Seguici su
Life 7 ottobre, 2018 @ 10:00

Salone di Parigi 2018: le novità tra le top di gamma

di Emiliano Ragoni

Auto e tecnologia.Leggi di più dell'autore
Etrusco di nascita e di origine. Biologo e collezionista di lauree. Esperto in materia di igiene e sicurezza alimentare e in Sistemi di gestione della qualità. Fin dal 2004 si occupa di redazione di articoli in campo videoludico e hi-tech scrivendo per diverse testate del settore. Negli ultimi sei anni ha scritto di auto e tecnologia per l’edizione italiana dell’International Business Times. Attualmente collabora con DDay e Business Insider Italia. chiudi

 

Porsche Speedster 2018 Concept (Courtesy Porsche)

Al Salone dell’Auto di Parigi 2018 molte delle case automobilistiche europee hanno presentato diverse novità che entreranno sul mercato a partire dal prossimi mesi.

Le Supercar 

Tra le vetture ad altissima prestazione fanno il loro debutto pubblico due nuovi gioielli di Maranello: le Ferrari Monza SP1 e SP2, modelli di cui avevamo parlato anche in un precedente articolo su Forbes.it. Si tratta di modelli destinati ai clienti e ai collezionisti più appassionati e che rappresentano la versione moderna delle auto da corsa degli anni ’50. Dotate di un motore V12 da 810 Cv saranno prodotte complessivamente in 499 esemplari e avranno un prezzo di listino di 1,6 milioni di euro.

In casa Porsche, che saluta definitivamente le motorizzazioni diesel, troviamo la Macan 2019 e la nuova 911 Speedster, vettura che sarà prodotta in 1.948 unità, spinte dal 6 cilindri boxer aspirato di 4 litri e 500 CV di potenza massima accoppiato ad un cambio manuale a 6 marce.

Le altre tedesche

La nuova serie 3 di BMW (Courtesy BMW)

Tra le case protagoniste della rassegna c’è sicuramente BMW, che porta nella capitale francese la versione rinnovata della sua berlina più rappresentativa: la serie 3, che verrà lanciata sul mercato il 9 marzo 2019. La nuova serie 3 cambia molto rispetto al precedente modello soprattutto dal punto di vista estetico. All’anteriore abbiamo una larga calandra e vistosi gruppi ottici; altra particolarità sono i fendinebbia integrati alle prese d’aria. I fari Full- LED sono di serie, mentre i fari Adaptive LED con Laserlight BMW per gli anabbaglianti con raggio di circa 530 metri sono optional. La vista laterale è resa più dinamica dall’accompagnamento delle due nervature a tutta lunghezza. Rivista anche la parte posteriore che presenta gruppi ottici a LED divisi all’altezza del portellone. La casa tedesca continua quindi a puntare sulle berline nonostante il mercato, numeri alla mano, dica che questa tipologia di vetture è in lento ma inesorabile declino.

La nuova Z4 di BMW (Courtesy BMW)

A Parigi ha debuttato anche la nuova Z4, spider dotata dell’immancabile tetto in tela. Oltre al telaio a cambiare è anche il sistema di infotelematica di bordo che può contare sul sistema operativo BMW 7.0 dotato di display a colori da 10,25 pollici sia per il cruscotto digitale che per il monitor centrale. Il top di gamma della Z4 è il modello BMW M Performance, Z4 M40i, dotata di un motore a sei cilindri in linea che eroga 340 cavalli. Un’altra berlina sportiva protagonista dello stand BMW è sicuramente la nuova M5 Competition che può contare su 25 cavalli in più, trasmissione Steptronic a otto rapporti M e trazione integrale intelligente M xDrive. Il V8 consente alla nuova M5 Competition di scattare da 0 a 100 km/h in 3,3 secondi. Debutto europeo anche per la BMW X5, la nuova generazione del SUV della casa tedesca.

Tra le case automobilistiche tedesche, un’altra protagonista è sicuramente la Mercedes, che ha portato alla rassegna la nuova GLE e la EQC, SUV a propulsione elettrica. Debutto anche per la Classe A che con l’aggiunta del terzo volume diventa berlina. Rimanendo sempre in Germania ma spostandoci sul versante del Gruppo Volkswagen da sottolineare la presenza della la e-tron, la prima full electric di Audi.

Le proposte dei padroni di casa

Presenza importante anche per le aziende automobilistiche francesi. Su tutte da sottolineare la vistosa impronta di PSA, che sfrutta il Salone di Parigi per illustrare al pubblico la propria visione dell’auto del futuro che prevede una completa elettrificazione della gamma.

La DS3 Crossback (Courtesy DS)

La DS, marchio di lusso di PSA, ha portato a Parigi la DS3 Crossback e la DS 7 Crossback E-Tense 4×4.

La DS3 Crossback elettrica è la versione elettrica del crossover francese che si va ad inserire in un segmento di mercato in crescita, quello delle elettriche. Dotata di un sistema di propulsione elettrico in grado di sviluppare 136 CV e di batterie da 50 kWh che garantiscono 300 km di autonomia. La DS 3 Crossback è un modello molto importante per il brand francese perché porta la casa francese a presenziare un segmento di mercato molto importante, quello delle crossover premium compatte.

La DS 7 Crossback E-Tense 4×4 è la versione plug-in hybrid che condivide il 1.6 turbo-benzina e due propulsori elettrici presente anche nella nuova Peugeot 3008 Hybrid4; la potenza totale di sistema è pari a 300 CV con 50 km di autonomia grazie alle batterie da 13,2 kWh.

La DS X E-TENSE rappresenta invece la visione del lusso automobilistico secondo DS da qui al 2035. Si tratta di una dream car elettrica e a guida autonoma che si ispira al mondo del lusso con tecnologie che privilegiano “il bello, l’uomo, la parte sensoriale e l’eccezionalità”. È stata ideata pensando a come il cliente tipo vorrebbe viaggiare a bordo di DS nel 2035.

Il meglio dall’Asia e dagli Stati Uniti

La Lexus LC Yellow Edition (Courtesy Lexus)

Il marchio di lusso di Toyota, la Lexus, presenta in anteprima la LC Yellow Edition, la berlina ES e il restyling della RC Coupé. La LC Yellow Edition, disponibile in numero limitato di esemplari, è dotata di un powertrain ibrido da 3.5 litri e 359 CV. La vistosa colorazione Giallo Race, nasce in maniera specifica per la gamma LC e conferisce alla vettura una livrea di aspetto decisamente racing. La nuova berlina Lexus ES sarà invece la prima vettura ad avere gli specchietti retrovisori digitali dotati di telecamere che sostituiscono i cari “vecchi” specchi -gli specchietti digitali debutteranno in Giappone e saranno successivamente introdotti anche negli altri paesi-.

A Parigi va infine in scena anche il secondo bagno di folla europeo anche per la Tesla Model 3, elettrica “popolare” di Elon Musk che nei prossimi mesi dovrebbe essere venduta anche nel vecchio continente.