Seguici su
BFC - 100% Business News
Speciale Cars 6 novembre, 2017 @ 3:56

“Audi, stile e muscoli al posto giusto”

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
foto di marc lichte
Marc Lichte, capo design di Audi.

Coltivando la sua grande passione per la vela, Marc Lichte, capo designer di casa Audi, ha metabolizzato un concetto fondamentale: linee, superfici e proporzioni sono fondamentali per fare la differenza tra una barca da amare e una che deve limitarsi semplicemente a navigare. E quando è a terra trasforma questo dogma in auto che hanno un fascino inconfondibile.

Emotività o concretezza? Quale dei due fattori prevale quando si progetta un nuovo modello?

Hanno entrambi lo stesso peso. Le nostre devono essere auto particolari, con una forte connotazione sportiva, e qui sta la parte emozionale, ma devono essere anche all’assoluta avanguardia tecnologica come, per esempio, le elettriche su cui stiamo lavorando.

Vale davvero la pena investire tante risorse e tanto denaro per sviluppare vetture di nicchia?

Noi designer dobbiamo essere permanentemente proiettati verso il futuro. Io penso oggi a che cosa guideremo tra il 2020 e il 2030 con l’obiettivo di pianificare la transizione verso l’e-mobility e fare in modo che questo cambiamento di paradigma porti vantaggi anche nello stile. I veicoli elettrici avranno proporzioni diverse e nuovi concetti all’interno.

Quali sono i tratti distintivi salienti della nuova Q8?

Le suv di solito hanno un tetto disegnato come quelli delle coupé, fatto che limita la disponibilità di spazio all’interno, soprattutto dietro. Noi abbiamo infranto questa regola e aggiunto una linea di cintura con i muscoli ben definiti. Ed ecco la perfetta alchimia.

Pur essendo a capo di un centro di design in cui ha 440 collaboratori è riuscito a non sottrarre tempo alla vela. Una passione davvero travolgente…

A sei anni stavo già al timone di una Optimist… Ho vinto tre volte la Settimana di Kiel nella mia classe e conquistato due volte il titolo di vice-campione tedesco. No, le barche non sono solo un hobby, pensi che la mia me la sono disegnata da solo e adesso si guida meravigliosamente… me lo lasci dire, proprio come una Audi.