4 lezioni di leadership dai Marines americani

Forbes.it
Share

I business leader che entrano a far parte dei gruppi di peer advisory di Vistage International conoscono quel proverbio africano che dice “se vuoi andare veloce, parti da solo. Se vuoi andare lontano, parti insieme ad altri”. Attrarre e soddisfare clienti che pagano cifre di un certo livello può sembrare una carriera solitaria, ma in realtà è molto più simile a uno sport di squadra. Anche gli imprenditori solisti hanno bisogno di venditori, fornitori, freelance, coach e partner di investimento. Ma la prima persona di cui hai bisogno per guidare la squadra sei tu stesso.

“I ceo e le figure chiave del management mi chiedono spesso delle lezioni di leadership che ho imparato dai Marines”, dice il colonnello in pensione Mike Malone, dello United States Marine Corps. Ho incontrato Malone in uno dei gruppi per ceo di Vistage. “Sono curiosi di quel che potrebbero utilizzare nella loro vita affaristica quotidiana”.

Malone ha passato più di 41 anni nei Marine. È anche stato ceo e manager anziano in diverse compagnie tech, ed è un Chair (una figura di raccordo centrale nelle attività dell’ente) di Vistage dal 2005. Si tratta di un presidente che ha guidato truppe su campi di battaglia difficili.

“Ho iniziato a imparare nel primo giorno di esercitazioni sul campo, e ho finito l’ultimo giorno della mia carriera”, ha detto Malone. “Dalla prima volta che un istruttore del campo mi ha urlato contro, i miei sensi hanno aumentato il loro raggio d’azione e ho assorbito quanto più potevo. Abbiamo iniziato un programma rigoroso di training formale che copriva temi come la storia militare fino al primo soccorso. Abbiamo imparato abilità da usare sul campo e, ovviamente, siamo stati sottoposti a un allenamento fisico intenso”.

Malone mi ha recentemente rivelato le più grandi lezioni imparate dai Marines, quelle che condivide coi membri di Vistage. Ecco quattro principi cardine che non dimentica mai:

    1. Le avversità ti rendono più forte. Il trucco è imparare ad adattarsi. “Quei primi piegamenti sulle braccia erano tremendi”, spiega Malone. “Facevano male ed erano difficoltosi. Ma poi i nostri corpi si sono adattati e sono diventati più forti. Morale della favola, i Marines – attraverso insegnamento formale ed esperienze sfidanti – imparano a condurre le truppe in un ambiente di stress costante, stenti e insuccessi;
    2. Fai parte di un gruppo. Questo vale tanto per i proprietari indipendenti che per chi lavora in una grande azienda. Dipendiamo tutti dagli altri. Ciascuno di noi ha un ruolo in squadra. “Le azioni di un singolo individuo hanno ricadute su tutti gli altri”, dice Malone;
    3. Tutti hanno un capo. Rispettare l’autorità è una buona cosa, anche per un businessman senza superiori. Essere un bravo leader significa innanzitutto saper essere un buon follower. “Per prima cosa, sappi chi è il capo e segui gli ordini e le linee guida nel modo migliore che sai mettere in campo”, suggerisce Malone. “Esiste anche un tempo per le domande, sia per chiarire la comprensione che per assicurarsi che il processo di pensiero e decisione sia corretto”. Nessuno vuole nel suo team robottini senza senso critico;
    4. Fai un passo avanti quando necessario. Prendi le redini dell’impresa, quando va a vantaggio di quest’ultima. “Nella vita capitano cose”, spiega Malone, “ci saranno tante opportunità di prendere il controllo anche in una singola giornata di lavoro. E ci sarà sempre qualcun altro che è più sveglio o con più esperienza di te: rimettiti alla loro capacità, quando ne vale la pena”.

Idea bonus: rifatti il letto. Sì, davvero. Malone raccomanda caldamente di guardare il video dell’ammiraglio William McRaven dedicato all’arte delle lenzuola. “La sapienza insita in quel semplice atto è illuminante”, spiega. “Fare le piccole cose nel modo giusto aiuta ad affrontare meglio quelle più rilevanti. Conosco un veterano del Vietnam che è un imprenditore di successo ma non ha mai smesso di pulirsi le scarpe ogni settimana”. “Se tieni a mente queste semplici regole basilari e le applichi, ti garantisco che le tue leadership skill cresceranno con te”.

 

Share