Seguici su
Business 21 gennaio, 2019 @ 12:05

Chi c’è (e di cosa si parlerà) a Davos per il World Economic Forum 2019

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
(weforum.org)

Da domani e per cinque giorni Davos, piccola città delle Alpi svizzere nel Cantone dei Grigioni, viene letteralmente presa d’assalto rendendo difficile muoversi senza il controllo di un corpo di cecchini dell’esercito svizzero, di guardia negli hotel e all’uscita di ogni conferenza. Il motivo di tanta confusione è l’evento annuale del World Economic Forum, il primo senza delegazione Usa, dove il gotha politico ed economico di tutto il mondo si da appuntamento dal 1971 per discutere di temi caldi come la globalizzazione e la cybersecurity.

Quest’anno, per la 49esima edizione dell’appuntamento, che si svolgerà da domani al 25 gennaio, il tema sarà “Globalization 4.0: Shaping a Global Architecture in the Age of the Fourth Industrial Revolution” con focus particolare sul ruolo giocato dalla tecnologia. Sono previsti oltre 400 panel dove si parlerà anche di ambiente e biodiversità, sociale, e crescita economica.

Ma la nuova edizione sembra far parlare di sé più per le defezioni, che per i temi in agenda. Mancheranno all’appello infatti sia il presidente americano Trump, che per lo shutdown in corso ha preferito rimanere alla Casa Bianca, Emmanuel Macron, causa gilet gialli, e Theresa May costretta a restare a Londra per le trattative sulla Brexit. Tra gli oltre 3mila invitati tra capi di Stato, organizzazioni internazionali, business leader e accademici, per l’Italia saranno presenti il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Giovanni Tria, il ceo di Enel Francesco Starace, il numero uno di Generali Philippe Donnet e l’ad di Mediobanca Alberto Nagel. Assenti, invece, Salvini e Di Maio. Tra i leader internazionali interverranno il primo ministro del Giappone Shinzo Abe, il presidente del Brasile Jair Bolsonaro, il premier spagnolo Pedro Sánchez, la cancelliera tedesca Angela Merkel e diversi capi di Stato africani e sudamericani. A rappresentare le maggiori istituzioni internazionali, infine, anche il presidente della Banca mondiale Jim Yong Kim.

(weforum.org)

E se da un lato si cercherà di dare spazio alle nuove generazioni (ad accompagnare il discorso del ceo di Microsoft Satya Nadella saranno infatti sei giovani leader, tutti Millennials), l’età media dei presenti rimane comunque alta: 54 anni per gli uomini e 49 per le donne. Donne che, per il terzo anno consecutivo, pur rappresentando la maggioranza dei co-presidenti del forum, coprono comunque una quota inferiore a quella degli ospiti maschili. Parata di reali e celebrities infine, con il cantante Elton John e l’attrice Cate Blanchett che verranno premiati per il loro impegno nel sociale (in passato hanno partecipato anche Leonardo Di Caprio e Kevin Spacy) e il principe William che parteciperà al summit per discutere dell’importanza del benessere emotivo e mentale nell’ambiente di lavoro.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!