed è stato tipo, okay, questa è una specie di vocazione”, dice Priem. Dice di aver donato 1 milione di dollari alla RPI nel 2000 e di nuovo nel 2001. Poi, nell’anno fiscale terminato nel giugno 2002, la Priem Family Foundation ha iniziato a sborsare almeno 10 milioni di dollari all’anno alla RPI. E da allora ha continuato a farlo.

I problemi legali e l’addio a Nvidia

Le cose in Nvidia, nel frattempo, non andavano altrettanto bene. Secondo Priem, era distratto da problemi personali a casa e non contribuiva al livello che voleva, quindi se ne andò.

Il decennio successivo della vita di Priem fu un disastro, dice: un tribunale stabilì che Veronica aveva una “storia di violenza domestica” contro di lui. Nel 2013 ha affermato in atti giudiziari che la violenza aveva “generato 19 rapporti scritti della polizia, cinque arresti, tre condanne penali, tre ordini di protezione penale, un ordine restrittivo temporaneo civile e tre periodi di prova”. Secondo lo stesso documento, Veronica ha affermato che Curtis “ha scatenato le sue reazioni violente provocandola verbalmente” e ha menzionato una “mancanza di severità associata alla sua cattiva condotta”. (Il suo avvocato non ha risposto a molteplici richieste di commento.).

Ad un certo punto, Curtis Priem afferma di aver incontrato il senatore dello stato della California Bob Wieckowski per sostenere un emendamento che renderebbe più difficile per i presunti autori di violenza domestica ricevere il sostegno coniugale. L’emendamento, SB 28, è stato approvato all’unanimità in un voto del Senato del 2015. La sua ex moglie non ha contestato l’accusa di reato minore di violenza domestica e lui non ha mai pagato il mantenimento.

Durante tutto questo tempo, Priem ha continuato ad aiutare l’RPI, che secondo lui era “in difficoltà” finanziariamente da decenni. Voleva aiutare a “ribaltare questa super petroliera”. Innanzitutto, le sue donazioni sono andate all’essenziale: assunzione di più docenti, ristrutturazioni di edifici e acquisizione di attrezzature di laboratorio. Poi sono arrivati i contributi a quello che oggi è lo Shirley Ann Jackson Center for Biotechnology and Interdisciplinary Studies e al centro per le arti dello spettacolo, aperto nel 2008.

Un super computer Ibm nel campus

L’idea per il suo più grande contributo è arrivata pochi mesi fa durante un ritiro del cda a Carlsbad, in California. È lì che Priem ha suggerito al nuovo presidente dell’RPI Martin Schmidt di provare a portare un computer quantistico all’RPI, un’idea interessante ma che secondo Schmidt sarebbe stata troppo costosa.

“Abbiamo lasciato Carlsbad con me concordando che sarei andato a trovare Dario Gil, il capo della ricerca IBM… per vedere se potevamo convincerlo che IBM avrebbe dovuto mettere un computer quantistico nel campus RPI”, ha detto Schmidt a Forbes. Solo tre mesi dopo, a giugno, RPI ha annunciato formalmente l’intenzione di portare un computer IBM Quantum System One nel campus l’anno prossimo, rendendola l’unica università al mondo a ospitarne uno.

“Ora, con i computer quantistici, RPI sarà in prima linea nell’introdurre un paradigma informatico completamente nuovo che offre profonde possibilità per l’esplorazione di una serie di problemi precedentemente intrattabili in aree quali la progettazione dei materiali, la sostenibilità, lo sviluppo farmaceutico, l’assistenza sanitaria e molto di più”, ha detto Gil in occasione di un evento rivoluzionario di ottobre per il computer quantistico.

L’ultimo impegno di Priem da 95 milioni di dollari di portare il computer nei campus e creare un nuovo centro sta, nelle sue parole, gettando le basi sul “percorso di discesa verso lo zero”.

“Questo fine settimana segna in realtà la chiusura della nostra fondazione”, ha detto Priem durante l’evento rivoluzionario, dove ha spiegato a una folla gremita di studenti, docenti, ex studenti e altri ospiti che il suo finanziamento per il computer sarebbe stato l’ultimo grande dono e utilizzerà per questo la maggior parte dei fondi rimanenti della sua fondazione. Ha fatto l’annuncio stando di fronte a uno scintillante “lampadario quantistico”, il cuore del prossimo computer quantistico perché contiene il chip quantistico ed è circondato da intricati cavi d’oro per mantenere il computer da 2.000 libbre abbastanza freddo per funzionare, a circa 237 gradi. Si prevede che il computer sarà operativo nella primavera del 2024 e sarà collocato sotto quattro vetrate colorate in un’ex cappella.

La fondazione della famiglia di Priem ha attualmente un patrimonio di 160 milioni di dollari ed è sulla buona strada per chiudere entro il 2031, dice. Ma non è sicuro che i soldi dureranno così a lungo, date tutte le nuove iniziative che continua a decidere di finanziare presso RPI. “Non possiamo smettere di spendere, quindi probabilmente lo faremo molto prima”, dice Priem, che aggiunge che “quando i soldi finiranno, potrò andare in pensione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .