Seguici su
Leader 5 dicembre, 2018 @ 3:55

La classifica delle donne più potenti del mondo nel 2018

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
la cancelliera della Germania Angela Merkel è in cima alla classifica delle donne più potenti del mondo nel 2018 per il l’ottavo anno consecutivo. (Sean Gallup/Getty Images)

Christina Vuleta per Forbes.com
Con Moira Forbes, Ruthie Ackerman e Tanya Klich

Hai percepito qualche cambiamento nel mondo? Quest’anno la potenza è cambiata in tutto il mondo quando le donne hanno raggiunto nuovi traguardi e arrivando a posizioni di potere. Abbiamo visto una nuova classe di leader dirompenti entrare nella lista. Ma abbiamo anche un numero di donne al vertice il cui potere viene messo in discussione o calpestato. Nel mezzo è dove si fa più interessante. Le donne stanno facendo passi da gigante e pianificando il percorso per prendere d’assalto il mondo del lavoro.

In nessun momento è stata data più luce alle donne leader e al bisogno di più diversità. Da #MeToo a #TimesUp a ‘We Too’, un termine usato recentemente per descrivere l’aumento delle delle donne nelle Nazioni Unite quest’anno, le donne si stanno mobilitando per il cambiamento. Nella 15° classifica annuale delle donne più potenti di Forbes sono presenti i leader più forti e intelligenti del mondo al giorno d’oggi. Stanno creando soluzioni per alcuni dei maggiori problemi del mondo e stanno lasciando il segno.

Quindi, chi ha guadagnato, detenuto o perso potere nel 2018?

La cancelliera tedesca Angela Merkel mantiene il primo posto nella lista per l’ottavo anno consecutivo. Anche se recentemente si è dimessa da capo della (CDU) e non è candidata per la rielezione nel 2021, la sua leadership nella più grande economia europea la rende la leader femminile defacto del mondo libero. Mentre i prossimi tre anni saranno segnati dall’incertezza, potrebbe rappresentare meno istituzioni traballanti e più un leader determinato a lasciare un’eredità. Con il suo futuro già deciso, può concentrarsi con la tenacia che la caratterizza ad affrontare tumulti economici e politici per sanare le fratture e creare una Unione europea più integrata.

May ha ereditato il tumulto della Brexit dall’ex primo ministro David Cameron quando si è dimesso dopo la decisione del referendum britannico di lasciare l’UE. Ha trascorso instancabilmente gli ultimi due anni a negoziarne l’uscita, affrontando il respingimento delle fazioni sia pro che antieurope nel proprio partito e nell’opposizione. Con il suo piano di uscita dall’UE approvato dai leader europei, il traguardo storico è a un passo dal realizzarsi. Ora sta lavorando per ottenere l’approvazione del Parlamento, impegnandosi a lottare per una Gran Bretagna unificata e con le sue stesse parole, per “una Brexit che consegna il risultato del referendum”.

Christine Lagarde, a capo del Fmi, è al terzo posto della classifica. (Chip Somodevilla/Getty Images)

Christine Lagarde, l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI), occupa il terzo posto nella lista, passando dall’ottavo posto dello scorso anno, come forza stabilizzatrice che promuove la riduzione dei conflitti commerciali globali. A completare le prime cinque posizioni figurano l’amministratore delegato della GM Mary Barra (n. 4) e il presidente e amministratore delegato di Fidelity, Abigail Johnson (n. 5).

Tra i più importanti abbandoni, ci sono Hillary Clinton (n. 65 nel 2017) fuori dalla classifica. Se da un lato la sua sbalorditiva sconfitta contro Donald Trump alle elezioni presidenziali americane nel 2016 ha stimolato un aumento di donne in corsa per un incarico, senza un ruolo politico attivo o un tour promozionale per tenerla in ambito politico, quest’anno ha perso il suo ruolo. La partenza di Nikki Haley (n. 42 nel 2017), ambasciatore di Trump nel Regno Unito ha perso il suo posto, lasciando un vuoto nei leader politici negli Stati Uniti, nonostante le 110 donne elette al Congresso nelle elezioni a medio termine del novembre 2018.

