I 10 sportivi che hanno vinto più premi in denaro nel 2017

Forbes.it
Share

Floyd Mayweather

Il giro d’affari del mondo dello sport per gli atleti non è fatto solo di stipendi e sponsor. Anzi, c’è chi stipendi veri e propri non ne ha, ma guadagna solamente grazie alle proprie performance in campo, settimana dopo settimana. C’è pure chi, grazie ai bonus, “arrotonda” dei già particolarmente ricchi contratti. O chi fa il botto con un solo incontro. Ecco, quindi, chi sono i 10 atleti che hanno guadagnato di più nel 2017 grazie ai propri risultati.

Floyd Mayweather, Boxe
Premio in denario: 210 milioni di euro
Il botto con un solo incontro, dicevamo: è il caso del 40enne pugile statunitense, che non a caso è soprannominato “Money”. La sua sfida sul ring contro Conor McGregor dello scorso 26 agosto è stato il secondo match della storia per ricavi, con entrate che a livello globale hanno superato i 500 milioni di euro. Poco meno della metà sono finiti nelle tasche di Mayweather, che, dopo aver vinto l’incontro è diventato il terzo atleta della storia a superare il miliardo di dollari in guadagni, in compagnia di Tiger Woods e Michael Jordan.

Conor McGregor, Boxe
Premio in denaro: 85 milioni di euro
L’altro lato della medaglia, e non solo perché è uscito sconfitto. Eppure il 29enne lottatore irlandese, alla prima esperienza sul ring della boxe, è riuscito in un colpo solo a non perdere la faccia e a incassare una cifra di una certa rilevanza. Quanto gli è bastato per lanciare la sfida a Cristiano Ronaldo per la vetta della classifica di Forbes degli sportivi più ricchi: “Se le cose resteranno così come sono avrò guadagnato più di Ronaldo. Nella classifica dei più pagati Floyd (Mayweather, ndr) sarà al primo posto, io al secondo e Ronaldo al terzo. Se riuscissi a combattere un altro paio di incontri potrei anche salire al primo posto. Al momento questo è il mio obiettivo: diventare l’atleta più pagato nel 2018”.

Rafael Nadal, Tennis

Rafael Nadal durante i Roland Garros a Parigi, 29 maggio 2017

Premio in denaro: 13 milioni di euro
La migliore stagione, dal punto di vista economico, per il 31enne spagnolo. Un anno fa in molti l’avevano dato per finito, anche perché, complici i tanti problemi fisici, aveva chiuso la stagione fuori dalla top 5 per la prima volta dal 2004. Invece il maiorchino nel 2017 ha stupito tutti, vincendo 10 tornei (di cui due Slam, Roland Garros e Us Open) e tornando in vetta al ranking Atp. E nel 2018 potrà sfondare quota 100 milioni di premi vinti in carriera.

Roger Federer, Tennis
Premio in denaro: 11 milioni di euro
Chi invece ha superato la tripla cifra in premi è lo svizzero, che ha sorpreso anche di più rispetto all’eterno rivale spagnolo. A 36 anni in pochi avrebbero potuto prevedere un ritorno a questi livelli di Federer, capace di arrivare a quota 19 Slam grazie ai trionfi agli Australian Open e a Wimbledon. Successi che hanno permesso allo svizzero di superare Novak Djokovic e tornare in testa alla classifica dei tennisti più ricchi nella storia, con 95 milioni di euro vinti in carriera.

Justin Thomas, Golf
Premio in denaro: 8 milioni di euro
Gli sportivi che non ti aspetti. O meglio, di cui molti non hanno sentito parlare, visto che il golf in Italia almeno non ha un grande seguito. Eppure il giro d’affari nel resto del mondo è talmente importante che, al quinto posto di questa speciale classifica, c’è il 24enne golfista statunitense. Thomas ha concluso un 2017 da urlo, in cui conquistato cinque tornei del Pga Tour (la principale associazione professionistica di golf), sfiorando quota 10 milioni in ricavi.

Jordan Spieth, Golf

Jordan Spieth durante la finale di AT&T Pebble Beach Pro-Am, in California, 12 febbraio 2017

Premio in denaro: 8 milioni di euro
Coetaneo di Thomas, Spieth già nel 2015 era salito agli onori della cronaca con una stagione stellare, conclusasi con la vetta dei premi in stagione. Nel 2017, il texano ha conquistato il suo primo British Open, il torneo più antico dell’intero panorama golfistico. Classe 1993, al 31 dicembre 2017 ha già incassato 30 milioni di euro in carriera.

Dustin Johnson, Golf
Premio in denaro: 7 milioni di euro
Jack Nicklaus e Tiger Woods, due mostri sacri del golf mondiale. Nel 2017, il 33enne statunitense, per una statistica, è stato accomunato ai due campioni: è diventato solo il terzo nella storia a vincere almeno un torneo in ciascuna delle prime 10 stagioni da professionista. Nel 2018, invece, potrà entrare nella top 5 dei golfisti per ricavi: è a quota 41 milioni di euro, può superare il sudafricano Ernie Els, altra leggenda del golf.

Hideki Matsuyama, Golf
Premio in denaro: 7 milioni di euro
Giocare a golf con Donald Trump non è da tutti. Il 25enne giapponese invece è stato protagonista lo scorso novembre della visita del presidente Usa in Giappone, in cui Trump ha anche sfidato il primo ministro Abe sul green. Tutto questo, senza dimenticare che Matsuyama resta un talento anche nel circuito mondiale: gli manca ancora un successo in un Major, ma intanto nel 2017 ha conquistato 3 tornei, portando i propri guadagni in carriera a quota 17 milioni di euro.

Zlatan Ibrahimovic, Calcio

Zlatan Ibrahimovic con la maglia del Manchester United durante la Emirates FA Cup contro il Blackburn, 19 febbraio 2017

Premio in denaro: 5 milioni di euro
Si possono vincere 5 trofei, di cui una Liga, una Champions League e un Mondiale per Club, oltre al pallone d’oro, e non essere il calciatore ad avere incassato il maggior bonus. Non è stato, infatti, Cristiano Ronaldo il calciatore con i migliori premi nel 2017: il portoghese dal Real Madrid ha ottenuto “solo” poco più di due milioni di euro. In vetta c’è invece Zlatan Ibrahimovic, merito del solito Mino Raiola. Il noto agente, secondo quanto riportato da Football Leaks, ha strappato un contratto con il Manchester United particolarmente vantaggioso in termini di bonus: se fosse riuscito a segnare o servire tra 31 e 40 gol o assist, lo svedese avrebbe incassato 5,6 milioni di euro. Detto, fatto: 28 gol, 10 assist e super assegno staccato.

Grigor Dimitrov, Tennis
Premio in denaro: 5 milioni di euro
Qualcuno lo chiamava Baby Federer al suo ingresso nel circuito Atp, poi è stato spesso protagonista delle cronache rosa, tra il fidanzamento con Maria Sharapova e poi con Nicole Scherzinger. Il 2017, invece, è stato l’anno dell’esplosione per il 26enne bulgaro: semifinale agli Australian Open, primo successo in un Masters 1000 (Cincinnati) e, soprattutto, un fine anno col botto, conquistando le Atp Finals di Londra. Così, oltre ai risultati, ad impennarsi nell’ultimo anno sono stati anche i premi, con vittorie per complessivi 5,6 milioni di euro.

Share