Seguici su
Business 21 marzo, 2019 @ 10:25

I jeans Levi’s tornano in Borsa e spunta un nuovo miliardario

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Mimi Haas ha una partecipazione di quasi il 17% che vale almeno 1 miliardo di dollari. (Andrew Toth/Getty Images for The Museum of Modern Art)

Levi Strauss & Co., uno dei marchi più famosi negli Stati Uniti, controllato da lungo tempo dalla famiglia Haas, discendente dei fondatori dell’azienda, dopo aver depositato i documenti per la quotazione sulla Borsa di New York, torna oggi a Wall Street. Le azioni varranno 17 dollari per azione, sopra la forchetta indicata che andava da 14 a 16 dollari. Superate le aspettative per quanto riguarda la valorizzazione complessiva, che raggiunge i 6 miliardi di dollari e mezzo. La società ha raccolto $ 623 milioni, in linea con le stime che erano comprese tra i $ 600 milioni e $ 800 milioni. Già nel 1971, la società debuttò in Borsa, ma la famiglia Haas la delistò nel 1985.

Complessivamente i 6 membri della famiglia Haas, che fanno parte di uno dei clan più ricchi d’America, possiedono il 63% di Levi’s in totale, secondo i documenti presentati alla SEC dalla società. Il maggiore azionista, Mimi L. Haas, secondo le stime di Forbes, ha una partecipazione di quasi il 17% che vale almeno $ 1 miliardo.

Levi’s ha accumulato entrate nel 2018 di quasi $ 5,6 miliardi, in aumento del 14% rispetto all’anno precedente. Sulla base di tali ricavi e di società comparabili nel settore dell’abbigliamento, Forbes stima che la società valga circa $ 6,4 miliardi, fruttando ai sei membri della famiglia Haas un valore di circa $ 4 miliardi. Nel 2015, Forbes ha valutato l’intera famiglia Haas (escluse le azioni di proprietà delle proprie fondazioni di beneficenza) a $ 3,7 miliardi.

Sempre in quell’anno, Forbes ha scoperto che il 44% di Levi Strauss era di proprietà di oltre 200 azionisti, molti dei quali erano parenti. È probabile che questi azionisti siano ora desiderosi di avere la loro ricchezza in azioni pubbliche più facilmente negoziabili. John D Morris, analista senior di abbigliamento di marca presso D.A. Davidson, dice che ora è un buon momento di tornare in Borsa per il produttore di jeans. “Stiamo tornando a un ciclo denim favorevole…e questo è molto positivo per Levi’s”, ha detto Morris a Forbes. “In questa particolare evoluzione delle tendenze della moda, ci stiamo allontanando dalle prestazioni/abbigliamento sportivo e c’è un ritorno al denim”.

Morris non è l’unico analista a notare un aumento delle vendite di denim. Secondo una ricerca del gruppo NPD, pubblicata a settembre, le vendite di jeans in denim sono cresciute del 5% nell’anno terminato a luglio 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017. NPD stima il mercato statunitense dei jeans intorno ai $ 16,4 miliardi.

Inoltre, con il calo delle vendite dei grandi magazzini e l’aumento delle vendite di e-commerce, è probabile che i marchi noti vedano vendite più elevate. “Stiamo anche tornando in un ciclo dove il marchio regna”, afferma Morris. “Levi’s è una delle etichette più riconoscibili, se non le più riconoscibili, del denim. Credo che nel corso degli anni le tendenze relative all’e-commerce e online siano cambiate … ed è tutto incentrato sulla marca. Quando i consumatori pensano ai capispalla, non vanno da Macy per fare acquisti, passano online e pensano al loro marchio preferito o ai marchi più noti”.

La storia dell’azienda comincia nel 1853, quando un immigrato bavarese di nome Levi Strauss iniziò un’attività di commercio all’ingrosso di prodotti secchi a San Francisco, vendendo forniture ai minatori durante la Gold Rush in California. Nel 1873, Strauss inventò il primo paio di jeans blu denim, che reggevano bene sotto la fatica dell’estrazione dell’oro e divenne il prodotto distintivo dell’azienda. Oltre 150 anni dopo, nel 2018, la società aveva un reddito annuo di 5,6 miliardi di dollari. I suoi jeans sono venduti in oltre 50.000 negozi in tutto il mondo. Levi’s, con la sua iconica etichetta rossa sulla tasca posteriore, è diventato uno dei simboli americani.

Levi’s è anche sinonimo di imprenditorialità e dinastia familiare. Sebbene la fondatrice Levi Strauss non avesse avuto figli, lasciò l’azienda ai suoi quattro nipoti e fu tramandata di generazione in generazione. Dopo la seconda guerra mondiale, i fratelli Peter Haas, Sr. e Walter Haas, Sr. hanno rilevato Levi’s e l’hanno trasformata in un marchio internazionale. Mimi Haas, la vedova di Peter Haas, era alla guida della compagnia dal 2014 al 2018. Peter Haas Jr., figlio di Peter e figliastro di Mimi Haas, ha iniziato come manager nel 1972 ed è ora director.

Mimi, Peter Jr., sua sorella Margaret E. Haas e il loro cugino Robert D. Haas possiedono collettivamente quasi il 41%. Altri parenti, tra cui Daniel S. Haas, Jennifer C. Haas, possiedono il 12% della società. Il fondo familiare Peter E. Haas Jr., un’entità caritatevole, possiede il 7,7%. Charles “Chip” Bergh è stato ceo della società dal 2011 e ha la possibilità di acquisire il 2,4% delle azioni della società.

Vuoi ricevere le storie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti (gratis) alla nostra newsletter!

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!