Come trovare l’idea giusta per lanciare una tua startup

Forbes.it
Share

 

Chiara Ferragni, da influencer a imprenditrice

Oleg Campbell, fondatore e ceo di Reply.io per Forbes.com

Hai mai sognato di avviare un’attività? Forse hai guardato ogni episodio di Shark Tank e hai pensato: “Potrei farlo anche io”, se solo riuscissi a trovare l’idea giusta. A me è successo. Quando volevo costruire un business e fare soldi veri, ho affrontato un dilemma: da dove cominciare. Avevo abbastanza tempo e un po’ di denaro, ma non avevo idea di cosa fare realmente. Se hai mai desiderato creare una startup ma fatichi a tirar fuori un’idea valida, questa guida è per te. Segui questi passaggi, evita i miei errori e comincia.

Crea una lista di cose che ti piacerebbe fare
La prima cosa è stato fare un brainstorming di ciò che mi sarebbe piaciuto fare se il denaro non fosse stato un problema. Ho fatto una lista di 10 cose di ambiti differenti, come l’insegnamento e lo sport. Immagina che qualcuno ti abbia dato una carta di credito senza limiti. Cosa faresti della tua vita se non dovessi preoccuparti dei soldi? In che modo saresti felice di alzarti ogni mattina? Non preoccuparti di ciò che è fattibile al momento: concediti il permesso di sognare in grande e scrivere quelle idee su carta.

Trova il punto comune tra le tue passioni e il profitto
Se la tua lista è più o meno come la mia, non tutte le idee saranno redditizie. Certo, avrei potuto iniziare a fare sport o insegnare alle persone a programmare, ma non riuscivo a vederle come attività per fare soldi. Devi passare in rassegna il tuo elenco per vedere quali passioni hanno il massimo potenziale di profitto. Per me si è trattato delle vendite business to business (B2B). Dalla mia prima attività avevo imparato un po’ di marketing, che aveva catturato il mio interesse, ma per il resto non avevo idea di come funzionasse. Tuttavia, ero entusiasta di saperne di più e riuscivo a vedere del potenziale.

Fatti ispirare dalla location
Se vuoi essere bravo in qualcosa, vai nel posto più adatto a crearlo. Quindi, se vuoi entrare nella moda, vai a New York. Per i film, potresti andare a Hollywood. E se vuoi creare una startup IT, vai in Silicon Valley. Potrebbe spaventarti: io all’epoca non avevo contatti nella Silicon Valley, ma invece di arrendermi ho costruito il mio network. Ho trovato contatti via Facebook e LinkedIn con altri imprenditori tecnologici a San Francisco e ho trascorso due mesi nella Valley per partecipare a eventi, parlare con le persone e trovare ispirazione.

Impara e lavora sul campo
Quando sono tornato a casa, ho iniziato a imparare tutto ciò che potevo sulle vendite B2B. Ho contattato un amico che gestiva una piccola startup e ho chiesto se potevo aiutarlo con le vendite. Mi sono offerto di lavorare solo su commissione, senza alcun rischio per lui. Ho finito per lavorare lì quattro mesi e non ho venduto assolutamente nulla. Tuttavia, alla fine, ho parlato con innumerevoli venditori e clienti, letto tutti i libri sulla vendita e sviluppato una comprensione più profonda del settore. Ancora più importante, ho anche trovato un’opportunità: ho scoperto che i venditori si stavano impegnando per organizzare i loro follow-up, una cosa a cui avrei potuto dedicarmi. Cerca piccole nuove imprese (idealmente con una connessione personale) a cui puoi offrire gratuitamente i tuoi servizi. Mentre le grandi aziende hanno già soluzioni in atto, una piccola impresa probabilmente accetterà la possibilità di un aiuto aggiuntivo senza rischi. Tu a tua volta puoi imparare in un ambiente di lavoro reale.

Analizza il mercato
Per prima cosa, ho cercato di vedere se ci fossero dei competitor. Ne ho trovati alcuni, ma sapevo che avrei potuto fare meglio di loro. Ricorda, la competizione non è una brutta cosa. Significa che c’è una necessità nel mercato. Per rafforzare ulteriormente l’idea, ho chiesto consiglio ai miei potenziali clienti: i venditori. Facendo appello alla loro esperienza, ho scoperto che molti erano felici di fornire un feedback sulla mia idea, insieme a informazioni utili che non avrei trovato altrimenti. Chiedi ai tuoi potenziali clienti se hanno bisogno del tuo prodotto o servizio. Se sì, bene. Se dicono di no, questo non significa che sia finita. Al contrario, chiedi di cosa hanno bisogno e quali problemi stanno affrontando. O perfezionerai la tua idea originale, o ne inventerai una nuova.

Fai attenzione alle tendenze
Pensavo di aver trovato una grande idea per la mia prima attività. I codici QR in Cina erano la norma, e sembrava che sarebbero diventati la grande novità negli Stati Uniti. Pensavo che avremmo trovato un ottimo prodotto. Le vendite avevano iniziato a salire nel 2013 e le cose stavano andando a gonfie vele. E poi niente: le vendite sono crollate. Quando cerchi la tua grande idea, chiediti: avrà un mercato da qui a cinque anni? È probabile che le idee basate su aree come l’intelligenza artificiale (AI) e i trasporti siano un trend per gli anni a venire. Tuttavia, se la tua azienda faceva affidamento su Windows Mobile OS, la tua idea ora è affondata.

Apri la mente verso l’espansione
Un altro errore che ho fatto con la mia ultima attività è stato avvinghiarmi a un’idea troppo circoscritta. Abbiamo sviluppato tutte le nostre funzionalità, ma non avevamo idea di cosa farci dopo. Non c’era spazio per l’espansione e non molti sistemi con i quali avremmo potuto integrarci. Mentre concentrarsi su una cosa può essere un punto di forza, è importante però avere un quadro più ampio della situazione. Ad esempio, un’azienda di comunicazione potrebbe integrarsi con un CRM ed espandere rapidamente la propria base di utenti. Mira a fornire una soluzione dedicata che possa funzionare bene anche in altri settori.

Inizia a costruire
Avviare un nuovo business significa investire tempo e denaro. È importante essere rigorosi per quanto concerne la realizzazione della propria idea. Per me, questo significa avere almeno una persona che ci lavora a tempo pieno. Se pensi di lavorarci solo tu, quando hai del tempo libero, è già un brutto segno. Fai qualcosa per dimostrare che sei deciso a fare questo lavoro e comincia. Trovare una buona idea per una startup e metterla in atto non è facile, ma se impieghi un po’ di tempo a identificare i mercati redditizi con margini di espansione, è possibile trasformare i sogni aziendali in realtà.

Share