La cravatta di Goldman Sachs e i costumi emergenti della neo finanza

goldman sachs previsioni 2021 usa
Share

Ormai, la classica mise giacca e cravatta non convince più. Settimana scorsa ha fatto rumore il caso di Goldman Sachs, investment bank newyorkese dove il ceo David Solomon (che prima di vestire i panni di imprenditore in giacca e cravatta è stato anche un Dj da record), ha indicato come nuovo dress code dell’azienda l’abbigliamento casual, consigliando di vestirsi “in linea con le aspettative dei clienti”.

Ma anche nel Vecchio continente le banche si stanno togliendo di dosso i panni stinti di secoli di storia.

Come nel caso della danese Nordea, che ha ospitato una sfilata di moda durante la Fashion Week di Copenaghen. O di altri istituti che ormai si devono confrontare con aziende come Google e Amazon che vantano uffici con sale massaggi e aree dedicate all’intelligenza artificiale. Non a caso alla Danske Bank di Vilnius, in Lituania, si può persino fare un pisolino in uno spazio relax dedicato, sfidare i colleghi a ping pong o giocare alla PlayStation.

E il motivo per cui i luoghi di lavoro di tutto il mondo stanno diventando sempre più informali è sempre lo stesso: i servizi finanziari si sono spostati online e le banche si trovano a competere con big della tecnologia anche per attrarre i talenti della new generation. E così  i colossi bancari guardano a luoghi come Disney e Silicon Valley per “ringiovanire” la grigia immagine del settore bancario.

Scelte di certo non isolate, che seguono quelle adottate nel 2017 quando Goldman Sachs aveva promosso un ambiente di lavoro più rilassato, permettendo di togliere giacca e cravatta al personale della sua divisione high tech.

Share