In una drammatica caduta politica, la leader del Myanmar Aung San Suu Kyi (n. 33 nel 2017) è stata cancellata dalla lista. Con il suo imperscrutabile sostegno alla crisi dei rifugiati musulmani Rohingya, ha perso il rispetto e il sostegno dei leader globali.

Il Primo Ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern è al 27° posto. (Anthony Au-Yeung/Getty Images for New Zealand Trade and Enterprise)

Allo stesso tempo, ci sono punti luminosi con importanti nomine di donne leader nei paesi conservatori, con un messaggio che è quello di prendere sul serio la parità di genere. Questo movimento porta Ana Brnabic (n. 91), prima donna e primo ministro della Serbia apertamente gay e Zewde Sahle-Work (n. 97) prima donna dell’Etiopia a far parte della classifica. Nel frattempo, il Primo Ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern (n. 27), continua a essere una voce fresca, sostenendo le famiglie e normalizzando la genitorialità lavorativa, portando la figlia e il compagno presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Le donne rappresentano ormai circa il 20% dei seggi presidenziali, dei ministri del governo e dei parlamenti in tutto il mondo. Chiaramente, c’è ancora spazio per migliorare, ma questo rapporto è superiore del 5% dei ruoli di ceo detenuti dalle donne.

L’amministratore delegato di PepsiCo, Indra Nooyi (n. 11 nel 2017), si è dimessa in ottobre dopo 12 anni trascorsi alla guida dell’azienda, finendo fuori dalla classifica. Meg Whitman ha lasciato il ruolo di ceo in Hewlett Packard Enterprises a febbraio. Entrambe sono stati rimpiazzati da ceo uomini, accrescendo il vuoto di donne al timone delle multinazionali. Ma in una nuova vita imprenditoriale, Whitman è stata nominata a marzo come amministratore delegato alla nuova startup di mobile video di Jeffrey Katzenburg, Quibi, facendo sì che rimanesse nella classifica al posto 80.

Gail Boudreaux (n. 12) è la new entry più alta a far parte della classifica del 2018. Da quando è stata nominata ceo di Anthem nel 2017, il secondo assicuratore sanitario nazionale ha completato le acquisizioni di America’s Choice, HealthSun e Aspire Health. Boudreaux è un’altra storia di ritorno al potere visto che lei era nella classifica anni prima come presidente di UnitedHealthc.

Aiutare a colmare il vuoto lasciato dalle partenze ceo di alto profilo è una classe impressionante di leader finanziari che sono pronti per un grande futuro. A far compagnia a Johnson di Fidelity nella lista ci sono due potenze di JPMorgan; Mary Callahan Erdoes (n. 33), ceo della divisione di Asset Management, e la cfo Marianne Lake (n. 38). Entrambe sono potenziali contendenti per la carica di amministratore delegato. La ceo di Samba Financial Group Rania Nasher (n. 95) entra in classifica come prima donna ceo di una banca commerciale saudita.

La dinamica Marillyn Hewson (n. 9) irrompe nella top ten quest’anno con la sua leadership innovativa alla Lockheed Martin. In qualità di maggiore appaltatore governativo del paese con un miliardo di dollari di contratti nel 2018, la società beneficia di una grande crescita dal momento che Trump spinge per aumentare le spese militari.

Sheryl Sandberg, coo di Facebook, ha dovuto affrontare diverse problematiche emerse nel 2018. (Justin Sullivan/Getty Images)

La coo di Facebook Sheryl Sandberg (n. 11) è uscita dalle prime dieci posizioni quest’anno dopo che Facebook ha affrontato le crescenti critiche su come ha gestito l’interferenza elettorale e sul suo presunto coinvolgimento per screditare George Soros. La mancanza di trasparenza dell’azienda e di Sandberg arriva in un momento in cui altri leader tecnologici stanno affrontando la privacy dei dati in maniera pubblica. Tuttavia, la reazione alla sua presunta tattica svela un altro doppio volto, in base al quale dalle donne leader ci si aspetta solo soft skill associate alla leadership.

