La stella dell’Nba Steph Curry spiega come diventare “resilienti”

Forbes.it
Share

Stephen Curry dei Golden State Warriors.

di Bruce Y. Lee per Forbes.com

Le cose quel sabato sera non sembravano essersi messe bene per il playmaker Stephen Curry e il resto dei Golden State Warriors. Erano sotto 39-22 dopo un quarto contro Houston Rockets in Gara 6 delle Finali di Western Conference. I Warriors avevano perso le loro due precedenti partite contro i Rockets e stavano perdendo la serie 3-2. Con una sconfitta, la stagione dei Warriors sarebbe finita.

Ma i Warriors non si sono fatti prendere dal panico. Il panico è buono solo in discoteca. I detentori del titolo Nba hanno saputo riprendersi in fretta e hanno accorciato il distacco a 10 in chiusura del primo tempo. Quindi hanno ribaltato la partita nel terzo quarto, vincendo poi il match 115-86. La guardia dei Warriors Klay Thompson ha spianato la strada con 35 punti. Curry ha chiuso con 29 punti, 6 assist e 5 rimbalzi. La vittoria ha dato la possibilità di giocarsi Gara 7, quella che decide tutto, a Houston questo lunedì.

Uno studio pubblicato sull’International Journal of Heat and Technology (che non ha nulla a che fare con i Miami Heat) una volta ha evidenziato come il basket può riflettere la vita e la natura. Certo, nessuno sta suggerendo che il basket e alcuni aspetti della vita siano esattamente gli stessi. Tuttavia, la pallacanestro può fornire lezioni che possono aiutare ad affrontare molti aspetti della vita.

Pertanto, ha senso chiedere a Curry, due volte campione Nba e uno dei più grandi tiratori di sempre, come costruire e mantenere la capacità di recupero mentale. È quello che ha fatto Kaiser Permanente – l’organizzazione sanitaria americana – lanciando insieme a lui la campagna Train the Mind, che inizia con un video di Curry che entra in una vasca di deprivazione sensoriale.

[youtubevid id=”kGaE5kBpDE0″]

Curry e il collega di Nba Chris Paul sono apparsi in tv come parte della campagna, offrendo i loro consigli su come costruire la propria resilienza mentale. Curry ha anche parlato di resilienza durante l’NBA’s and Kaiser Permanente’s Total Health Forum, tenutosi il 1° marzo di quest’anno ad Atlanta, in Georgia.

Ecco 8 dei consigli (parafrasati insieme ad alcuni miei commenti) veicolati dalla campagna Train the Mind, e mutuati da una sessione di domande e risposte con Kaiser Permanente (non con tutta Kaiser Permanente, che avrebbe richiesto troppe sedie) e una conferenza stampa alla quale ho partecipato dopo il forum;

1. Sii consapevole delle fonti di stress che ti circondano e superale. Non puoi affrontare ciò che non conosci. Se i Warriors si fossero trovati di fronte veri missili invece che gli Houston Rockets, la cosa avrebbe probabilmente cambiato i loro piani di gioco. Curry ha dichiarato a Kaiser Permanente: “La cosa più importante è avere piena consapevolezza di come lo stress si possa manifestare nella tua vita, e provare ad affrontarlo nel miglior modo possibile”;

2. Prendi il controllo della tua vita. Quando guidi un’automobile, di solito non vuoi stare sul sedile posteriore o nel bagagliaio. (Non vorrai mai essere nel bagagliaio). Curry ha spiegato: “Il benessere generale passa dal controllare al meglio come mi sento giorno dopo giorno. Ovviamente ci sono tipi di stress e variabili nella vita che non puoi controllare, ma puoi trovare il modo di affrontare lo stress legato alla ricerca di tranquillità e contentezza nel miglior modo possibile, qualunque cosa significhi nella tua vita quotidiana”;

3. Fatti da parte. Curry spiega nei video che prendere del tempo libero può aiutare a vedere le cose da una nuova prospettiva. Che sia un tuffo in una vasca di deprivazione sensoriale, un’escursione nei boschi o una lunga pausa al bagno, concediti un po’ di riposo;

4. Mantieniti in buona salute fisica. Nel caso nessuno te l’abbia detto, la tua testa è collegata al tuo corpo. Durante la conferenza stampa, Curry ha sottolineato la necessità di “mangiare bene, dormire bene, fare abbastanza esercizio e bere tanta acqua”;

5. Trova una buona consistenza. Se stai annegando nell’oceano, cerchi qualcosa di solido e stabile da afferrare. Nella conferenza stampa, Curry ha spiegato che “io e mia moglie cerchiamo di farci forza a vicenda con l’incoraggiamento e il sostegno quando ci occupiamo delle nostre due figlie”;

6. Sperimenta alti e bassi. Potresti non essere un palestrato, ma la tua mente è come un muscolo e ha bisogno di essere allenata per affrontare lo stress della vita. Allo stesso modo, Curry ha dichiarato a Kaiser Permanente che “i miei genitori mi hanno esposto a molte cose diverse, e sono stato in grado di mettermi alla prova crescendo. Mi hanno anche aiutato a capire che tutto non sarebbe stato sempre perfetto che dovevo essere in grado, attraverso successi e insuccessi, di mantenere la fiducia in me stesso”. E sì, devo dirlo, anche Curry non è sempre al top e capace di superare i periodi peggiori che l’hanno aiutato a costruire la sua resilienza mentale;

7. Apriti e sii onesto in merito alla tua situazione: Curry ha detto che “per quanto tu possa sentirti solo, ci sono sempre altri che stanno attraversando cose simili, e possono aiutarti”.

8. Abbi fiducia in te stesso: Curry ha sottolineato che “la chiave è avere fiducia in te stesso, e convincerti che puoi ottenere tutto ciò che vuoi, indipendentemente da ciò che ti dicono gli altri”.

Share