Seguici su
Investimenti 16 novembre, 2018 @ 9:02

Le criptovalute hanno creato un nuovo miliardario

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Il ceo e co-fondatore di Coinbase, Brian Armstrong, è diventato miliardario secondo le stime di Forbes. (Steve Jennings/Getty Images for TechCrunch)

Nathan Vardi per Forbes.com

Mentre oltre 600 miliardi di dollari di ricchezza in criptovaluta sono andati in fumo negli ultimi mesi nel pieno di un crollo del mercato, l’uomo che rende possibile una grossa fetta del trading della criptovaluta negli Stati Uniti è diventato un miliardario.

Alla fine di ottobre, Brian Armstrong, ceo di Coinbase, operatore exchange di criptovalute, ha ricevuto un round di finanziamento grazie al quale la società da lui cofondata ha raccolto 300 milioni di dollari, portando la valutazione a 8 miliardi di dollari. A questa cifra, la partecipazione di Armstrong in Coinbase vale 1,3 miliardi di dollari, dopo aver applicato un tasso sconto normalmente riconosciuto alle società private. A gennaio, Forbes aveva stimato il patrimonio netto di Armstrong tra 900 milioni e un miliardo di dollari. È possibile che le partecipazioni personali in criptovaluta di Armstrong abbiano subito un duro colpo a causa dei ribassi dei valori di bitcoin, ether e altre monete digitali negli ultimi mesi.

Armstrong ha co-fondato Coinbase nel 2012, e la società è stata così intrecciata con la mania della criptovaluta che in seguito ha persino pagato molti dei suoi dipendenti con i bitcoin. Armstrong, 35 anni, non ha risposto alle richieste di commento per questo articolo.

Ma Coinbase, che ha sede a San Francisco, ha continuato a consolidare la sua posizione di maggiore piattaforma di scambio di criptovalute negli Stati Uniti, raggiungendo risultati finanziari strabilianti. Ha oltre 20 milioni di utenti, è estremamente redditizia e probabilmente genererà 1,3 miliardi di dollari di entrate quest’anno.

Con questi numeri, Coinbase è stata in grado di convincere Tiger Global Management a guidare il recente round di investimenti, a cui hanno partecipato anche altri grandi nomi come Wellington Management e Andreesen Horowitz. Per avere un’idea di cosa sia successo a Coinbase nell’ultimo anno, il suo ultimo round di investimento, di agosto 2017, valutava l’azienda 1,6 miliardi di dollari.

Nell’ultimo anno, Coinbase è stata al centro del boom e del fallimento delle criptovalute. Dopo che Coinbase è diventata l’app per iPhone più scaricata per un breve periodo a fine 2017, le sue azioni sono state scambiate sul mercato secondario con una valutazione di 4,5 miliardi di dollari. Gestisce un’attività di intermediazione, in cui i clienti al dettaglio possono acquistare criptovalute come bitcoin o ether utilizzando un conto bancario, e uno exchange, dove gli operatori possono fare offerte di acquisto e di vendita su criptovalute. Coinbase guadagna soprattutto sulle commissioni che addebita ai suoi clienti, quindi ha continuato a fare bene anche se i prezzi delle criptovalute sono crollati.

Tuttavia il business di Coinbase è legato alle performance future delle criptovalute. Coinbase afferma che utilizzerà i 300 milioni di dollari recentemente raccolti per espandere i collegamenti globali tra valute legali e le criptovalute e per aggiungere altre criptovalute alla sua piattaforma di scambio. Coinbase sta anche lavorando per attirare più istituzioni finanziarie nel trading di criptovalute.