Esplorando ancora il mondo della tecnologia saltano fuori una serie di top manager donna. Il cfo di Microsoft, Amy Hood (n. 28), ha preso parte in 57 deal di Microsoft. Belinda Johnson (n. 69) è salita di 27 posizioni nell’elenco quest’anno con la sua promozione a coo di Airbnb. Ora sta gestendo la crescita della piattaforma da 31 miliardi di dollari che sta preparando la IPO prevista per il 2019. La new entry, Anne Wojcicki (n. 92), cofondatrice e ceo della startup biotech 23andme, fa compagnia a sua sorella Susan Wojcicki (n. 7), ceo di YouTube. Per la prima volta due amministratori delegati sorelle sono rientrate nella classifca.

Susan Wojcicki, ceo di YouTube. (Justin Sullivan/Getty Images)

Gli investitori alimentano sempre di più l’ecosistema tecnologico. La new entry Kirsten Green, fondatrice di Forerunner Ventures (n. 89), continua a cambiare il panorama VC con l’ultimo fondo da 360 milioni di dollari della sua azienda, uno dei più grandi da parte di una società fondata da donne. Solina Chau Hoi Shuen (n. 73) ha molteplici sfere di influenza sugli investimenti. Come direttore della Li Ka Shing Foundation ha investito miliardi nella regione della Grande Cina. Ha anche co-fondato Horizons Ventures nel 2002 con una partner femminile. Horizons Ventures è stata tra le prime a investire in startup tecnologiche che vanno da Facebook a Waze.

Taylor Swift. (Sascha Schuermann/Getty Images for TAS)

Un certo numero di donne che salgono o debuttano nella classifica per la prima volta stanno creando le proprie regole di potere. Un esempio? Taylor Swift (n. 68), la donna più giovane della lista a 28 anni. Con il suo nuovo contratto discografico, Swift sta ridefinendo il modo in cui i musicisti e il loro entourage vengono pagati. Shonda Rhimes, che debutta al 74esimo posto, ha creato Shondaland, il suo blockbuster di giovedì sera su ABC per Netflix, facendo uno dei primi showrunner della storia a firmare un contratto esclusivo a otto cifre con il servizio di streaming. Serena Williams è entrata nella lista al n. 79. Dopo aver vinto il suo 23esimo titolo del Grande Slam l’anno scorso durante la gravidanza, è tornata più forte nel 2018, urlando contro l’industria del tennis per la loro doppia morale nelle regole e nei codici di abbigliamento. Con queste donne che completano la classifica, non vediamo l’ora che aumentino il loro potere.

La metodologia

Ogni anno vengono utilizzate quattro metriche: denaro (valore netto, reddito aziendale, attività e PIL); presenza dei media; sfere di influenza; e impatto, analizzato sia nel contesto del campo di ogni donna (media, tecnologia, affari, filantropia / ONG, politica e finanza) che al di fuori di esso. Quest’anno, con l’aiuto della piattaforma di social insight Captiv8, abbiamo incluso il potere dei social media nella nostra presenza sui media e nel punteggio dell’influenza.

In cifre

Le donne della 15° classifica annuale delle donne più potenti di Forbes rappresentano la leadership femminile di sei categorie: imprenditori, imprenditori, investitori, scienziati, filantropi e amministratori delegati. Sono rappresentati 29 paesi, tra cui 4 nuovi Paesi (Paesi Bassi, Etiopia, Indonesia, Serbia). Ci sono 13 leader mondiali e un monarca, la regina Elisabetta (n. 26), che è anche la donna più anziana della lista. Il 20% della classifica è composto da new entry. Ci sono 13 fondatori, 26 ceo (cinque dei quali sono anche fondatori), cinque direttori finanziari e tre COO. Hanno un’influenza su oltre un miliardo di persone in tutto il mondo e controllano o influenzano quasi 2 trilioni di dollari di entrate.