Seguici su
Style 14 settembre, 2018 @ 2:14

Il brand di due gemelle sarde alla conquista dei mercati emergenti

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi

Le gemelle Chiara e Gloria Piscedda hanno creato ChiGlo nel 2014.

di Mfonobong Nsehe per Forbes.com

Le due designer Chiara e Gloria Piscedda sono le fondatrici di ChiGlo, un marchio di design e di moda che ha l’obiettivo geo-commerciale di espandersi velocemente, per ampliare l’offerta nelle economie emergenti e “sviluppate” del mondo, pur mantenendo il suo patrimonio culturale radicato in Sardegna. ChiGlo, che ha recentemente aperto nuovi uffici in Russia e in Cina, ha iniziato l’espansione in Africa, unendosi a un sempre maggior numero di marchi internazionali di lifestyle e di lusso che stanno aprendo attività nel continente. Ho recentemente incontrato Chiara e Gloria Piscedda, che mi hanno parlato dei piani di espansione di ChiGlo nei mercati emergenti come l’Africa.

Quali sono state le motivazioni che vi hanno portato a lanciare ChiGlo?

ChiGlo è nata da un’innata passione per la moda, proveniente sia dalla nostra famiglia, ma anche dalla nostra terra d’origine, così eclettica, incontaminata e colorata. La combinazione dei due fattori ci ha dato originalità e la motivazione a consolidare il nostro ruolo di designer a sostegno di un progetto in cui abbiamo sempre creduto, affinché potessimo creare qualcosa di bello e veramente nostro. Volevamo anche mostrare la Sardegna come un territorio di cultura, ricco di tradizione e storia, reinterpretando il suo tessuto sociale dal nostro personale punto di vista. Con ogni pezzo e ogni collezione stiamo raccontando una storia.

State riscontrando una maggiore domanda per ChiGlo – o addirittura del settore della moda in generale – da parte dei mercati emergenti come, ad esempio, America Latina, Asia e Africa?
Da Cina e l’Eurasia, compresa la Russia, certamente. Tuttavia è il settore in generale ad assistere alla nascita e alla crescita di hub di consumo nei Paesi in via di sviluppo, come Nigeria, Ghana e Sud Africa; ma anche Brasile, Argentina e Cile. La nostra è un’offerta globale e cerchiamo di adeguare le nostre offerte per soddisfare le esigenze del momento e della singola regione.

La moda si sta globalizzando a un ritmo frenetico: ChiGlo intende anticipare le ultime tendenze culturali e le crescenti richieste del mercato? E come?
ChiGlo continua a crescere e nonostante le sue radici, è “un viaggio intorno al mondo”. Cerchiamo di non trascurare le tendenze stagionali, ma guardiamo anche a ciò che è più richiesto, attraverso regolari sondaggi di mercato, andando a fiere annuali sia affermate che emergenti e frequentando corsi di aggiornamento; impariamo e rimaniamo aggiornati sulle ultime tendenze.

Chi sono i vostri modelli nel settore della moda e dell’arte?
La Sardegna è una fonte di ispirazione di per sé, con i suoi ricchi costumi, simboli artistici, nonché alcuni leggendari conoisseur dell’arte e della moda come Ambra Medda, una direttrice creativa colta, un’artista eclettica, una viaggiatrice e una collezionista di oggetti preziosi. La nostra ammirazione per Ambra è nata sin dal subito, proprio grazie alle sue origini sarde, che abbiamo ammirato a distanza grazie ai social media. Inoltre, più eclettico ma estremamente stimolante è il 94enne Iris Apfel, anch’egli un collezionista di oggetti insoliti, ormai un simbolo globale di stile per il modo in cui comunica ed esprime sé stessa nel mondo della moda, che la rende unica. Onoriamo sempre la sua famosa citazione: “Dimentica le regole, se ti piace una cosa indossala”.

In che modo l’Internet of Things gioca un ruolo nello sviluppo del business?
Costruendo un marchio ed esportandolo all’estero, i social media costituiscono uno strumento di comunicazione estremamente potente; rende il riconoscimento del marchio immediato su scala internazionale ed è per questo che riserviamo particolare attenzione al digitale, senza dimenticare le radici della qualità della moda e le sue ispirazioni tradizionali. Sapendo comunicare, la visione della tua storia è a portata di mano, grazie alla potenza del networking sui social.

Dove immaginate possa arrivare ChiGlo tra cinque anni?
Crediamo che tra 5 anni ChiGlo sarà un marchio ben noto, molto popolare e affermato a New York, Londra e Parigi, le principali capitali della moda. Avremo una forte distribuzione internazionale; speriamo di aprire un flagship store nell’immediato, mantenendo l’unicità e l’identità che caratterizzano il nostro marchio man mano che cresciamo. Non vediamo l’ora di tenere i vostri lettori ben informati sugli sviluppi di ChiGlo.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!