Wall street, indici azionari Usa
Investimenti

Alcuni esperti prevedono nel 2024 una recessione per l’economia americana: cosa significa per gli investitori

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Un finale praticamente perfetta del 2023 ha rafforzato la fiducia nelle condizioni dell’economia americana e nelle prospettive azionarie. Ma alcuni esperti rimangono preoccupati che una recessione possa essere ancora all’orizzonte.

Fatti principali

  • Nonostante la convinzione di molti esperti che una recessione nel 2023 fosse quasi inevitabile, gli Stati Uniti hanno camminato sul filo del rasoio e sono rimasti robusti. La crescita trimestrale della produzione economica è salita al massimo degli ultimi due anni. I principali indici azionari sono balzati a massimi da sempre e la Federal Reserve ha segnalato presto farà scendere i tassi di interesse, un tipoco impulso alla crescita economica.
  • Tuttavia, non tutti accettano le “buone vibrazioni”. Gli economisti di grandi banche come Citigroup, Deutsche Bank e JPMorgan Chase ritengono che l’economia statunitense abbia più probabilità di entrare in recessione nei prossimi 18 mesi.
  • Diversi indicatori anticipatori suggeriscono, inoltre, che la minaccia di una recessione rimane elevata: la curva dei rendimenti invertita comporta una probabilità superiore al 50% di recessione nei prossimi 12 mesi. Anche l’indice economico principale più completo del Conference Board punta verso una recessione.
  • Sebbene non sia tecnicamente indicativo di una recessione, che comporta una crescita economica negativa, i funzionari della Fed prevedono che la produzione economica statunitense crescerà solo dell’1,4% nel 2024, che sarebbe la crescita più debole dal 2009, escludendo l’inversione di tendenza del 2020 causata dalla pandemia.
  • Se gli Stati Uniti entrassero anche in una lieve recessione, i risultati potrebbero essere devastanti per gli investitori. Gli analisti di Goldman Sachs hanno previsto in una nota di novembre che l’S&P 500 scenderebbe a 3.700 in uno scenario del genere, un calo di oltre il 20% per l’indice azionario americano di riferimento.

La citazione

“Una recessione lieve non è un evento lieve e genererebbe un risultato significativamente più avverso di un atterraggio morbido con una crescita lenta”, ha scritto Bruce Kasman, capo economista di JPMorgan, nelle sue previsioni per il 2024.

Contrarian

L’idea che gli Stati Uniti entreranno in recessione o che gli indici azionari crolleranno nel 2024 è ben lungi dall’essere un’opinione condivisa a Wall Street. Molti altri indicatori attendibili non suggeriscono che una tale recessione sia probabile. L’indice di volatilità Vix, che traccia la prevedibilità dei movimenti azionari (e in genere supera i 30 durante la recessione), è attualmente inferiore a 14, mentre la regola di Sahm, che misura i rapidi aumenti della disoccupazione, similmente è lungi dall’indicare una recessione.

La maggior parte degli esperti ritiene che le azioni aumenteranno nuovamente nel 2024, compresi gli esperti di Goldman, che hanno aumentato drasticamente il loro obiettivo di prezzo per l’S&P a dicembre a causa di una visione più forte sulla crescita economica. Gli economisti di Goldman stimano le probabilità di una recessione nei prossimi 12 mesi ad un lieve 15%.

A cosa guardare

Cosa farà la Fed con i tassi nel 2024. Le ultime proiezioni dei funzionari includono solo 75 punti base di tagli quest’anno, molto meno dei 150 punti base di tagli attualmente scontati dal mercato. Tra marzo 2022 e luglio 2023, la Fed ha aumentato i tassi da quasi zero al 5,25%-5,5%, livello attuali. Storicamente le recessioni hanno abbracciato aumenti dei tassi così drastici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .