Seguici su
Innovazione 23 Agosto, 2018 @ 2:00

La giovane Under 30 che sta digitalizzando la democrazia in Europa

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
La co-fondatrice Aline Muylaert sta portando la democrazia digitale nelle città europee

di Tudor Mihailescu per Forbes.com

La rivoluzione digitale ha senza dubbio sconvolto la politica. Ma ha migliorato la democrazia? Negli ultimi anni c’è stata una crescente disconnessione tra il ritmo dello sviluppo digitale e il modo in cui funzionano i processi politici e governativi. Internet ha cambiato radicalmente il nostro modo di considerare le nostre vite sociali ed economiche. Tuttavia, il modo in cui partecipiamo ai processi del governo istituzionale, come le elezioni e le consultazioni pubbliche, non è significativamente diverso dall’era pre-Internet.

Come sottolineano i ricercatori Jamie Bartlett e Heather Grabbe, “la velocità e la facilità del business online possono rendere i processi politici estremamente lenti e inaccessibili a molti elettori”. “La rivoluzione digitale ha permesso alle persone di esprimere la propria opinione molto più facilmente, coinvolgendo maggiormente nel creare informazioni e interagire tra loro”, ma “la stragrande maggioranza di questo tipo di attività online è ignorata dai processi politici”. Il pericolo qui è che gli elettori si possano disilludere dalla politica e concentrare le loro energie su altri aspetti della vita dove sentono che le loro azioni possono davvero avere un impatto più rapido e misurabile. Tuttavia, attraverso un uso produttivo della tecnologia digitale, la voglia dei cittadini di partecipazione online può diventare un catalizzatore per una migliore governance democratica.

L’Europa ospita una vivace comunità di giovani imprenditori che lavorano su soluzioni basate su Internet per migliorare l’interazione tra cittadini e governi. Un esponente di spicco di questa generazione è Aline Muylaert, la Under 30 co-fondatrice della startup di Bruxelles Citizenlab. Lanciata nel 2015, l’azienda costruisce piattaforme che consentono la partecipazione dei cittadini, attualmente utilizzate da più di 75 autorità pubbliche in sette Paesi europei e in Canada. L’obiettivo è quello di colmare il divario tra governance e tecnologia a livello locale: “Viviamo nell’era digitale ma stiamo ancora usando carta e penna per comunicare con i nostri governi. I cittadini chiedono maggiore trasparenza e vogliono dire la loro nella politica della propria città”. Tuttavia, “le città di piccole e medie dimensioni non hanno il tempo, né il budget per sviluppare soluzioni di partecipazione online”. Citizenlab risponde a questa esigenza sviluppando un “metodo pronto all’uso e conveniente per raccogliere input dai propri cittadini”.

Le città usano la piattaforma per organizzare consultazioni pubbliche o compilare soluzioni per i cittadini attorno a un problema specifico. Ad esempio, la città belga di Hasselt ha utilizzato Citizenlab per incorporare le raccomandazioni dei cittadini in un progetto di ricostruzione del parco. La città di Vancouver, in Canada, ha utilizzato la piattaforma per trovare idee su come investire le entrate nette dall’imposta Empty Homes Tax in iniziative abitative a prezzi accessibili. Ma come fa Citizenlab a compilare e dare un senso a tutti questi dati? Come spiega Aline, la startup utilizza il Natural Language Processing per aiutare le città a “raggruppare i loro contenuti tematicamente, geograficamente o demograficamente e portarli alle persone giuste all’interno delle organizzazioni”.

Un aspetto interessante della storia di Citizenlab è che Aline ha iniziato il progetto con il socio co-fondatore Wietze durante gli studi universitari a Bruxelles. “Essere studenti-imprenditori ci ha aiutato a costruire il nostro prototipo e trovare i primi clienti senza avere la pressione di fare immediatamente soldi”, ricorda. Aline è oggi responsabile delle vendite e responsabile del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo della società nei diversi mercati: “La metà del mio tempo lo spendo per strada, incontro le istituzioni locali, l’altra metà in ufficio: nel lead generation, nel follow up e nell’allineamento con il team”.

La maggior parte delle startup tecnologiche nel settore politico ha difficoltà a trovare modelli di business sostenibili, ma Citizenlab sembra aver trovato l’approccio giusto. La chiave della loro strategia di vendita di successo è duplice. Innanzitutto, come sottolinea Aline, “fin dall’inizio abbiamo deciso di concentrarci sulla nicchia dei governi locali”. Ciò ha consentito all’azienda di concentrare lo sviluppo tecnologico e gli sforzi di vendita sulle esigenze di una specifica categoria di clienti. In secondo luogo, Citizenlab addebita alle città l’utilizzo della piattaforma sulla base di una quota annuale di abbonamento. “Vogliamo avere l’impegno di un governo locale prima di lanciare una piattaforma di coinvolgimento dei cittadini”, spiega. Pertanto, chiedere alle autorità locali di sostenere l’onere finanziario derivante dall’attuazione dei meccanismi di delibera online garantisce che siano veramente motivati a incorporare i vari input dei cittadini nei loro processi decisionali.

La co-fondatrice della startup a impatto sociale, presente nella Forbes Europe under 30 a soli 24 anni, Aline è un vero modello per i giovani individui che aspirano ad avviare un’impresa tecnologia nella politica. Abbiamo parlato del motivo per cui ci sono poche donne nelle posizioni di leadership più alte rispetto agli uomini in questo campo e cosa si può fare per cambiare questa tendenza. “Bisogna capire il settore pubblico e combinare questa comprensione con un buon spirito imprenditoriale. Penso che le donne spesso non sono sicure di essere brave in entrambe le cose”, spiega Aline. Tuttavia, “le donne nella tecnologia in campo civico hanno un vantaggio perché siamo percepiti come più attente al sociale, non lo facciamo solo per soldi”. Dalla sua esperienza, “l’accesso alle reti e ai contatti sarebbe un ottimo modo per dare alle donne la spinta di cui hanno bisogno”.

Aline conclude l’intervista con questi consigli per giovani imprenditori che lavorano a progetti di democrazia digitale: “Abbiate fiducia e assicuratevi di essere in buona sintonia con le città o i politici con cui lavorate. Questa lealtà e fiducia vi aiuteranno a far crescere il business”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Leggi anche: Alessia Forti: “Supporto i governi per delle politiche più inclusive”